Michel Platini contro il Var: ” Così si uccide il calcio, facendo diventare l’arbitro un burattino”

Michel Platinì contro la Var

Michel Platini è intervenuto ai microfoni de L’Equipe attaccando duramente il Var.

“Prendiamo ad esempio la finale della Coppa del mondo: c’era la Var, eppure, sul primo goal della Francia scaturito da un calcio di punizione, a mio avviso non c’era il fallo iniziale del croato E sul secondo goal dei transalpini (rigore di Griezmann), è stata la regia Var a chiamare l’arbitro che è diventato una sorta di burattino. Lì c’era o non c’era la mano del croato? Tutta la Croazia ha gridato all’involontarietà del fallo e tutta la Francia ha chiamato il rigore: dove è il progresso, dove è la giustizia. Rimane l’interpretazione”.

FIFA – Secondo le statistiche della Fifa la percentuale di decisione corrette è salita dal 95 al 99,3%? Conosco la Fifa, è il loro lavoro trovare statistiche che vanno nella loro direzione. Al limite, il video può davvero aiutare a giudicare una palla che attraversa o meno la linea di porta, o per il fuorigioco, perché queste decisioni si basano su fatti precisi: dentro o fuori. Non c’è spazio per l’interpretazione, ma anche lì è pericoloso. Chissà, magari un domani i capitani e i portieri avranno le cuffie e gli allenatori saranno in grado di parlare con loro e guidarli nel bel mezzo della gara: ‘Gioca sulla sinistra. Giusto’. In questo modo, sicuramente uccideremo il calcio come è già successo per ciclismo e F1, o abbiamo già ucciso gli arbitri. Perché tutti i dirigenti del mondo arbitrale sono a favore del Var? Perché si proteggono le spalle e perché stanno sempre dalla parte di chi li foraggia”