Connect with us

News

Genoa-Lazio, Blessin in conferenza stampa: “Vogliamo raggiungere la salvezza”

Published

on

Vigilia di serie A in casa Genoa. I liguri nela gara delle 12.30 di domani, affronteranno la Lazio di Sarri . A parlare in conferenza stampa è stato il tecnico genoano Alexander Blessin. Queste le sue parole:

E’ più complicato affrontare una Lazio che ambisce al quinto posto e che ha interesse di classifica e se lo è stato di più il Verona libero di testa?
“A Verona non è stato l’atteggiamento che desideravo. Abbiamo perso la partita di Verona nel primo tempo e noi non abbiamo fatto come nelle partite precedenti. E’ chiaro che nel secondo tempo abbiamo fatto le cose come dovevamo fare, abbiamo messo più aggressività ma siamo andati sotto 1-0 perchè non abbiamo avuto l’atteggiamento giusto e questo non deve succedere. Contro una squadra fortissima come la Lazio, anche come valori individuali, dobbiamo avere l’atteggiamento delle ultime partite. Ci sono stati in queste due partite i primi tempi conto Venezia e Verona dove non abbiamo giocato bene. E’ chiaro che la Lazio deve vincere per arrivare in zona europea. Noi vogliamo raggiungere la salvezza, noi dobbiamo fare quello che sappiamo fare”.

Il problema degli attaccanti può essere anche psicologico?
“E’ chiaro che bisogna avere sempre attaccanti che vadano in gol. Chi è che non li vuole in squadra? Io sono convinto nella qualità dei miei giocatori. Ekuban ha segnato a Venezia e quella poteva essere la scintilla per dar fiducia ad un ragazzo giovane. Poi si è infortunato. Piccoli si è allenato e poi si è dovuto fermare. Ekuban si è sempre allenato bene. Un giovane deve avere la fiducia. La speranza c’è. Queste cose ci hanno condizionato e condizionano anche i ragazzi giovani. Però a Verona sono stato contento perchè abbiamo creato occasioni da gol, così come le partite prima e questo mi dà speranza per far gol. Dobbiamo migliorare e stiamo lavorando ogni giorno”.

Avete pensato a qualcosa di diverso come schieramento in campo con un trequartista e due punte?
“E’ molto importante mantenere la nostra struttura. Abbiamo visto contro il Torino e contro il Verona che possiamo cambiare l’aspetto tattico attingendo dalla panchina. A Verona nel finale abbiamo giocato con un 4-3-3, col Torino abbiamo qualcosa con l’inferiorità numerica. E’ importante reagire e cambiare la struttura se necessario. E’ sempre importante aver sempre la possibilità di reagire a situazioni in partita che necessitano un cambiamento tattico e di giocatori”.

Ha pensato come blindare la difesa contro Immobile?
“So che è un ottimo attaccante, ha le sue qualità nel gioco in profondità, si muove molto. Non sarà compito di un solo giocatore ma della compattezza di squadra difendere. La Lazio ha tanti giocatori di qualità ma la squadra dovrà difendere d’insieme così non farà gol domani”

Domani il “Ferraris” tornerà al 100%. Che ambiente si aspetta?
“Sarà una motivazione anche più grande per dare ancora di più. Ogni volta che abbiamo giocato in casa e sono entrato in questo stadio per me è stata una cosa fantastica. Da pelle d’oca. E’ come se entri nel salotto di casa. Domani cercheremo di godere di questa atmosfera eccezionale sapendo che sarà molto dura e dovremo lavorare moltissimo per fare qualcosa di positivo”.

Leggi anche:   Intercettazioni Juventus: ecco quella su Locatelli!
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Lotito sul caso Juventus e rinnovo Milinkovic Savic

Published

on

lotito milinkovic savic

Claudio Lotito è intervenuto dal palco del premio Colalucci parlando a 360 gradi. Le sue parole sono state riportate dalla testata giornalistica Il Messaggero:

CLIMA LEGA E REBECCA CORSI – «Si tratta di creare un clima di collaborazione, l’unione fa la forza, da soli non si va da nessuna parte. Abbiamo inserito una donna in Lega, stiamo facendo sul serio. È la prima che è stata eletta. Se l’ho spinta io? Ha l’esperienza, ha gestito il calcio femminile, l’Empoli. È una città che riesce a sfornare sempre talenti, è giusto che ricopra un ruolo all’interno della governance».

