Connect with us

Pagelle

Genoa Lazio, le pagelle

Published

on

Immobile “The king”, Milinkovic maresciallo del centrocampo

La Lazio espugna anche Genova, per la seconda volta in questa stagione, per la seconda volta rifilando tre gol ai padroni di casa. Il campo de Ferraris è tra i più difficili e le aquile di Simone Inzaghi hanno sempre sofferto questa tipologia di partite: tifosi inferociti, calciatori tecnicamente modesti ma battaglieri e spesso sleali, terreno umido, la pressione della concorrente già vittoriosa nell’anticipo. Gli ingredienti per un insuccesso c’erano tutti, ma dove c’è lotta e sofferenza troverete sempre la Lazio e i laziali. Vediamo allora nel dettaglio le prestazioni dei nostri uomini:

Strakosha, 6: impotente sul rigore e sua nella girata di Cassata, nelle restanti situazioni è preciso e attento. Garanzia

Patric, 7: rischia poco o nulla, è sempre attento e lucido sulle incursioni dei genoani che si avventano sul suo lato. In fase di costruzione è vispo ed ha voglia di farsi vedere. Vivace

Vavro, 6,5: il Genoa ha davvero poca qualità in avanti, Denis è consapevole dei suoi limiti in velocità e per questo incardina la lotta sul piano fisico, avendo la meglio. Non era facile sostituire Acerbi d’improvviso e in un momento così delicato. Promosso, finalmente

Radu, 7: esperienza, lotta, sacrificio, qualità in disimpegno. Senza ombra di dubbio, la migliore stagione dal punto di vista della maturità e del gioco di squadra da quando è a Roma. Una roccia

Leiva, 6: picchia duro, forse troppo. La stanchezza non sempre si fa sentire sulle lunghe rincorse: la mancanza di lucidità può portarti a mancare il pallone e a costringerti troppe volte al fallo. Lucas meriterebbe una statua per il sudore di cui ogni volta la sua maglia s’impregna, compreso oggi. Cuore enorme

Cataldi, 7,5: ormai è una riserva di lusso. Entra, accorcia, mette ordine e imbriglia le trame centrali dei suoi ex compagni genoani. La punizione è una pennellata raffaellesca.

Milinkovic, 7,5: Cassata era forse troppo libero di agire in occasione dell’1-2, ma è l’unica sbavatura di una partita dominata: nei contrasti è leader supremo, cerca i compagni e i compagni cercano lui come nelle migliori opere liriche di teatro. Il taglio di campo per Ciro è pura arte. Se trovasse costanza, sarebbe il migliore al mondo. Non più sergente, ora Maresciallo

Leggi anche:   Passeggiata biancoceleste: le pagelle di Lazio Spezia

Luis Alberto, 7: il campo è davvero poco agevole, nel capoluogo ligure non è infrequente la pioggia e il centrocampo avversario tira calci a ripetizione. Lui non si scompone e prende per mano squadra e tifosi. Mago Luis

Maurisic, 8: corre come un matto, si dimena su ogni pallone, dal suo lato non si corrono rischi e l’appoggio dei compagni in quella direzione di campo è sempre una messa in sicurezza del pallone. Il gol è un mix di caparbietà, bravura e atletismo. Frecciazzurra

Jony, 6: ancora non calato perfettamente nel ruolo di esterno, oggi ha poca verve, sebbene un volenteroso apporto in manovra. Merita fiducia, le qualità ci sono. Diligente

Lazzari, 6: ci ha abituato a prestazioni migliori, anche se entra col piede giusto, pur senza pungere. Rigore difficilmente evitabile. Buona prova

Caicedo, 6,5: un partner d’attacco che vale oro. Il dialogo con lui funziona a meraviglia, è una costante presenza pericolosa in area avversaria. Braccio destro indispensabile

Correa, 5,5: ancora una volta buone accelerazioni e dialoghi coi compagni, ma ha di nuovo perso il senso del gol e gli errori sono da matita rossa. Le partite vanno chiuse, se vi è occasione di segnare non c’è da avere pietà. Sangue caldo

Immobile, 9: abbiamo esaurito gli attributi. Noi ci inchiniamoci, non resta che farlo anche ai suoi storici detrattori. Lo scettro di Re, dopo Beppegol, spetta a lui.

Inzaghi, 7,5: trame studiate e perfettamente applicate, gestione impeccabile della rosa, spogliatoio granitico. Serve altro?

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Passeggiata biancoceleste: le pagelle di Lazio Spezia

Published

on

Dopo la sosta la Lazio ritorna con una convincente vittoria all’Olimpico contro lo Spezia.

Una partita senza storia, che la squadra di Martusciello ha portato a casa senza tanti sforzi.

I quattro gol che regalano la vittoria alla Lazio sono state siglati da Zaccagni, Romagnoli e con una doppietta di Milinkovic.

Unica piccola nota stonata è stato il rigore sbagliato di Immobile ad inizio partita.

Con questa vittoria la Lazio raggiunge 17 punti a meno 3 punti dal Napoli capolista. Giovedì importante partita in Austria contro lo Sturm graz, dove sarà fondamentale vincere.

Vediamo nel dettaglio i voti dei giocatori laziali:

PROVEDEL 6,5: sempre attento e concentrato anche quando non è messo in difficoltà dagli avversari.

LAZZARI 7: torna dopo l’infortunio, e lo fa con una prestazione convincente. La solita freccia imprendibile sulla destra.

ROMAGNOLI 7: attento e solido in difesa: si leva anche lo sfizio di segnare il suo primo gol con la nuova maglia, andando sotto la nord a festeggiare.

PATRIC 6: senza infamia e senza lode. Esce nell’intervallo per un problema intestinale.

