Connect with us

News

Le ore della verità !

Published

on

POLIZIA POLACCAUn’altra notte in carcere, un’altra notte buia, infinita. In Polonia infuria la bufera, la tempesta Xaver s’è abbattuta sul Paese. La neve ha fatto danni, ha reso ancora più gelido il clima. I ventidue laziali rinchiusi nel carcere di Bialoleka, a fatica, iniziano ad intravedere luce e libertà. La settimana che si aprirà domani sarà decisiva, le posizioni saranno vagliate definitivamente, si fisseranno cauzioni e scarcerazioni. Tante famiglie stanno battagliando legalmente in mezzo alla tempesta pur di riportare a casa i parenti. Sono a Varsavia da giorni, partecipano ad incontri e riunioni, fanno la spola tra l’Ambasciata d’Italia e il carcere, riempiono scatoloni con viveri e vestiti. Dopo l’ultima riunione con gli avvocati (datata venerdì) i sorrisi son sembrati più morbidi. I ragazzi in cella hanno iniziato a sperare ricevendo la visita dei loro cari, sono supportati anche da una psicologa, non sono soli. «Che ha fatto la Lazio col Napoli?» , chiedeva qualcuno. « E’ vero che è morto Mandela?» , s’informava qualche altro.

LE TAPPE – Ci siamo, tra domani e dopodomani dovrebbe essere valutata l’istanza presentata dagli avvocati dei 10 tifosi laziali già condannati per direttissima (sei casi saranno presi in esame tra 24 ore, quattro martedì). L’obiettivo è trasformare le condanne in pena pecuniaria (mille euro a persona). I legali sperano di ottenere le prime scarcerazioni nelle prossime 96 ore, magari ad iniziare da domani. Giovedì e venerdì, invece, toccherà agli altri 12 tifosi che sono in attesa di giudizio (due blocchi distinti, uno da 4 e uno da 8), gli avvocati pensano di chiedere il patteggiamento. L’obiettivo è riportare tutti gli arrestati a casa entro venerdì. Il patteggiamento, nei fatti, prevede la condanna a due anni con la condizionale, il Daspo in Europa (tre anni) e il pagamento di una sanzione pecuniaria (circa 500 euro più una quota da destinare in beneficenza). A Varsavia da giorni stanno operando gli uomini dell’Osservatorio per le manifestazioni sportive, sono coordinati da Roberto Massucci, anche lui è presente in Polonia, hanno funzioni consuntive e di raccordo. L’ambasciata italiana guidata da Riccardo Guariglia è rimasta chiusa nel week-end dopo giorni di lavoro intenso, senza sosta. Le famiglie dei ragazzi arrestati hanno trovato un punto di riferimento nella signora Patrizia, una segretaria che vive da anni in Polonia. E’ laziale e ha trasmesso la passione biancoceleste ad uno dei suoi due figli, era alla “Pepsi Arena” in quel giovedì infernale. Le visite in carcere continueranno domani, le autorità polacche hanno informato che d’ora in avanti saranno organizzate in ordine alfabetico. Il week-end ha chiuso una settimana bollente politicamente. L’intervento del presidente Letta è servito per chiedere un’accelerazione ed arrivare ai rilasci in tempi brevi. Si sono vissuti momenti di tensione, alcune dichiarazioni infuocate hanno rischiato di creare una guerra diplomatica tra i due Paesi. Il ministro dell’Interno polacco, Sienkiewicz, ha catalogato come «banditi » i laziali fermati in Polonia. Il ministro Bonino ha risposto per le rime. La giustizia non può essere sommaria, deve essere giusta.
LE GIORNATE – In Polonia, anche oggi, per i laziali rinchiusi il tempo scorrerà lentamente. La sveglia di ogni giorno è fissata alle 6,30, il tempo di fare colazione e poi di nuovo in cella. Il pranzo in tarda mattinata, l’ora d’aria, questa è la vita in carcere. Nel penitenziario di Bialoleka ci sono dei campetti, ma non ci sono palloni, così raccontano da Varsavia. Il pomeriggio è lunghissimo, sembra che la sera non arrivi mai. Domani è un altro giorno, forse sarà meno lungo, forse sarà quello dei primi ritorni a casa. La tempesta prima o poi finirà. (Daniele Rindone)
Tratto da: “Il Corriere dello Sport”

 

Leggi anche:   Mattia Zaccagni: ecco le cifre per blindarlo alla Lazio

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Maneskin vs Lazio: la società risponde a Damiano dopo lo sfottò della fan con la maglia della Lazio

Published

on

maneskin lazio

Nell’ultimo concerto dei Maneskin avvenuto a Philandelphia, c’è stata una rissa. Damiano per stemperare gli animi ha attaccato la Lazio ed una sua fan che indossava la maglia biancoceleste tra le prime file degli spettatori. Tramite il suo profilo Twitter ha sottolineato come la cosa peggiore della Rissa fosse stata la maglia della Lazio indossata proprio dalla sua fan, scatenando uno sfottò sull’ultimo derby della Capitale.

Non poteva mancare la risposta della Lazio tramite il profilo Twitter citando proprio una loro canzone Zitti e Buoni:  «Sai com’è… – Cit.».

 

Leggi anche:   2 anni senza Arturo Diaconale: il ricordo della Lazio
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Il regalo della Lazio a chi ha sottoscritto l’abbonamento Tribuna Tevere Top

Published

on

lazio tribuna tevere top

La S. S. Lazio ha organizzato due giornate dedicate ai tifosi biancocelesti che hanno sottoscritto per questa stagione l’abbonamento in Tribuna Tevere Top.

Domani venerdì 2 dicembre e sabato 3 dicembre, questi abbonati potranno farsi fotografare insieme al nostro simbolo vivente, l’aquila Olympia, con il suo falconiere Juan Bernabé.

Queste indimenticabili foto potranno essere effettuate:

– venerdì 2 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 21:00 presso il Centro Commerciale Roma Est all’interno dello spazio antistante il Lazio Style 1900 Official Store;

– sabato 3 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 19:00 nella piazzetta di via della Mercede, accanto al Lazio Style 1900 Official Store di via di Propaganda 8A.

Sarà sufficiente esibire il proprio abbonamento di Tribuna Tevere Top per poter usufruire gratuitamente del servizio e scattare la foto con Olympia.

Vi aspettiamo!

Leggi anche:   Delio Rossi: "Sono legato ai giocatori che ho allenato nella Lazio"
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

2 anni senza Arturo Diaconale: il ricordo della Lazio

Published

on

diaconale lazio

Arturo Diaconale ci ha lasciato esattamente 2 anni fa. La Lazio tramite i suoi profili ufficiali ha voluto ricordarlo così:

Il 1º dicembre 2020 ci lasciava Arturo Diaconale, un grande giornalista, uno straordinario laziale: ha sempre difeso le sue idee e i nostri colori con fermezza, passione e convinzione. La S.S. Lazio lo ricorda nel secondo anniversario della scomparsa con affetto e commozione.

https://twitter.com/OfficialSSLazio/status/1598254950219665408

Leggi anche:   Maneskin vs Lazio: la società risponde a Damiano dopo lo sfottò della fan con la maglia della Lazio
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza