Connect with us

News

Lotito sbrocca a Salerno :” Vi mando a pascolare “

Published

on

classifica direttori sportivi serie a

lotito tareIl Lotito furioso. No, non è né un un’opera né una nuova commedia teatrale. Ma il presidente Claudio Lotito usa parole forti durante la trasmissione Goal su Goal di LiraTV. Si parla della Salernitana, dei giornalisti e dei calciatori che mettono poco impegno in campo. La partita sottotono dei granata contro l’Ascoli ha fatto sbottare il presidente: “A Salerno si fanno troppe chiacchiere, se si continua così rivoluzionerò tutto cambiando radicalmente registro. Gli stipendi si devono guadagnare, non basta chiamarsi Tizio e Caio per meritare i soldi. Bisogna andare sul campo a sudare, non voglio chiacchiere ma fatti. La stampa crea problemi all’interno dello spogliatoio. Se si continua così caccio via tutti, giocatori e mezzi di informazioni. Non voglio alibi, la partita andava vinta 4-0: la colpa è dei giocatori, non di Sanderra. Oggi sul giornale è uscito tutto quello che ci siamo detti negli spogliatoi. Farò smettere di giocare chi ha parlato. Abbiamo allestito una squadra competitiva, se non si cambia registro azzero tutto” – si legge su salernonotizie.it. Un Lotito minaccioso, il pareggio 1 – 1 con l’Ascoli e un campionato un po’ anonimo gli fanno lanciare l’ultimatum: “Darò 10 giorni per cambiare, altrimenti faccio scomparire il calcio a Salerno, vi mando in Serie Z e spedisco i calciatori a pascolare. Gioca chi merita, basta dissapori fomentati dai mezzi d’informazione. Io parlo di calcio, voi fate chiacchiere. A Salerno c’è un sistema di 30 anni fa, si usano giocatori per sapere cose di spogliatoio. Bisogna avere spirito di gruppo, sacrificio e concentrazione. Ora basta chiacchiere!”

Continua la Lettura
Advertisement

Since1900, Affiliato ufficiale di Binance

Advertisement

Ultime notizie

Classifica

Advertisement

Copyright © 2023 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.