Connect with us

Conferenza Stampa SS.Lazio

Lazio-Atalanta: la conferenza stampa di Inzaghi

Published

on

Simone Inzaghi è intervenuto nella conferenza stampa in vista della finale Lazio-Atalanta di Coppa Italia

“La squadra arriva bene alla gara di domani, abbiamo disputato una buona prova a Cagliari. Abbiamo vinto una partita meritatamente, domani sera ci attende un match molto importante. Ci siamo già incontrati dieci giorni fa con l’Atalanta e sarà sicuramente una bellissima partita: voglio vedere la mia squadra unita e compatta per non avere cali di tensione ed errori individuali che in una partita del genere possono essere letali. La partita sarà importantissima, si disputerà a Roma nel nostro stadio davanti ai nostri tifosi: conosciamo l’importanza di questa gara. Tanti giocatori in rosa hanno già disputato partite importanti, ma dovremo arrivare a domani con grande lucidità consapevoli di noi stessi. Abbiamo incontri simili nel nostro DNA e dovremo dare il massimo. 

La qualificazione diretta in Europa League in caso di vittoria della coppa è un motivo in più per dare il massimo. Ci attenderanno poi due partite importanti in campionato che affronteremo nel migliore dei modi. La nostra concentrazione comunque è solo sulla serata di domani e sulla nostra finale. Le due squadre hanno svolto una grande cavalcata, alla vigilia queste due formazioni non erano considerate come favorite, ma abbiamo ottenuto sul campo una finale importante: domani una delle due dovrà prevalere sull’altra, noi vogliamo prenderci questa coppa davanti ai nostri tifosi nel nostro stadio. I nostri due percorsi sono stati entusiasmanti. 

La designazione arbitrale mi soddisfa, è stata meritata sul campo da Luca Banti. Il direttore di gara toscano ci ha diretti ultimamente con il Parma ed a Genova con il Grifone, ma è stato scelto perché è stato tra i migliori del nostro campionato ed ha meritato questa designazione. Dovremo essere lucidi affinché non ci siano errori individuali. Abbiamo sfidato due volte l’Atalanta, mentre negli anni scorsi avevamo quasi sempre battuto la compagine orobica. Due settimane fa abbiamo capito tante cose, affronteremo un’ottima squadra che sta svolgendo cose straordinarie con un grande allenatore. Abbiamo analizzato la sfida e la cosa più importante sarà la preparazione dei miei ragazzi, dovranno stare tranquilli ma sono fiducioso perché hanno lavorato al meglio. La gara di domani sarà molto lunga, potrebbero non bastare 90 minuti ed il gruppo è pronto a tutto. 

Immobile ha le stesse chance di giocare di Correa e Caicedo: ho la fortuna di avere tre attaccanti che si stanno esprimendo molto bene. Il terzo attaccante sarà chiamato in causa a gara in corso, uno tra Milinkovic e Parolo starà fuori come uno tra Marusic e Romulo. La differenza la farà l’unità d’intenti, ognuno dovrà esser pronto a dare il massimo da un momento all’altro: se sarà così, avremo molte opportunità per vincere la Coppa Italia. Il mio futuro? Non credo si debba decidere dalla partita di domani, si stabilirà al termine della stagione tra me e la Società. Non credo che questo sia il momento per parlare del futuro. Gasperini è un ottimo allenatore che ha dato una fisionomia precisa alla squadra. Tanti aspetti li ho osservati da lui e da allenatori che ho avuto, io ho fatto i miei accorgimenti. Onore ad Atalanta e Lazio che hanno svolto un grande cammino, vediamo chi vincerà il confronto e chi riuscirà ad alzare la coppa al cielo”. 

Leggi anche:   Lazio-Spezia parla Lazzari: " Dobbiamo arrivare più in alto possibile..."
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Conferenza Stampa SS.Lazio

Martusciello in conferenza stampa di Lazio-Spezia: ” Acquisiti i meccanismi di Sarri…”

Published

on

lazio spezia

Al termine di Lazio-Spezia, Giovanni Martusciello è intervenuto in conferenza stampa al posto dello squalificato Maurizio Sarri.

“Poteva essere una partita insidiosa, eravamo reduci da una sosta con alcuni calciatori si sono aggregati da pochi giorni dopo l’impegno delle nazionali e poi c’era il fattore orario da tenere in considerazione.

Abbiamo mostrato grande solidità e i numeri ce lo stanno dimostrando. Siamo contenti, ma non possiamo accontentarci.

