Connect with us

News

Encefalogramma piatto

Published

on

glik
Lazio quando uscirai dal tunnel? Ennesima trasferta amara, ennesima sconfitta. Sale la preoccupazione, perché Natale è ancora lontano e le valutazioni andrebbero fatte ora. La prestazione non c’è, la classifica dice 17 punti.Una sola vittoria in trasferta in campionato nel 2013. All’Olimpico di Torino manca lo spettacolo, ma gli uomini di Ventura capitalizzano al meglio l’unica occasione creata e portano a casa i 3 punti. La Lazio non risulta mai insidiosa e il portiere granata vive una giornata tranquilla. Petkovic vede il futuro nero. La Lazio è in coma profondo.

LE FORMAZIONI – Petkovic in settimana prova e sperimenta. Ma alla fine è 4-1-4-1. Marchetti tra i pali. In difesa c’è Konko sulla destra, con Cana Dias centrali e Pereirinha terzino sinistro al posto di Radu. Biglia ancora in cabina di regia, aiutato da Hernanes, Onazi. Candreva e Lulic sulle fasce per servire palloni a Perea, unico terminale offensivo. Ancora out Klose, la sua assenza rischia ora di diventare un mistero. Ventura risponde con il classico 3-5-2: Padelli in porta, Darmian, Glik e Moretti compongono la linea difensiva. D’Ambrosio, Vives, Basha, Farnerud, Pasquale sono a centrocampo per correre e rubare palloni. Davanti la pericolosità di Alessio Cerci accompagnata dalla voglia di gol di Ciro Immobile.

PRIMO TEMPO – La Lazio parte alta e aggressiva. Pressing di Perea, che come al solito corre alla ricerca del pallone, Onazi e Lulic. Al sesto minuto ci prova Cana di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo: palla sul palo ma il gioco era fermo. Il Toro è timido e fa girare palla in maniera lenta e scontata. Poi si svegliano. Cerci sulla fascia è la spina nel fianco: Pereirinha ha corsa ma non la tecnica per fermarlo. Sulla fascia sinistra Farnereud prende bene il tempo a un paio di giocatori biancocelesti e si invola. Biglia per evitare ulteriori guai lo stende e rimedia il giallo. Dalla punizione arriva il gol granata: difesa in bambola, D’Ambrosio ha il tempo di stoppare il pallone con il petto per Glik. Rasoterra che fulmina Marchetti. Uno a zero per i ragazzi di Ventura e una Lazio addormentata che si fa infliggere alla prima occasione. Lulic cerca la vendetta ma il suo colpo di testa va alto sopra la porta difesa da Padelli. Petkovic si sbraccia e cerca di risistemare la squadra come può, ma in campo i giocatori sono spaesati e senza idee. Cerci è ancora pericoloso con Marchetti bravo a respingere. La Lazio non va, nessuna svolta come era stata auspicata in settimana. Finisce un primo tempo povero di azioni biancocelesti. La musica non cambia.

Leggi anche:   Infermeria Lazio: Sarri ha un solo assente oltre a Milinkovic e Vecino

SECONDO TEMPO – Vlado cerca il salvatore della patria. Dentro Keita al posto di Pereirinha, con Lulic che arretra nella posizione di terzino. Ora le chance di ribaltare una partita sono tutte sulle spalle di un ragazzino di 18 anni. Hernanes arma il tiro che è forte ma ancora alto: è l’occasione più ghiotta dopo 50 minuti di gioco. I biancocelesti spingono e si gioca ad una porta: entra Floccari per aumentare il peso offensivo e fuori Biglia. Petkovic sistema i suoi uomini con un 4-2-4 alla disperata ricerca del gol. IlProfeta agisce da regista, con Onazi vicino per rompere il gioco e tamponare le folate offensive del Torino. La partita però non prende la piega giusta e il tecnico di Sarajevo si gioca l’ultima carta che ha il viso di Ederson. Dentro il brasiliano e fuori Hernanes ancora lontano dall’essere il top player degli scorsi anni. I biancocelesti ci provano senza essere mai pericolosi. Il Torino vince in casa come lo scorso anno sotto la neve: 1 a 0 e la Lazio va al tappeto. Secondo la dirigenza il gong suonerà a Natale, ma i biancocelesti sapranno rialzarsi o questo sarà un k.o.?