MARUSIC 6: anche per lui una prestazione attenta senza picchi.

CATALDI 6,5: veloce e attento nello smistare i palloni che gli arrivano, facendo un’ottimo filtro a centrocampo.

MILINKOVIC 8: le parole e i complimenti ormai sono pure superflui per il giocatore più forte della serie a. Altra doppietta oggi condita dalla solita prestazione superlativa.

LUIS ALBERTO 6: nessun acuto per il mago. Oggi normale amministrazione per lui.

ANDERSON 7: nel primo tempo è straripante offrendo anche un assist per il gol di Zaccagni. Nel secondo tempo cala ma è sempre sul pezzo.

ZACCAGNI 7,5: prima della sosta era già in evidente crescita, oggi al rientro conferma la sua crescita con una prestazione importante, condita dal bel gol che sblocca il match.

IMMOBILE 6: sbaglia un rigore, forse era meglio preservarlo visto l’acciacco che ha avuto in nazionale. Ma ci mette sempre tutto in campo.

GILA 6: attento e concentrato. Prende il posto si Patric all’intervallo.

HYSAJ SV

VECINO SV

PEDRO SV

MARCOS ANTONIO SV

Leggi anche:   Passeggiata biancoceleste: le pagelle di Lazio Spezia
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Un poker che scaccia i fantasmi danesi: le pagelle di Cremonese Lazio.

Published

on

La Lazio reagisce subito dopo la figuraccia in europa league di giovedì, battendo con un largo 4 a 0 la Cremonese, raggiungendo quota 14 in campionato.

Una partita senza storia, che ha visto la squadra di Sarri dominare la partita per tutti i 95 minuti, chiudendo il discorso gi nel primo tempo.

Doppietta per Immobile con assist per il quarto gol di Pedro, terzo gol siglato dal sergente Milinkovic.

Adesso ci sarà la sosta per le nazionali; appuntamento alla ripresa il 4 di ottobre all’Olimpico contro lo Spezia.

Vediamo i voti della squadra biancoceleste:

PROVEDEL 6,5: nessun miracolo ma molte belle parate ma soprattutto tanta sicurezza.

MARUSIC 5,5: in difficoltà evidente sia perchè gioca in un ruolo non suo che lo limita parecchio, sia perché anche di testa in campo non è presentissimo. Urge intervento fondamentale dal mercato di gennaio.

PATRIC 6,5: l’unica sua pecca è quella dei disimpegni. Ne sbaglia troppi, buttando troppi palloni in avanti, ma in fase difensiva è sempre attento e preciso nelle chiusure.

CASALE 6: non sfigura, anche se è ancora indietro nell’apprendimento alla difesa “sarrista”.

HYSAJ 5,5: anche per lui più ombre che luci. In fase offensiva andrebbe anche bene, il problema grave che stiamo parlando di un difensore, ed è qui che le pecche sono delle voragini.

CATALDI 5,5: nel primo tempo sbaglia quasi tutto quello che è possibile sbagliare, e soprattutto si ritrova sempre fuori posizione lasciando sguarnita la sua posizione. Nel secondo tempo migliora anche se penso che sia ora di dare più spazio a Marcos Antonio.

MILINKOVIC 7,5: delizia il palato dei presenti con un assist da campione per il primo gol di Immobile. Non contento chiude anche virtualmente il match a fine primo tempo con il suo primo gol stagionale. La leziosità inutile qualche volta non la perde, ma ad un giocatore così gli si perdona tutto.

VECINO 6: forse pochi lo notano ma ad ogni azione della Lazio lui è sempre in area di rigore avversaria, cosa fondamentale per Sarri. Certo, non ha ancora i 90 minuti nella gambe ma sarà molto importante per la stagione.

ANDERSON 6: nel primo tempo è il peggiore insieme a Cataldi. Nel secondo migliora ma neanche tanto, rivedendo l’Anderson spento che siamo abituati a vedere.

Leggi anche:   Passeggiata biancoceleste: le pagelle di Lazio Spezia

ZACCAGNI 6,5: stringe i denti per essere in campo e, fino a che ha retto, è stato molto positivo.

IMMOBILE 7,5: poteva benissimo finire la partita con un poker di reti segnate da lui, ma ci “accontentiamo” di questa doppietta e dell’assist per il quarto gol di Pedro. Quinto gol in campionato.

PEDRO 6,5: quando subentra è sempre decisivo. Anche oggi ottima prestazione condita con il gol del 4 a 0.

ROMAGNOLI 6: nei 30 minuti in campo gestisce bene il suo settore.

LUIS ALBERTO 6,5: stesso discorso fatto per Pedro: quando subentra è decisivo. Delizioso il tocco al volo di tacco per Immobile, che poi serve Pedro per il 4 a 0.

GILA SV

BASIC SV

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Midtjylland – Lazio, le pagelle

Published

on

Una bruttissima Lazio perde 5 – 1 contro i danesi del Midtjylland. I biancocelesti restano così a 3 punti, per ora terzi nel girone grazie alla differenza reti.

LAZIO (4-3-3): Provedel 5; Hysaj 4, Gila 4, Romagnoli 5, Radu 4,5 (53′ Marusic 4); Vecino 5,5 (53′ Milinkovic 6), Cataldi 4 (69′ Marcos Antonio 5,5), Luis Alberto 5; Felipe Anderson 4, Immobile 5 (76′ Romero SV), Pedro 6 (52′ Cancellieri 5). A disp.: Luis Maximiano, Magro, Casale, Patric, Basic, Bertini. All: Maurizio Sarri 4,5

Leggi anche:   Passeggiata biancoceleste: le pagelle di Lazio Spezia
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.