Immobile è stato sostituito tenendo conto dei giorni di rientro e del risultato, così come Lazzari. Ciro anche se non va in gol dà sempre l’esempio e questo permette in una squadra di fare il salto di qualità. Immobile, tra l’altro, si è allenato solamente ieri.

I nostri tifosi sono straordinari, sia in casa che in trasferta. Questo entusiasmo ci fa vincere quattro-cinque partite in più. È un qualcosa che ci premia e ci fa felici. Ritrovare lo stadio pieno dopo il lockdown è bello, io mi accorgo dell’attaccamento alla Lazio già da quando parlo con i magazzinieri. È un qualcosa che ti tocca dentro e dà brividi.

Vogliamo giocare nella metà campo avversaria, stiamo cercando di migliorare mantenendo il pallone più lontano possibile dalla nostra porta. Vogliamo allontanare più possibile i pericoli.

Patric ha avuto semplicemente un problema gastroenterico. Zaccagni è un calciatore straordinario, non deve essere una mancata convocazione in Nazionale ad offrirgli lo stimolo per fare qualcosa in più. La prestazione di oggi è il frutto degli allenamenti delle ultime due settimane.

I ragazzi hanno acquisito molti meccanismi da quando è iniziato il cammino di Sarri. Siamo felici di aver acquistato Provedel e Maximiano, la domanda è perché Provedel sia arrivato solo ora a questi livelli. Non molla mai, ogni istante dell’allenamento lo vive come fosse l’ultimo”.

Leggi anche:   Lazio-Spezia | Zaccagni:" Ora serve continuità"
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Conferenza Stampa SS.Lazio

Conferenza stampa Midtjylland – Lazio, Maurizio Sarri: “Questo amore che ci fanno sentire intorno è bello…”

Published

on

lazio hellas verona

Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa prima della seconda gara del girone di Europa League contro i danesi del Midtjylland 

Caratteristiche della squadra avversaria

“Quest’anno hanno fatto una fase iniziale del campionato in tono minore rispetto agli anni precedenti, ma è una squadra che gira in Europa da anni. Lo scorso anno hanno pareggiato a Bergamo in Champions, risultato non facile come noi sappiamo benissimo. Quest’anno hanno perso la finale playoff  contro il Benfica, sono abituati a partite di questo tipo. Hanno attaccanti insidiosi, quando rimangono dentro la partita riescono ad avere grande ritmo e aggressività, mettendo in difficoltà qualunque avversaria. L’umiltà è d’obbligo, come sarebbe d’obbligo la personalità di cercare di condurre la partita senza mai dargli la sensazione di poterla condurre loro”.

Cambiamenti nella formazione

“Abbiamo cambiato più in campionato che in coppa. È chiaro che un po’ di alternanza va fatta, perché qui si va di fronte a due mesi in cui i ragazzi giocheranno ogni due giorni. Da qualcuno sentirò dire in televisione che le squadre adesso avranno tempo di lavorare. E invece non è vero niente, vanno tutti in nazionale, ma giocheranno una partita ogni tre giorni anche in nazionale. In questi due mesi i ragazzi saranno sottoposti a un numero di partite impressionante. È spirito di sopravvivenza, non è turnover. Viene fuori in modo naturale, come ho sempre pensato: è inutile programmare. Bisogna viaggiare a vista, chi è stanco sta fuori, chi sta bene gioca senza porsi tanti problemi. Quindi è probabile che l’alternanza continuerà”.

Fattore ambientale

“Stadio piccolo ma di solito in Europa lo riempono, quindi la cassa di risonanza dello stadio è come una di quelli grandi. Uno stadio da calcio”.

Continuità

“Non abbiamo mai vinto tre partite di fila, quindi la nostra continuità è di quattro giorni al momento”.

Maximiano

“Provedel ha fatto bene e il dispendio fisico del portiere è minore. In questo momento dare anche il cambio di portiere a una linea di difesa che ha già cambiato tre giocatori mi sembrava troppo. Verrà il momento di tutti, anche nelle ultime tre partite hanno giocato in 19 calciatori diversi. Verrà anche il momento per gli altri due portieri. Ora la scelta è dovuta al non cambiare l’80% del reparto. Abbiamo cercato di far continuare lui che era quello a meno rischio di sforzo fisico.”

Crescita a livello mentale

“Si misura sul lungo periodo. Ho delle buone sensazioni perché in allenamento li vedo tenere livelli di applicazione e di concentrazione con più stabilità rispetto all’anno scorso. Però è inutile parlare in questo momento, non abbiamo fatto neanche un mese di attività, la risposta ci arriverà con il tempo”.

