Connect with us

News

Lazio – Juventus, il Sarrismo schianta anche l’arbitraggio di Di Bello

Published

on

lazio juve

Termina con uno strepitoso 2-1 per la Lazio questo Lazio – Juventus con un arbitraggio a dir poco scandaloso. Nella prima azione di gioco, subito un fallo di Alex Sandro che frena un’azione pericolosa con il braccio e viene graziato da Di Bello con solamente una punizione senza ricevere il cartellino giallo. Un primo tempo comunque marchiato dal gioco di Maurizio Sarri dove la Juventus si rende pericolosa solamente in due occasioni fino al gol di Milinkovic Savic al minuto 38. Una rete marchiata da una leggera spinta del Sergente sul difensore bianconero che appena sente la mano vola come una….una catapulta lasciando il centrocampista biancoceleste libero di calciare per il vantaggio momentaneo della Lazio. Dopo 4 minuti, nei quali c’è stata anche la convalida del gol al var, Rabiot di rabbia pareggia il risultato di testa dopo 3 miracoli di Provedel.

Nel secondo tempo magia di Luis Alberto che riceve dalla fascia un pallone da Felipe Anderson colpendo di tacco in area verso Mattia Zaccagni che sigla la rete del vantaggio. La Juventus prova a riprendere il palcoscenico mettendo Chiesa e cambiando modulo ma la Lazio resiste negli ultimi 15 minuti del secondo tempo portandosi a casa il risultato.

Da evidenziare l’arbitraggio di Di Bello su Cuadrato che dopo esser stato graziato ad inizio frazione di gioco, commette altri 3-4 falli da ammonizione ma viene graziato fino alla sua sostituzione. Da evidenziare il fallaccio di Locatelli sul ginocchio di Milinkovic Savic che più da giallo era da rosso diretto. Da evidenziare inoltre, i mancati gialli ad Alex Sandro per i falli di mano. Da evidenziare infine, il piede a martello di Vlahovic sullo stinco di Felipe Anderson nel primo tempo che gli procura una ferita nonostante il parastinchi e neanche una punizione per la Lazio.

La Juventus se ne torna a casa con un pugno di mosche mentre la Lazio allunga su Milan ed Inter in classifica a quota 58 punti e secondo posto al sicuro.

LAZIO-JUVENTUS 2-1

Marcatori: 38′ Milinkovic (L), 42′ Rabiot (J), 54′ Zaccagni (L)

LAZIO (4-3-3): Provedel; Marusic, Casale, Romagnoli, Hysaj; Milinkovic, Cataldi (69′ Vecino), Luis Alberto; Felipe Anderson, Immobile (64′ Pedro), Zaccagni (84′ Basic).

A disp.: Maximiano, Adamonis, Pellegrini, Patric, Marcos Antonio, Cancellieri, Romero, Radu, Lazzari, Gila, Fares.

All.: Maurizio Sarri

JUVENTUS (3-5-1-1): Szczesny; Gatti, Bremer, Alex Sandro; Cuadrado (69′ Danilo), Fagioli (86′ Miretti), Locatelli (63′ Parades), Rabiot, Kostic (63′ Chiesa); Di Maria, Vlahovic (63′ Milik).

A disp.: Perin, Pinsoglio, Bonucci, Rugani, Soulè.

All.: Marco Landucci

Arbitro: Marco Di Bello (sez. di Brindisi)

Assistenti: Cecconi-Bercigli

IV ufficiale: Giua

V.A.R.: Irrati

A.V.A.R.: Zufferli

Ammoniti: 45′ Alex Sandro (J), 45’+3′ Locatelli (J), 51′ Cuadrado (J), 78′ Provedel (L), 86′ Milinkovic (L), 90’+5′ Miretti (J)

Recupero: 3′ pt, 5′ st.

Serie A TIM | 29ª giornata

Sabato 8 aprile 2023, ore 20:45

Stadio Olimpico, Roma



Resta Aggiornato con il nostro Canale WhatsApp! Ricordiamo che il canale è protetto da Privacy ed il tuo numero non è visibile a nessuno!Iscriviti Subito cliccando qui sul canale di Since1900

Hosting Aruba - Scopri di più



Continua la Lettura
Advertisement