Lazio di rimonta anche col Nizza, altra vittoria e primo posto nel girone

Questa Lazio non ha intenzione di frenare la propria corsa e continua a volare anche in campo internazionale dove resta a punteggio pieno dopo le prime tre partite del girone, con una vittoria pesantissima nell’ottica della qualificazione.

Inzaghi stravolge la formazione iniziale affidandosi ad un ampio turnover, inevitabile per lasciar sfogare le seconde linee e tenere tutti sul pezzo in questa fase del campionato: dell’11 vittorioso a Torino restano soltanto Strakosha, Bastos, Radu, Milinkovic e Lulic.

La partenza è di quelle pirotecniche, Nizza subito avanti con Balotelli bravo a colpire di testa su assist di Sneijder e risposta immediata della Lazio che dopo 30 secondi trova il pareggio sfruttando una clamorosa indecisione del duo Cardinale-Dante. Ad approfittarne è Caicedo che legge la frittata e capitalizza l’occasione, mettendo in mostra di non mollare mai nessun pallone e di avere una grinta fuori dall’ordinario. Col passare dei minuti i ritmi si abbassano, francesi che tengono il possesso palla ma di pericoli non ne creano. Pareggio fin qui giusto, non convincono tra i singoli Nani (alla prima da titolare dopo il lungo stop) e Di Gennaro che non offre il dinamismo a cui ci ha abituato Lucas Leiva.

Leggi anche:   Milinkovic suona la carica: " Abbiamo bisogno di tutti!"

Ad accorgersi della giornata non positiva dell’ex Cagliari e dell’esperto giocatore portoghese è anche Inzaghi che infatti li sostituisce per far spazio a Immobile e Luis Aberto. Con il loro ingresso la musica cambia, i ritmi sono più intensi e gli spazi si aprono. Il gol del vantaggio arriva da una bella giocata di Caicedo che taglia alle spalle della difesa e serve un bel assist a Milinkovic che mette dentro di piatto. Nel finale è sempre il serbo a chiudere la pratica con un colpo di testa sugli sviluppi di un corner ottimamente battuto da Luis Alberto.

Leggi anche:   Igli Tare nel prepartita di Lecce - Lazio: " Inzaghi è la storia della Lazio. Kumbulla? Non vogliamo snaturarci. Lo Scudetto? Fino a che c'è speranza!"

Nella seconda frazione di gioco è salito in cattedra un ottimo Bastos che fa valere la propria fisicità e annulla Balotelli marcandolo strettissimo, l’azzurro si è intestardito nelle soluzioni personali rendendo fin troppo prevedibile la manovra di squadra. Bella affermazione per i biancocelesti che continuano a far bene, adesso testa al Cagliari per battere il ferro fin quando è ancora caldo.

Leggi anche:   Keita al Corriere della Sera: " Sono cresciuto grazie alla Lazio"