Connect with us

News

Mauri, la Corte si riunisce

Published

on

mauri scommesse

E’ in arrivo un’altra puntata del processo che vede implicato il capitano biancoceleste Stefano Mauri, coinvolto nel calcioscommesse per le partite Lazio-Genoa e Lecce Lazio del maggio 2011. Nella giornata di oggi infatti, è in programma l’interrogatorio di Zamperini. Non sarà presente il centrocampista del club capitolino, come confermato in esclusiva dall’avvocato della Lazio, Gian Michele Gentile, ai nostri microfoni: “Mauri non ci sarà, ci saranno gli avvocati. Zamperini dovrebbe venire, vediamo”. Lo stesso Zamperini è intenzionato a non presentarsi, non è più tesserato e quindi può non rispondere alla giustizia sportiva. Già questa sera i giudici potrebbero riunirsi in Camera di consiglio: la sentenza potrebbe arrivare anche in giornata o slittare di qualche giorno.

Dall’illecito sportivo (richiesto dal Procuratore federale Stefano Palazzi) all’assoluzione ricercata dai legali di Mauri: lo spettro delle ipotesi nel processo al capitano biancoceleste è ampio. Il rischio di una condanna per illecito c’èsqualifica di 3 anni e 6 mesi per il giocatore epenalizzazione (3 punti) per la Lazio sarebbero le conseguenze. Come sottolinea la Repubblica – nel pezzo a firma di Giulio Cardone e Marco Ercole – c’è però in ballo un’esito alternativo: il numero 6 laziale potrebbe essere squalificato per la violazione dell’art. 1 (slealtà sportiva), in aggiunta a quella del divieto di scommesse. Per Mauri lo stop arriverebbe a un massimo di due anni, mentre la classifica della Lazio non ne uscirebbe intaccata. I legali restano ottimisti, confidano che la squalifica non vada oltre i quattro mesi. Anche nel caso di condanna per illecito – riporta sempre la Repubblica – la Lazio non dovrebbe rischiare l’esclusione dall’attuale Europa League: la responsabilità sarebbe in ogni caso oggettiva e non diretta, oltretutto escludere un club a gironi iniziati sarebbe una forzatura complicata. Anche dopo la sentenza di secondo grado, comunque, il processo potrebbe non conoscere la sua fine: il passo successivo sarebbe il ricorso al Tnas (Tribunale Nazionale Arbitrale per lo Sport), dove la questione – secondo il Corriere dello Sport – non verrebbe affrontata prima di dicembre. Sulle pagine del Tempo si leggono infine le parole dell’avvocato Roberto Ruggiero, uno dei legali di Alessandro Zamperini: Non risponderemo alla convocazione della Corte Federale, questa non è giustizia. L’ex calciatore non risponderà alla convocazione della Corte, il suo avvocato non predica fiducia nella giustizia sportiva: Perché non presuppone un giudice terzo, dunque è anticostituzionale. Il metodo utilizzato è inaccettabile, ricorda Mani pulite: si chiede ad una persona di dire cosa serve e si condanna un tesserato. I giudici sposano una tesi e la impongono, per l’antitesi non c’è alcuno spazio: questo gioco non mi appartiene né mi riguarda“. Oggi pomeriggio, quindi, niente passaggio negli uffici di Via Campania:Difendo un diritto del mio assistito, che ha la facoltà di non rispondere. L’illecito sportivo, del resto, dipende dalla certezza dell’illecito penale: se in tale sede Zamperini sarà assolto, chiederemo i danni alla Federcalcio“. Alla domanda se Mauri sia colpevole, l’avvocato Ruggiero risponde:Zamperini lo ha sempre escluso in modo categorico“.

Continua la Lettura
Advertisement

Since1900, Affiliato ufficiale di Binance

Advertisement

Ultime notizie

Classifica

Advertisement

Copyright © 2023 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.