Connect with us

News

Luis Alberto a Goal.com: ” Scordiamoci dello scudetto, “Inzaghi il colpevole del momento””

Published

on

luis alberto siviglia

Luis Alberto è intervenuto ai microfoni di Goal.com parlando del suo periodo d’oro con la maglia della Lazio che, da quando è arrivato a Roma, ha alzato già 3 trofei con la casacca biancoceleste.

“La vittoria del mio terzo titolo alla Lazio, sia per me che per il progetto messo in atto società, penso che sia qualcosa di molto speciale. La squadra sta disputando un’ottima stagione e non ci sarebbe potuto essere miglior regalo di Natale che chiudere l’anno con un nuovo trofeo. È un premio a questo gruppo e al buon lavoro che la Lazio sta facendo”

Simone Inzaghi

“Il vero “colpevole” di questo grande momento è solo Simone Inzaghi. Siamo con lui da quasi 4 anni e praticamente siamo sempre gli stessi, ci sono stati solo piccoli cambiamenti e ci conosciamo molto bene. Va dato merito anche alla società per il grande blocco che ha saputo creare. Ci fidiamo del mister e sappiamo che quest’anno potremmo fare il salto di qualità che stavamo aspettando. Le cose stanno andando bene per noi, siamo in corsa per i nostri obiettivi. Per raggiungerli dovremo mantenere sempre questo livello molto alto di prestazioni.”

“Mi sento benissimo, come mi sono sentito spesso qui a Roma. Voglio dare il mio meglio e metterlo al servizio del gruppo. Ora sappiamo di stare bene e dobbiamo restare su questa lunghezza d’onda”. Sono riuscito a diventare il giocatore completo che volevo essere, un giocatore in grado di competere ai massimi livelli. Ho fatto un salto in avanti per essere pronto a qualsiasi incontro, ma grazie alla fiducia dell’allenatore e del gruppo tutto mi è stato reso più facile”.

 Lo scudetto

Lo Scudetto non è un obiettivo razionale. Per ora dobbiamo dimenticarlo. Guardiamo partita per partita e, ad aprile, valuteremo a che punto ci troveremo. Ma sono sicuro che se la squadra dovesse continuare a competere su questi livelli e con questa mentalità vincente, alla fine raggiungeremo i nostri obiettivi. Naturalmente, se abbassassimo la guardia poi faremmo un passo indietro che non possiamo permetterci. Siamo consapevoli che negli ultimi anni non abbiamo raggiunto i traguardi che ci eravamo prefissati perché non siamo riusciti a restare forti fino alla fine. Abbiamo imparato dai nostri errori e ciò non accadrà più“.

Nazionale

 “Il mio obiettivo personale è sempre quello di giocare, dare di più e migliorare. Ma chiaramente il desiderio numero uno resta quello di raggiungere la nazionale spagnola. Indossare la maglia del mio paese è una cosa importante. So che sto bene, devo continuare così, cercando di mantenere questo mio livello elevato di prestazioni in modo da finire in quell’ultima lista di convocati per Euro 2020. Il ct deve scegliere chi si adatta meglio al suo stile. Sarebbe un’illusione, un sogno diventato realtà, ancor più pensando di giocare un campionato europeo. Devo continuare a lavorare per sperare di ottenere una chance”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Le pagelle biancocelesti di Lazio Bologna

Published

on

La Lazio vince, già questo basterebbe a far venire il sorriso a tutti i supporters laziali, e convince.

I biancocelesti si ritrovano a fronteggiare un Bologna ostico ed organizzato, venuto a Roma certamente nel tentativo di portare a casa dei punti.

I ragazzi di Sarri, in 10 per 45 minuti, rimontano la partita con grinta e caparbietà, facendo esplodere di gioia un Olimpico rovente.

LE PAGELLE:

LAZIO Maximiano 4; Lazzari 7.5 (83′ Hysaj), Patric 6, Romagnoli 6.5, Marusic 6; Milinkovic 7 (83′ Vecino 6), Cataldi 6 (65′ Luis Alberto 6.5), Basic S.V. (8′ Provedel 6.5); Felipe Anderson 5.5 (83′ Cancellieri 6.5), Immobile 7, Zaccagni 6

Leggi anche:   Lazio - Bologna, le parole di Sarri in conferenza stampa
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Coragem Luís!

