Connect with us

News

Lazio, senti Durmisi…

Published

on

Certamente il 2018 è stato un anno da dimenticare per Riza Durmisi: ripetuti infortuni e troppo tempo passato in panchina, sia nel Betis sia nella Lazio, hanno fatto sì che non partecipasse al Mondiale in Russia. Ma non ha mai mollato Riza, non è uno che si butta giù facilmente. Il 2019 è lì che lo aspetta. Lui da parte sua non vede l’ora di vivere appieno il nuovo anno, al quale non chiede nient’altro che meno infortuni e giocare di più. In un’intervista rilasciata al portale danese B.T. Nyheder, il giocatore della Lazio si è lasciato andare a delle dichiarazioni molto importanti riguardo l’infortunio alla schiena che sta caratterizzando la sua mancata ascesa nella Capitale, svelandone la vera entità e confessando per la prima volta un uso sbagliato di antidolorifici per alleviare il dolore: “Il 2018 è stato l’anno peggiore della mia carriera. Salvo solamente la conquista del piazzamento Europa League con il Betis, il gol contro il Siviglia e il passaggio in estate alla Lazio. L’infortunio me lo sono portato dietro già dall’esperienza al Brøndby. All’inizio pensavo fosse soltanto una cosa passeggera, ma poi nel 2018 è peggiorato a tal punto da farmi restare in panchina per diverse partite, escludendomi di fatto dalla Coppa del Mondo. Poi sono passato alla Lazio, ho giocato qualche partita e mi sono fatto male di nuovo, stavolta al gomito. La colpa è anche mia? È tutta colpa mia. Ho giocato con un infortunio alla schiena per troppo tempo. Lo confesso solo adesso, ma lo sanno tutti: i fisioterapisti e i medici del Betis e della nazionale danese. Anche il ct Hareide sa che nonostante il mio infortunio ho fatto di tutto per essere disponibile per il Mondiale. Nel 2016 mi sono iniettato nel ginocchio degli antidolorifici per poter giocare contro la Polonia; tre giorni dopo ho giocato anche contro il Montenegro, di nuovo con un’iniezione. Tutti in nazionale sanno cosa ho fatto per partecipare al Mondiale e tornare al mio livello”.

“HO SBAGLIATO, NE SONO CONSAPEVOLE” – “Ricordo che dopo la prima partita con il Betis (20 settembre 2016, ndr.) sono caduto davanti casa, e fortunatamente mio padre era lì. Mi è stato detto che avevo preso troppi antidolorifici. Successivamente sono stato fuori per quasi un mese, ma sono tornato prima del previsto per poter giocare in nazionale. Ho sbagliato, di questo ne sono consapevole. Ma quando sei così giovane e senti che hai tutto il mondo in mano e puoi conquistare tutto, allora queste cose accadono. Quando riguardo le foto delle mie partite negli ultimi due anni, c’è sempre del nastro adesivo sulla mia schiena. Avrei dovuto fare qualcosa a riguardo già quando si è verificato il danno. Poi sono passato al Betis e volevo mettermi alla prova in un nuovo campionato. Il primo anno è stato grandioso: a 22 anni ero uno dei migliori difensori della Liga, sono stato persino elogiato da una leggenda come Vicente del Bosque. Nel secondo invece ho giocato con tanto dolore. La mia non vuole essere una scusa, ma è un dato di fatto: ero inibito del 20-30 per cento, non avevo la giusta esplosione nella gamba destra”.

LAZIO E ANNO DEL RISCATTO – “Sono appena stato a Siviglia da uno specialista per mettere a posto le cose una volta per tutte, ed è per questo che non ho preso parte alle ultime partite con la Lazio. Speriamo di trovare finalmente una soluzione per l’infortunio alla schiena che mi porto dietro da due anni. Non prendo più antidolorifici e sento che va meglio, ma ora dobbiamo vedere come procederà il tutto. Ci vorrà ancora una settimana per poter riprendere a correre. Se tutto andrà per il meglio, non ho paura a dire che il 2019 sarà il mio anno”. 

Leggi anche:   Ciro Immobile parla del suo infortunio: " Situazione al limite"
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Lazio Women

Serie B Femminile | Ternana-Lazio: terzo risultato positivo su 3!

Published

on

lazio women

Le ragazze di Massimiliano Catini portano a casa i 3 punti in Ternana-Lazio e lo fanno allo scadere del match. Terzo risultato positivo per la Lazio Women che esordisce in Serie B Femminile con un pareggio e trovando poi la vittoria nella seconda e terza giornata di campionato. Fuhlendorff e Chatzinikolaou proiettano le biancocelesti al secondo posto della classifica a soli due punti dalla capolista Napoli.

