Connect with us

News

La storia ed i numeri di Felipe Anderson alla Lazio

Published

on

calciomercato lazio

La Lazio saluta Felipe Anderson sul suo sito ufficiale pubblicando la storia ed i suoi numeri con la casacca biancoceleste

L’addio tra la Lazio e Felipe Anderson è arrivato ufficialmente. La società capitolina dopo aver comunicato ufficialmente di aver ceduto il giocatore al West Ham, rende omaggio al brasiliano postando la sua storia con tanto di numeri.

È l’estate del 2013. La Prima Squadra della Capitale formalizza l’acquisto di Felipe Anderson dal Santos. Il giovane brasiliano debutta con l’Aquila sul petto il 3 ottobre successivo, in occasione del match di Europa League disputato contro il Trabzonspor. Tre giorni dopo l’esordio nella massima serie italiana, ma per il primo gol del classe ’93 con la maglia della Lazio bisogna aspettare il 28 novembre. Un’altra sfida europea, questa volta contro il Legia Varsavia. Hernanes sventaglia sulla destra, dove Felipe Anderson raccoglie, addomestica e, con il destro, incrocia trovando l’angolino basso sul secondo palo.

Felipe 2015

La prima stagione del brasiliano si conclude con 20 presenze ed una rete in maglia biancoceleste. La svolta arriva nella stagione successiva. Tutto è riconducibile al 2 dicembre del 2014. La Lazio sfida il Varese allo Stadio Olimpico di Roma nel quarto turno di Coppa Italia e Felipe Anderson trova la sua prima rete nella competizione. Una scintilla. S’intravede un bagliore. Talento e coraggio. Il potenziale si tramuta improvvisamente in una scarica imprevedibile di energia e classe. Il 7 dicembre arriva per il brasiliano il primo gol in Serie A, la domenica successiva offre due assist nel match con l’Atalanta. Il 21 dicembre sigla la sua prima doppietta in maglia biancoceleste al Giuseppe Meazza contro l’Inter.

La Prima Squadra della Capitale inizia a volare sul dorso di Felipe Anderson che, in particolare, chiude l’annata sportiva 2014/15 con 11 reti all’attivo. Il brasiliano della Lazio si attesta ad altissimi livelli anche nelle due stagioni successive ed il 13 agosto del 2017 alza al cielo il suo primo trofeo in maglia biancoceleste: si tratta della Supercoppa italiana. Nell’ultima stagione con la formazione capitolina, l’attaccante classe ’93 colleziona 32 apparizioni mettendo a segno 8 gol. Complessivamente, Felipe Anderson conclude la sua esperienza nella Prima Squadra della Capitale con 177 presenze ed un bottino di 34 gol: questi numeri consegnano il brasiliano alla storia della Lazio. Felipe Anderson Pereira Gomes è divenuto, infatti, il calciatore sudamericano ad aver disputato più gare in assoluto con la maglia biancoceleste.

Leggi anche:   Lazio-Bologna 2-1: una rimonta da urlo! Male Maximiano

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Le pagelle biancocelesti di Lazio Bologna

Published

on

La Lazio vince, già questo basterebbe a far venire il sorriso a tutti i supporters laziali, e convince.

I biancocelesti si ritrovano a fronteggiare un Bologna ostico ed organizzato, venuto a Roma certamente nel tentativo di portare a casa dei punti.

I ragazzi di Sarri, in 10 per 45 minuti, rimontano la partita con grinta e caparbietà, facendo esplodere di gioia un Olimpico rovente.

LE PAGELLE:

LAZIO Maximiano 4; Lazzari 7.5 (83′ Hysaj), Patric 6, Romagnoli 6.5, Marusic 6; Milinkovic 7 (83′ Vecino 6), Cataldi 6 (65′ Luis Alberto 6.5), Basic S.V. (8′ Provedel 6.5); Felipe Anderson 5.5 (83′ Cancellieri 6.5), Immobile 7, Zaccagni 6

Leggi anche:   Lazio: ecco la lista dei giocatori depositati, Acerbi e Akpa In
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Coragem Luís!