Published

on

luis maximiano

È stato un esordio difficile quello di Luís Maximiano, durato soltanto 7 minuti. L’errore di andare a prendere la palla fuori dall’area di rigore usando le mani gli è costato il cartellino rosso. C’era tanta attesa per il suo esordio in Serie A, nonostante le molteplici amichevoli giocate nella pre-season biancoceleste. Dopo nemmeno 10 minuti Sarri è stato costretto a togliere Basic per far entrare in campo il sostituto del portoghese, l’ex Empoli Ivan Provedel, che con un ottima prestazione ha incantato l’Olimpico.

Sui social Luìs è stato notevolmente deriso dai tifosi biancocelesti e non. Il grave sbaglio, che ha lasciato la Lazio con un giocatore in meno, sembrerebbe cancellare ciò che di buono ha fatto nella scorsa stagione con il Granada. Abbiamo parlato con alcuni giornalisti spagnoli, e di lui ci hanno parlato davvero molto bene. Ma basterebbe soltanto riguardare qualche partita dei Rojiblancos per capire di che stazza è fatto il portoghese.

Gli insulti quindi sono inutili. Ridere e incazzarsi ci sta, senza dubbio, ma non bisogna mai superare il limite. Avrà modo di rifarsi davanti al suo pubblico. D’altronde quando è arrivato a Roma le aspettative erano tante. La voglia di rivederlo tra i pali ora è ancora più forte.

Coragem Luís! Una giornata storta può capitare a tutti.

Leggi anche:   Lazio - Bologna, le parole di Sarri in conferenza stampa
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Conferenza Stampa SS.Lazio

Lazio – Bologna, le parole di Sarri in conferenza stampa

Published

on

sarri acerbi

La Lazio porta a casa i primi tre punti della stagione con una vittoria di misura contro il Bologna. Di seguito le dichiarazioni rilasciate da Maurizio Sarri nella conferenza stampa post-partita:

“La partita è stata difficile, sembrava una di quelle gare dove ogni episodio ti va contro. La mia preoccupazione era giocare tutta la partita con questo clima. Sono soddisfatto di come la squadra ha tenuto a livello fisico, ma anche dell’aspetto tattico e caratteriale. Siamo riusciti a ribaltare la gara al primo momento utile. 

Ho protestato per tutta la partita ed anche giustamente. Non entro nel merito degli episodi ma la conduzione della gara non mi è piaciuta. 

Prima pagina Gazzetta? Basta non leggere i giornali, io non me ne ero accorto. 

Gli ingressi sono stati tutti di alto livello. Provedel è entrato benissimo, Luis Alberto si è messo in un ruolo che non è suo e si è messo davanti la difesa e lo ha fatto molto bene. Hysaj l’ho visto in grande crescita, Vecino bene ma so che può fare ancora di più. Cancellieri mi ha sorpreso davvero tanto. 

Cancellieri sta facendo un percorso per fare anche un altro ruolo, ora non possiamo chiedergli tutto e subito. Se entra come oggi può fare benissimo l’attaccante centrale. A livello di movimenti ha un ottimo attacco della profondità innato. Vediamo e poi decidiamo se farà l’esterno o il centravanti. 

Lo scorso anno nella classifica dei ribaltamenti del risultato siamo stati una delle squadre migliori. Poi un carattere come quello di oggi l’ho visto raramente. Ora vediamo sulla continuità se siamo leoni oggi e domani torniamo gatti. 

Romagnoli ha chiuso la gara con un po’ di affaticamento ed era normale. A me piace perché è intelligente, ha delle letture importanti e questo sopperisce ad una piccola mancanza di velocità. Per me diventerà un punto di riferimento di questa difesa. 

È inutile parlare con Maximiano in questo momento, appena siamo entrati nello spogliatoio ha chiesto scusa a tutti. È un errore e ci può stare, dobbiamo accettarlo. Le scelte future non si baseranno su un singolo errore”. 

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design