TERNANA-LAZIO 2-3

Marcatrici: 4′, 58′ Chatzinikolaou (L), 7′, 65′ Spyridonidou (T), 89′ Fuhlendorff (L)

TERNANA: Ghioc; Vigliucci, Capitanelli, Di Criscio, Lombardo, Labate, Spyridonidou, Tarantino (76′ Imprezzabile), Nefrou (80′ Pacioni), Massimino, Fusar Poli (76′ Maffei).

A disp.: De Bona, Labianca, Aldini, Quirini, Paparella.

All.: Fabio Melillo

LAZIO (4-3-1-2): Guidi; Pittaccio, Falloni, Karampouki, Toniolo (73′ Vecchione); Castiello, Eriksen, Colombo; Proietti (65′ Pezzotti); Chatzinikolaou (65′ Fuhlendorff), Visentin.

A disp.: Natalucci, Khellas, Palombi, Groff, Musolino, Jansen.

All.: Massimiliano Catini

Arbitro: Alice Gagliardi (sez. San Benedetto del Tronto)

Assistenti: Nicolo’ Raschiatore-Laura Gasparini

Serie B Femminile | 3 giornata

Domenica 2 ottobre, ore 15:00

Stadio Moreno Gubbiotti, Narni (TR)

Leggi anche:   Lazio-Spezia: ecco quanti tifosi tingeranno l'Olimpico di Biancoceleste!
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Intervista

Lazio-Spezia | Zaccagni:” Ora serve continuità”

Published

on

Lazio spezia zaccagni

Al termine di Lazio-Spezia, Mattia Zaccagni, autore del primo gol biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel

“Siamo partiti molto bene come ci aveva chiesto il mister. Abbiamo disputato una grande partita dando tutto, considerando anche la sosta. Dobbiamo avere sempre questa cattiveria e determinazione. Adesso abbiamo bisogno di trovare la continuità. Il fatto che sigli più gol in casa può dipendere dall’affetto dei tifosi che sono sempre vicini e straordinari.

Giovedì avremo una partita importante, dovremo riscattare l’ultima sconfitta. Andremo lì per conquistare la vittoria.

Mi piace molto la mia posizione, spesso sono in mezzo al campo. Inoltre, mi piace giocare tra le linee e sto crescendo sulla profondità. In settimana provo vari movimenti come quelli che hanno dato vita al primo gol”.

Leggi anche:   Lazio-Spezia: ecco quanti tifosi tingeranno l'Olimpico di Biancoceleste!
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Conferenza Stampa SS.Lazio

Martusciello in conferenza stampa di Lazio-Spezia: ” Acquisiti i meccanismi di Sarri…”

Published

on

lazio spezia

Al termine di Lazio-Spezia, Giovanni Martusciello è intervenuto in conferenza stampa al posto dello squalificato Maurizio Sarri.

“Poteva essere una partita insidiosa, eravamo reduci da una sosta con alcuni calciatori si sono aggregati da pochi giorni dopo l’impegno delle nazionali e poi c’era il fattore orario da tenere in considerazione.

Abbiamo mostrato grande solidità e i numeri ce lo stanno dimostrando. Siamo contenti, ma non possiamo accontentarci.

Immobile è stato sostituito tenendo conto dei giorni di rientro e del risultato, così come Lazzari. Ciro anche se non va in gol dà sempre l’esempio e questo permette in una squadra di fare il salto di qualità. Immobile, tra l’altro, si è allenato solamente ieri.

I nostri tifosi sono straordinari, sia in casa che in trasferta. Questo entusiasmo ci fa vincere quattro-cinque partite in più. È un qualcosa che ci premia e ci fa felici. Ritrovare lo stadio pieno dopo il lockdown è bello, io mi accorgo dell’attaccamento alla Lazio già da quando parlo con i magazzinieri. È un qualcosa che ti tocca dentro e dà brividi.

Vogliamo giocare nella metà campo avversaria, stiamo cercando di migliorare mantenendo il pallone più lontano possibile dalla nostra porta. Vogliamo allontanare più possibile i pericoli.

Patric ha avuto semplicemente un problema gastroenterico. Zaccagni è un calciatore straordinario, non deve essere una mancata convocazione in Nazionale ad offrirgli lo stimolo per fare qualcosa in più. La prestazione di oggi è il frutto degli allenamenti delle ultime due settimane.

I ragazzi hanno acquisito molti meccanismi da quando è iniziato il cammino di Sarri. Siamo felici di aver acquistato Provedel e Maximiano, la domanda è perché Provedel sia arrivato solo ora a questi livelli. Non molla mai, ogni istante dell’allenamento lo vive come fosse l’ultimo”.

Leggi anche:   Lazio-Spezia parla Lazzari: " Dobbiamo arrivare più in alto possibile..."
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.