Published

on

luis maximiano

È stato un esordio difficile quello di Luís Maximiano, durato soltanto 7 minuti. L’errore di andare a prendere la palla fuori dall’area di rigore usando le mani gli è costato il cartellino rosso. C’era tanta attesa per il suo esordio in Serie A, nonostante le molteplici amichevoli giocate nella pre-season biancoceleste. Dopo nemmeno 10 minuti Sarri è stato costretto a togliere Basic per far entrare in campo il sostituto del portoghese, l’ex Empoli Ivan Provedel, che con un ottima prestazione ha incantato l’Olimpico.

Sui social Luìs è stato notevolmente deriso dai tifosi biancocelesti e non. Il grave sbaglio, che ha lasciato la Lazio con un giocatore in meno, sembrerebbe cancellare ciò che di buono ha fatto nella scorsa stagione con il Granada. Abbiamo parlato con alcuni giornalisti spagnoli, e di lui ci hanno parlato davvero molto bene. Ma basterebbe soltanto riguardare qualche partita dei Rojiblancos per capire di che stazza è fatto il portoghese.

Gli insulti quindi sono inutili. Ridere e incazzarsi ci sta, senza dubbio, ma non bisogna mai superare il limite. Avrà modo di rifarsi davanti al suo pubblico. D’altronde quando è arrivato a Roma le aspettative erano tante. La voglia di rivederlo tra i pali ora è ancora più forte.

Coragem Luís! Una giornata storta può capitare a tutti.

Leggi anche:   Lazio-Bologna, Sarri in conferenza stampa: " Se la Roma arrivasse seconda sarei molto deluso"
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Conferenza Stampa SS.Lazio

Lazio – Bologna, le parole di Sarri in conferenza stampa

Published

on

sarri acerbi

La Lazio porta a casa i primi tre punti della stagione con una vittoria di misura contro il Bologna. Di seguito le dichiarazioni rilasciate da Maurizio Sarri nella conferenza stampa post-partita:

“La partita è stata difficile, sembrava una di quelle gare dove ogni episodio ti va contro. La mia preoccupazione era giocare tutta la partita con questo clima. Sono soddisfatto di come la squadra ha tenuto a livello fisico, ma anche dell’aspetto tattico e caratteriale. Siamo riusciti a ribaltare la gara al primo momento utile. 

Ho protestato per tutta la partita ed anche giustamente. Non entro nel merito degli episodi ma la conduzione della gara non mi è piaciuta. 

Prima pagina Gazzetta? Basta non leggere i giornali, io non me ne ero accorto. 

Gli ingressi sono stati tutti di alto livello. Provedel è entrato benissimo, Luis Alberto si è messo in un ruolo che non è suo e si è messo davanti la difesa e lo ha fatto molto bene. Hysaj l’ho visto in grande crescita, Vecino bene ma so che può fare ancora di più. Cancellieri mi ha sorpreso davvero tanto. 

Cancellieri sta facendo un percorso per fare anche un altro ruolo, ora non possiamo chiedergli tutto e subito. Se entra come oggi può fare benissimo l’attaccante centrale. A livello di movimenti ha un ottimo attacco della profondità innato. Vediamo e poi decidiamo se farà l’esterno o il centravanti. 

Lo scorso anno nella classifica dei ribaltamenti del risultato siamo stati una delle squadre migliori. Poi un carattere come quello di oggi l’ho visto raramente. Ora vediamo sulla continuità se siamo leoni oggi e domani torniamo gatti. 

Romagnoli ha chiuso la gara con un po’ di affaticamento ed era normale. A me piace perché è intelligente, ha delle letture importanti e questo sopperisce ad una piccola mancanza di velocità. Per me diventerà un punto di riferimento di questa difesa. 

È inutile parlare con Maximiano in questo momento, appena siamo entrati nello spogliatoio ha chiesto scusa a tutti. È un errore e ci può stare, dobbiamo accettarlo. Le scelte future non si baseranno su un singolo errore”. 

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design