Cancellieri

“Sta abbastanza bene, non ha nessun risentimento al flessore come pensavamo potesse essere domenica. Si sta allenando con regolarità, sta trovando spazio. Entra in tutte le partite. Ha molto più spazio di quanto non ne avesse a Verona nella stessa fase della stagione. Sono contento, è chiaro che con lui stiamo facendo un doppio percorso e questo per lui potrebbe essere un problema, perché potrebbe rallentarlo in tutti e due i ruoli invece che velocizzarlo andando decisi su un ruolo. In questo momento ne abbiamo bisogno in due posizioni, vediamo domani se partirà o entrerà… ma insomma è sempre tenuto in considerazione”.

Differenze Lazio e Napoli

“È una squadra con caratteristiche diverse rispetto al Napoli. Quella era una squadra più di palleggiatori, questa anche ha quella qualità ma tende più ad andare in verticale. E tende a palleggiare meno e a ripartire subito per andare direttamente verso la porta. Spero che questa squadra abbia tanti margini di miglioramento, di crescita, spero che possa diventare forte come quel Napoli… con qualche trofeo da vincere”.

Infortuni

“Pedro stamattina ha fatto allenamento con noi, sembra in fase di risoluzione. Zaccagni lo abbiamo lasciato a casa perché necessita di terapie e la strumentazione ce l’abbiamo a Formello. Basic è con noi perché non necessita di terapie particolari, ma se la situazione è come quella di stamani non penso ce la possa fare”.

L’entusiasmo del popolo biancoceleste aumenta la vostra responsabilità?

“Di grandi responsabilità no. Sappiamo benissimo che ancora non siamo una squadra pronta per i traguardi massimali, ma lo sa benissimo anche il nostro popolo. Non c’è aria di responsabilità. Questo amore che ci fanno sentire intorno è bello, ci dà la sensazione di appartenere a qualcosa. Ci fa sentire più gruppo e con senso di appartenenza”.

Leggi anche:   Sky go all’estero: come godersi dirette sport e TV in maniera facile e sicura
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Conferenza Stampa SS.Lazio

Lazio-Hellas Verona: la conferenza stampa di Maurizio Sarri

Published

on

lazio hellas verona

Al termine di Lazio-Hellas Verona è intervenuto Maurizio Sarri in Conferenza Stampa. Una vittoria arrivata nel secondo tempo grazie a Ciro Immobile e Luis Alberto, subentrato a Basic nella seconda frazione di gioco

“La squadra era tranquilla? Che peso ha la sfida di oggi nel processo di crescita?

“Partita difficile e avversari complicati. Sono stati aggressivi, loro creano problemi nelle uscite da dietro. Il terreno di gioco non è degno della città di Roma, faccio un appello a chi di dovere perchè così non è da squadra professionistica. Siamo stati bravi ad avere pazienza. La squadra è stata brava a pazientare. Oggi ho notato una buona risposta, tutti oggi hanno risposto bene. Davanti siamo un po’ limitati, forse si sta chiedendo troppo in attacco. Aspettiamo Pedro”.

“In merito al gestaccio, cosa è successo?”

“Ho avuto la sensazione che mi avesse detto “Mettiti a sedere”, dopo ci siamo chiariti e ci abbiamo riso sopra”.

“Provedel ha fatto tanti lanci lunghi, li vedremo spesso? Luis Alberto è stata la pedina imprevedibile?”

“Luis Alberto quando entra fresco fa valere il doppio delle sue qualità tecniche. Quando si crea la situazione che l’altra squadra cala credo lui sia il cambio giusto. Loro spesso ti portano a cercare la soluzione del lancio lungo del portiere”.

“Come valuta la fase difensiva?”

“Io sono contento della solidità difensiva che dei gol che si fanno. Sono contento dei primi 45 minuti col Feyenoord, ma la solidità è il dato base su cui lavorare”

“Oggi il pubblico l’ha sostenuta fortemente, come si trova in questo ambiente?”

“Quando un allenatore si trova bene il merito è di tutti. Sono sempre affettuosi con me i tifosi, anche a Formello. Ho un rispetto enorme di questa tifoseria, comincio a sentire questo ambiente mio”.

“Cosa pensa del rigore? Il VAR doveva intervenire?”

“Il rigore? Non l’ho visto, ero lontano. Il VAR? Sono anni che non ci capisco niente”

Leggi anche:   Lazio-Spezia: le formazioni ufficiali! Immobile dal primo minuto!
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.