Connect with us

News

Le scuse di Michela Andreozzi ai microfoni biancocelesti

Published

on

“Mi hanno regalato una gonna celeste, ora mi manca solo la maglia, ma quella la possiede già mio fratello. Mi dispiace tanto di aver ferito l’orgoglio delle persone con la mia “battuta”, avevo già chiesto scusa, ma era importante farlo a voce così che gli altri potessero sentirlo. Non essendo tifosa, non ho compreso e forse non comprendo ancora adesso, quanto la fede dei tifosi sia viscerale.

Porterò le pasterelle a Formello; inoltre, voglio raccontare una storia vera. Io vengo da una famiglia mista, in cui mio padre e mia sorella tifano Roma e mio fratello la Lazio. Questa sua fede biancoceleste deriva dal fatto che un mio zio, che si chiamava Werther, rimase vedovo e venne a vivere con noi. Aveva un figlio da un precedente matrimonio che però non voleva assolutamente vederlo, e lui era molto dispiaciuto per questo. Mio zio regalò la prima tessera d’abbonamento a mio fratello e lo portò allo stadio, riversando su di lui la sua enorme passione per la Lazio. Più avanti mio fratello ha scoperto che il figlio del precedente matrimonio dello zio era allo stadio con lui e sedeva poche file più avanti. Grazie alle partite della Lazio, mio zio riusciva a vedere il figlio che altrimenti non avrebbe avuto altro modo di incontrare. Questa è una storia particolare e bella che non ho mai raccontato.

Non essendo dentro il calcio e non portando nel cuore nessuna squadra, non tradisco nessuno. Ho studiato la storia della Lazio grazie agli interlocutori che mi hanno scritto in maniera educata e pacata mentre ho lasciato perdere chi ha offeso la mia persona. Questo chiarimento mi ha fatto piacere umanamente perché sono una persona pacifica ed a favore della tranquillità e serenità. Ferire l’orgoglio delle persone era l’ultima delle mie intenzioni e mi dispiace molto per l’accaduto”.


Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Bianchessi dice addio alla Lazio: il ringraziamento della società

Published

on

bianchessi lazio

Nelle scorse settimane la Lazio ha ricevuto le dimissioni di Mauro Bianchessi. Il direttore del settore giovanile ha voluto riavvicinarsi a casa e alla sua famiglia. Ecco il ringraziamento della società biancoceleste:

“Nelle scorse settimane il direttore del settore giovanile Mauro Bianchessi aveva manifestato la volontà di riavvicinarsi a casa e alla sua famiglia e, di conseguenza, di porre termine con anticipo al suo impegno contrattuale con la S.S. Lazio.

Rispettando il suo desiderio, la S.S. Lazio lo ringrazia per il lavoro svolto con professionalità, dedizione e impegno da luglio 2017 ad oggi.

L’attuale dirigenza, che al momento sovraintende le attività della Lazio Primavera e di Lazio Women, subentrerà quindi da subito nelle funzioni relative anche al settore giovanile, in attesa che nei prossimi giorni si definisca e si completi l’organigramma del comparto”.

Il direttore del Settore Giovanile della S. S. Lazio, Mauro Bianchessi ha reso nota una lettera con la quale annuncia la decisione, condivisa con il Club, di anticipare la sua uscita:

“Per sopraggiunti impegni personali, dal 1° aprile, di comune accordo con il presidente, sen. Claudio Lotito, al quale va tutta la mia stima, riconoscenza, gratitudine e affetto, comunico che non sarò più presente a Formello in qualità di direttore responsabile del Settore Giovanile maschile e femminile. Dal 1° maggio 2023 andrò comunque in pensione. Ringrazio tutti i miei fantastici collaboratori, i tecnici, gli impiegati, tutti i calciatori e le loro famiglie per questi anni straordinari trascorsi insieme. Auguro alla Società e alla “famiglia” Lazio, tutto il meglio.
Con affetto e riconoscenza.
Mauro Bianchessi”.

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Advertisement

Post In Tendenza