La giornata delle rimonte

Alle 12 va in scena Spal-Sassuolo, ferraresi obbligati a vincere contro i neroverdi che sono in un periodo molto positivo.

Passa in vantaggio la squadra di Semplici con Bonifazi su errore di Consigli, nella ripresa un rigore di Caputo e il gol al 90’ di Boga non fanno speranza ai padroni di casa e chiudono l’avventura di Semplici sulla panchina della squadra di Ferrara, al suo posto arriva Gigi Di Biagio.

Pari tra Brescia e Udinese, la squadra del nuovo allenatore Lopez passa in vantaggio a dieci minuti dalla fine con Bisoli, in pieno recupero il solito De Paul su assist di Okaka pareggia i conti facendo sfumare il sogno dei primi tre punti per l’uruguaiano sulla panchina bresciana.

Torna a vincere il Genoa, a farne le spese un Cagliari che non ha affatto demeritato, liguri che passano grazie al gol di Pandev appena entrato per l’infortunio di Ghiglione, altri tre infortunati tutti muscolari Faragó e Cacciatore per i sardi e Schone per i padroni di casa; per la squadra di Maran una traversa di Nainggolan.

Brutta sconfitta per il Napoli in casa contro il Lecce, un super Falco ispira e Lapadula conclude, passano in vantaggio i giallorossi proprio con l’italoperuviano, pareggia Milik per i partenopei, ancora Lapadula e una punizione straordinaria del neo entrato Mancosu chiudono di fatto la gara, Callejon, anche lui appena entrato, accorcia le distanze.

La Lazio espugna il Tardini di Parma e va a meno 1 dalla vetta della classifica, un gol di Caicedo decide già nel primo tempo, poi i biancocelesti sanno soffrire sfiorando comunque più volte il raddoppio.

Chiude la giornata un pirotecnico derby della Madonnina, con il Milan che domina il primo tempo e va in doppio vantaggio grazie a Rebic su assist di Ibrahimovic con errore di Padelli e Skriniar e poi il raddoppio dello stesso svedese su altro errore dell’estremo difensore nerazzurro.

Nella ripresa però la squadra di Conte in pochi minuti la pareggia con un gran gol di Brozovic e con Vecino, poi un eurogol di testa di De Vrij su calcio d’angolo e nel finale di Lukaku su errori plateali di Kjaer regalano una rimonta favolosa ai nerazzurri.