CASO JUVENTUS – «Non sono preoccupato. Se continuiamo a parlarne, facciamo preoccupare tutti. Siamo fuori dai Mondiali, alcune persone dovrebbero farsi delle domande e darsi delle risposte. Non penso dipenda dalla Lega di Serie A. Rischi che si allarghi il caso Juve? Non so, non conosco comportamenti delle altre squadre. Sicuramente non si allargherà coinvolgendo la Lazio, non abbiamo problemi di questa natura. Questo per me è un fatto di orgoglio e tranquillità. Soprattutto per il modo in cui sono partito, una situazione drammatica. Agnelli? L’ho visto al Senato e l’ho abbracciato. Dire che la Juve sia il male del calcio italiano non è giusto. Oggi tutti si scatenano per creare dissidi nei confronti della Juve. Un conto è la politica, un altro il valore umano. Andrea è uno che lavora. Ci incontravamo in ufficio da me alle 8, vuol dire che si svegliava alle 5, alle 6. Plusvalenze? Non so cosa siano, io sono per le valenze. Quando uno vale, lo mette sul campo. Valgono i fatti, nella vita contano i fatti e non parole».

MILINKOVIC – «I contratti si fanno quando scadono. Dal punto di vista tecnico, la Lazio ha interesse perché è un grande giocatore e un grande uomo. Mi auguro che altrettanta valutazione la faccia il giocatore. Appuntamento in agenda? Che stiamo facendo calciomercato?! Nella vita tutto ciò che ha inizio ha anche una fine, a partire dalla vita stessa. Milinkovic è un giocatore su cui la Lazio punta, è un valore aggiunto. Quello che manca sono i presidenti, non abbiamo problemi a trovare giocatori o allenatori. Gli italiani rimasti sono pochi, che lo fanno con dedizione. Il denaro non è tutto nella vita, conta il cervello e le idee».

NAZIONALE – «Non significa che in Italia non ci siano giocatori di qualità. Pongo degli interrogativi: come mai Immobile è diventato capocannoniere e Scarpa d’Oro e in Nazionale non segna così tanto».

Leggi anche:   Primavera 2 | La Primavera vola in classifica con un poker alla Ternana
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Ritiro Lazio: ecco le due amichevoli in Turchia

Published

on

ritiro lazio

Alla fine la Lazio farà il ritiro invernale in Turchia. Dopo alcuni dubbi ed un Maurizio Sarri che stava per optare ad un ritiro a Formello, la scelta sembra esser stata presa e sarà a Belek.

Come riporta il corriere dello sport, tra il 12 ed il 17 dicembre ci saranno due amichevoli contro il Galatasaray ed il Besiktas. Il 14 dicembre dovrebbe esserci la prima amichevole mentre il 17 dovrebbe disputarsi la seconda. Come riporta la testata giornalistica, il club biancoceleste dovrebbe soggiornare all’Hotel Regnum Carva, un albergo con una struttura sportiva completa e molto all’avanguardia.

Leggi anche:   Felipe Anderson ed il suo sogno, il brasiliano si racconta a Binance
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Lotito attacca Matteo Renzi rispondendo alle sue critiche

Published

on

lotito matteo renzi

Nei giorni scorsi, nella politica italiana, Matteo Renzi aveva attaccato Claudio Lotito per gli aiuti al calcio professionistico e alla Serie A. Nella giornata odierna, il presidente biancoceleste risponde all’ex PD attraverso i microfoni dell’Ansa

Uno dei più grandi esperti di conflitto di interessi della storia recente, non perde occasione per acquisire visibilità sfruttando il mio nome. Peccato vederlo ridotto a rincorrere la peggiore demagogia”. 

Leggi anche:   Serie B Femminile | Chievo Verona-Lazio 2-2, Chatzinikolaou sbaglia il raddoppio ma recupera il risultato
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza