Connect with us

Lazionali

Lazionali, Hoedt: “Sogno il mondiale in Russia. Higuain grande attaccante, ho avuto tante critiche”

Published

on

In Olanda viene considerato una promessa, nell’Under21 sembra essere più cosciente dei propri mezzi, Wesley Hoedt in tre mesi è cresciuto molto al di là delle tante critiche. Ai microfoni di metronieuws.nl ha parlato a tutto tondo.

“Sto giocando in un campionato europeo dove il calcio è molto diverso e serve tanta esperienza. Il Mondiale in Russia è un mio obiettivo, mi prenderò le mie responsabilità se non dovessi far parte della spedizione. La partita col Napoli? Ho imparato più in una partita, che nelle restanti sei. Higuain è un grande attaccante, con tantissima esperienza e con lui sul terreno di gioco può accadere di tutto. Ho ricevuto un sacco di critiche dopo quel match, devi imparare in fretta a marcare certi giocatori. Mi sono ripreso abbastanza bene dopo la gara con il Napoli. E’ stata un’esperienza formativa per me”

Lazio-Frosinone gli ha fatto capire cosa vuol dire affrontare una “piccola”: “Abbiamo giocato contro una neopromossa, ma non è paragonabile a una squadra olandese dello stesso livello. Se con l’AZ stai vincendo 2-0 contro una squadra di bassa classifica, il grosso del lavoro l’hai fatto. Ma i giocatori del Frosinone hanno messo una grinta e una convinzione incredibile in campo. E’ stata davvero dura. Fino ad ora ogni partita in Serie A mi è sembrata una guerra”

Chiude sul rapporto con gli altri olandesi della Lazio, de Vrij, Kishna e Braafheid: “Non è vero che siamo sempre insieme, ma è bello avere qualcuno in squadra che parli olandese. A volte andiamo a mangiare insieme. La vita a Roma è fantastica, è una città meravigliosa. Però, a causa dei tanti impegni che abbiamo, molto spesso devo rimanere a casa. Ma fortunatamente vado d’accordo con i miei compagni”

Leggi anche:   Zaccagni: " Contro la Fiorentina dobbiamo portare in campo l'atteggiamento..."
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement