Connect with us

News

Fiorentina-Lazio, Italiano in conferenza stampa: ” Il risultato per me è bugiardissimo anche se devo dire che la Lazio è forte”

Published

on

lazio fiorentina

Sconfitta amara per la Fiorentina. Un sonoro quattro a zero subito per mano della Lazio anche se, la viola non ha demeriti anzi è stata solo sfortunata. Al termine della gara il loro allenatore Vincenzo Italiano ha commentato il match in conferenza stampa. Queste le sue parole:

Quant’è il rammarico?
“Stasera ci ha portato in dote un grande primo tempo, siamo partiti forte e lo sapevo: giovedì ci ha lasciato tanto. Sono deluso dal risultato, non rispecchia quanto visto in campo. Finisce 4-0 tra i fischi e nella delusione generale… Non mi sono piaciuti gli ultimi dieci minuti, come riemersi dall’anno scorso quando ci succedeva in maniera ingenua. Per il resto abbiamo fatto quanto dovevamo, purtroppo le altre hanno concretezza e cinismo, sanno leggere i momenti, doti che non abbiamo. Il risultato per me è bugiardissimo anche se devo dire che la Lazio è forte. Hanno sofferto e segnato nel momento giusto”.

Come assorbite la delusione della gente? Come sta Sottil?
“Dispiace, è già la seconda volta che sento i fischi e dopo quanto fatto nella stagione scorsa fa male. A me e ai ragazzi. Mi spiace aver deluso stasera la gente venuta a sostenerci, che l’ha fatto per tutta la partita. Sta a noi tramutare i fischi in applausi, dobbiamo farlo. Il primo tempo è stato grande, ho visto impegno e quanto preparato. Finire 4-0 è pesante, non piace neanche a me ma dobbiamo ripartire, come sempre fatto. Archiviamo e si riparte. Oggi l’avversario ci ha castigati e va dato merito loro, seppure siano stati a lungo alle corde. Purtroppo non facciamo gol, ed è un male pesante: se non lo metti a posto, perdi le partite. Sottil non sta bene, ancora non è pronto: mi spiace perché ha qualità diverse rispetto ai compagni, ma quando sarà guarito al 100% ci darà una grossa mano. Ha un problema alla schiena, da dopo la partita con il Twente non riesce a recuperare e ogni volta che forza per aumentare il ritmo, non riesce ad andare oltre ed essere sereno”.

Quanto ha studiato la Lazio? Quanto merito loro o demerito loro?
“Vedete cos’hanno fatto col Midtyjlland: loro tiravano, gli altri segnavano. Il cinismo ti fa vincere le partite e i campionati, ti dà entusiasmo. Per noi adesso è un problema enorme e non otteniamo quanto creiamo. Paghiamo questo, la Lazio in questo momento è più forte di noi e l’ha mostrato stasera ma la Fiorentina è stata in partita fino agli ultimi dieci minuti”.

Perché tanti errori individuali?
“All’inizio la Lazio ha fatto due gol tirando due volte. La delusione per non aver riaperto ti fa concedere qualcosa di troppo all’avversario: fino al finale la Lazio non aveva creato occasioni per uno 0-4. Dopo aver visto i dati un allenatore non può ribaltare i suoi ragazzi: abbiamo tirato e avuto dominio, si deve continuare a creare. Fino a oggi eravamo anche la terza miglior difesa, ma nei dieci minuti mi sono arrabbiato tantissimo perché abbiamo mollato. Gli errori sotto porta si pagano, ma creare è un bene. Peggio sarebbe non farlo ed essere in balia delle pallonate avversarie”.

Giocare il giovedì disturba? Aveva preparato qualcosa su Sarri?
“Non è semplice, la difficoltà più grande che riscontro è preparare le partite in troppo poco tempo, senza il recupero delle energie. Penso che mister Sarri non avesse preparato la partita per chiudersi nella loro area e il merito è nostro. Quando però non sfrutti la superiorità esistono ripartenze, piazzate e concretezza. Oggi tutto si può dire ma non che la Fiorentina non abbia proposto e non si sia impegnata. Però perde 4-0 e delude i sostenitori, questo fa più male”.

Continua la Lettura
Advertisement

Since1900, Affiliato ufficiale di Binance

Advertisement

Ultime notizie

Classifica

Advertisement

Copyright © 2023 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.