Connect with us

Calciomercato Lazio

Lotito il magnager :” Pesavo 67 kg, guardate come m’ha ridotto lo stress “

Published

on

lotito
Era in programma oggi la riunione del Consiglio federale in via Allegri, a Roma, presso la sede della Figc. A margine dei lavori, il presidente laziale Claudio Lotito ha voluto tracciare un bilancio della sua esperienza in sella al club capitolino, rapporto giunto al nono anno: “Dal punto di vista fisico vivo un dramma, pesavo 67 kg prima di acquistare la Lazio, guardate ora come mi sono ridotto con lo stress. Quello del calcio è un mondo particolare che va rivisitato, questa grande esposizione mediatica fa saltare tutti gli schemi ed il buon senso. Oggi ci troviamo a convivere con una serie di problematiche, a causa di logiche e normative di 20 anni fa.Pentito? No, ma ho fatto 20 anni di battaglie intraprese su tutti i fronti, ho dato delle scosse al sistema, che fatica a liberarsi di certi fardelli. Il calcio italiano sta perdendo credibilità dal punto di vista del peso contrattuale, sono assottigliate le risorse perché non c’è stata una politica di adeguamento delle strutture”.

Per quanto concerne il calcio giocato, così Lotito si esprime su Zarate e sullo spinoso caso sorto attorno all’argentino, l’acquisto più caro della gestione Lotito: “Se lei raccoglie dei frutti da un albero, può darsi anche di trovarne alcuni che sono andati a male. Se una persona non ha un forte equilibrio, soprattutto in una città difficile e pressante come Roma, rischia di essere travolto assumendo comportamenti non in linea con la realtà.Parliamo di cose serie, la Lazio ha fatto tanti acquisti. Biglia sta andando oggi in ritiro, cose che prima non accadevano anche perché ancora oggi sto pagando delle gestioni precedenti”.

HERNANES E IL MERCATO IN ENTRATA – Il brasiliano nella giornata di ieri ha affermato: Resto alla Lazio? Solo il tempo ce lo dirà…. Parole che non posso lasciare tranquilli i tifosi biancocelesti. Il futuro del Profeta resta avvolto da un alone di mistero, non secondo il presidente Lotito: “Io non leggo cosa dicono i giocatori. A me interessa che i contratti vengano rispettati. Non mi devo fasciare la testa ora, anzi mi è sembrato che Hernanes abbia sottolineato di voler rimanere in una società che lo soddisfa, che lo ha messo in condizione di tornare nella Nazionale del proprio paese”.

Leggi anche:   Acerbi, direzione Inter?

Da una possibile partenza agli arrivi. Non si contano oramai più gli attaccanti accostati alla compagine biancoceleste. Da Matri a Emeghara, da Quagliarella a Benteke. Spetterà a Petkovic valutare se il parco attaccanti è idoneo per lottare su tre fronti: In attacco abbiamo Klose, Floccari, Kozak, Perea (sottolineato, ndr), Rozzi, Keita e altri giocatori portati dal settore giovanile. Sta all’allenatore stabilire se questi giocatori sono idonei per giocare un campionato competitivo o meno. La società si è mossa per farlo, anche perché sarà un campionato difficile visto che tutte le squadre si sono rinforzate”.

MAURI – Meno di una settimana, poi sarà tempo di processi sportivi. Stefano Mauri e la Lazio si presenteranno di fronte alla Commissione Disciplinare della Figc per rispondere delle accuse mosse da Palazzi sulle presunte combine nelle gare con Genoa e Lecce del maggio 2011. Accuse tutte da provare, che hanno compattato l’ambiente biancoceleste: “La società dovrà rispondere per la responsabilità oggettiva -dichiara Lotito-, altra impalcatura desueta di un sistema che non ha più motivo di esistere. Se io società ho messo in campo tutta una serie di azioni volte a prevenire certi fenomeni, perché dovrei risponderne? Sono infastidito da questa situazione perché viene minata la credibilità indirettamente della società attraverso un’ipotesi di danno che non dovrebbe esistere”.

Il presidente continua e torna sulla squalifica che costrinse la Lazio a giocare ben due gare di Europa League a porte chiuse“E’ come la chiusura dello stadio in Europa League,  quando per 28 persone su 60mila spettatori è stato chiuso l’impianto. Ora la UEFA sulla mia istanza ha cambiato il regolamento dividendo lo stadio per comparti. Ma dopo tre anni, poi, uno può pagare per fatti riferiti e non conclamati? Poi ci possono essere comportamenti ingenui -continua Lotito-,  io non posso essere condannato perché frequento certe persone. La condotta del giocatore deve essere nel rispetto del codice , però,  da qui a criminalizzare una persona per valutazioni e frequentazioni esterne non finalizzate a un determinato comportamento ce ne passa. Mauri lo vedo sereno da tre anni. Parliamo di fatti riferiti al campionato 2010-11. Io vorrei riportare questa logica nell’ambito del sistema giuridico ordinario”. Si annunciano giorni roventi.

LALAZIOSIAMONOI

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Calciomercato Lazio

Mertens al Galatasaray: il tweet del club turco

Published

on

mertens galatasaray

Sembrerebbe che la decisione di Dries Mertens sia arrivata. L’ex Napoli è ad un passo dal Galatasaray con il club turco che ha avanzato una proposta di contratto maggiore rispetto a quelle arrivate da Lazio, Juve, Maiorca e altre squadre europee e italiane.

Nella giornata odierna, il Galatasaray ha tweettato un video con degli orari da Milano per Bruxelles e dalla capitele Belga ad Instanbul.

Leggi anche:   Mertens al Galatasaray: il tweet del club turco
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Luis Alberto, Ilic ed il Siviglia, si inserisce la famiglia dello Spagnolo

Published

on

luis alberto

Luis Alberto Siviglia | L’uomo più chiacchierato in questa fase di calciomercato della Lazio è Luis Alberto. Nella prima parte del mercato il Siviglia si è fatto sentire molto debole per un’offerta per lo spagnolo ma che non ha chiuso del tutto le porte. Lo stesso Maurizio Sarri ha dichiarato che questa è la seconda stagione che il giocatore sogna di chiudere la sua carriera nel posto e nella squadra che ama. Un campanello che ha suonato in casa Lazio con Claudio Lotito che, secondo alcune fonti attendibili, ha già bloccato Ilic dell’Hellas Verona. Il centrocampista potrebbe approdare nella Capitale con la cessione dello spagnolo. Una cessione che sembrerebbe sempre più vicina visto che il numero 10 biancoceleste non è stato convocato per l’amichevole Real Valladolid-Lazio insieme ad Acerbi ed Akpa Akpro. Si era parlato anche di un attacco influenzale ma sono sempre più forti le voci dell’addio.

Il presidente biancoceleste però aspetta il Siviglia e non vuole cedere il suo mago con un’offerta inferiore ai 23 milioni di euro.

Luis Alberto al Siviglia: l’appello della Mamma e del Fratello

Intanto anche la mamma di Luis Alberto lancia l’appello a Monchi per portarlo al Siviglia e lo fa tramite la trasmissione televisiva Jugones:

“Caro Monchi, riporta a casa mio figlio. Il suo ritorno sarebbe il sogno di tutti. Potrei andarlo a vedere di persona, non me lo perderei mai. Il mio biglietto è già prenotato!”.

Parole accompagnate anche da Vicente, il fratello di Luis Alberto:

E anche il fratello del Mago, Vicente: “Per me sarebbe un orgoglio avere un fratello che gioca nella Primera Division”.

Leggi anche:   Luis Alberto, Lazio e la stampa allarmista... nessun caso!
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Acerbi, direzione Inter?

Published

on

Nulla di tecnico, a fine stagione ha espresso il desiderio di cambiare aria e la società cercherà di accontentarlo, per questo sono stati fatti altri programmi”. Sono queste le parole espresse dall’allenatore biancoceleste Maurizio Sarri a proposito del futuro di Acerbi nell’intervista al Corriere dello Sport. L’allenatore ha quindi confermato una delle prossime cessioni del mercato biancoceleste. Ma dove continuerà la carriera del difensore vizzolese?

Durante questa sessione estiva di calciomercato sarebbero state tante le squadre interessate ad Acerbi. Torino e Milan sembrerebbero aver fatto soltanto dei sondaggi, ma ad oggi ancora nessuna offerta.

Il Napoli invece, dopo la cessione di Koulibaly, sembrerebbe aver avuto contatti con il giocatore e con la società biancoceleste per cercare di portare in squadra il difensore prima dell’inizio del campionato. Contatti che poi si sono fermati dato che i partenopei hanno sostituito il senegalese con il coreano Kim Min-jae.

La squadra più in pole per l’acquisto del difensore è, almeno in queste ultime ore, l’Inter di Simone Inzaghi. L’allenatore neroazzurro vorrebbe riabbracciare Acerbi a Milano dopo averlo già allenato nella capitale. Al giocatore piacerebbe molto la destinazione e la squadra milanese potrebbe, nei prossimi giorni, cominciare a trattare con i capitolini. Il biancoceleste partirà soltanto con un offerta di almeno 4 milioni, che potrebbe comunque abbassarsi durante la trattativa.

I tifosi dell’Inter però non lo vorrebbero avere in squadra…

Leggi anche:   Mertens vicino al Galatasaray
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design