LALAZIOSIAMONOI

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Lotito sul caso Juventus e rinnovo Milinkovic Savic

Published

on

lotito milinkovic savic

Claudio Lotito è intervenuto dal palco del premio Colalucci parlando a 360 gradi. Le sue parole sono state riportate dalla testata giornalistica Il Messaggero:

CLIMA LEGA E REBECCA CORSI – «Si tratta di creare un clima di collaborazione, l’unione fa la forza, da soli non si va da nessuna parte. Abbiamo inserito una donna in Lega, stiamo facendo sul serio. È la prima che è stata eletta. Se l’ho spinta io? Ha l’esperienza, ha gestito il calcio femminile, l’Empoli. È una città che riesce a sfornare sempre talenti, è giusto che ricopra un ruolo all’interno della governance».

CASO JUVENTUS – «Non sono preoccupato. Se continuiamo a parlarne, facciamo preoccupare tutti. Siamo fuori dai Mondiali, alcune persone dovrebbero farsi delle domande e darsi delle risposte. Non penso dipenda dalla Lega di Serie A. Rischi che si allarghi il caso Juve? Non so, non conosco comportamenti delle altre squadre. Sicuramente non si allargherà coinvolgendo la Lazio, non abbiamo problemi di questa natura. Questo per me è un fatto di orgoglio e tranquillità. Soprattutto per il modo in cui sono partito, una situazione drammatica. Agnelli? L’ho visto al Senato e l’ho abbracciato. Dire che la Juve sia il male del calcio italiano non è giusto. Oggi tutti si scatenano per creare dissidi nei confronti della Juve. Un conto è la politica, un altro il valore umano. Andrea è uno che lavora. Ci incontravamo in ufficio da me alle 8, vuol dire che si svegliava alle 5, alle 6. Plusvalenze? Non so cosa siano, io sono per le valenze. Quando uno vale, lo mette sul campo. Valgono i fatti, nella vita contano i fatti e non parole».

MILINKOVIC – «I contratti si fanno quando scadono. Dal punto di vista tecnico, la Lazio ha interesse perché è un grande giocatore e un grande uomo. Mi auguro che altrettanta valutazione la faccia il giocatore. Appuntamento in agenda? Che stiamo facendo calciomercato?! Nella vita tutto ciò che ha inizio ha anche una fine, a partire dalla vita stessa. Milinkovic è un giocatore su cui la Lazio punta, è un valore aggiunto. Quello che manca sono i presidenti, non abbiamo problemi a trovare giocatori o allenatori. Gli italiani rimasti sono pochi, che lo fanno con dedizione. Il denaro non è tutto nella vita, conta il cervello e le idee».

NAZIONALE – «Non significa che in Italia non ci siano giocatori di qualità. Pongo degli interrogativi: come mai Immobile è diventato capocannoniere e Scarpa d’Oro e in Nazionale non segna così tanto».

Leggi anche:   Lotito sul caso Juventus e rinnovo Milinkovic Savic
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Ritiro Lazio: ecco le due amichevoli in Turchia

Published

on

ritiro lazio

Alla fine la Lazio farà il ritiro invernale in Turchia. Dopo alcuni dubbi ed un Maurizio Sarri che stava per optare ad un ritiro a Formello, la scelta sembra esser stata presa e sarà a Belek.

Come riporta il corriere dello sport, tra il 12 ed il 17 dicembre ci saranno due amichevoli contro il Galatasaray ed il Besiktas. Il 14 dicembre dovrebbe esserci la prima amichevole mentre il 17 dovrebbe disputarsi la seconda. Come riporta la testata giornalistica, il club biancoceleste dovrebbe soggiornare all’Hotel Regnum Carva, un albergo con una struttura sportiva completa e molto all’avanguardia.

Leggi anche:   Felipe Anderson ed il suo sogno, il brasiliano si racconta a Binance
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Lotito attacca Matteo Renzi rispondendo alle sue critiche

Published

on

lotito matteo renzi

Nei giorni scorsi, nella politica italiana, Matteo Renzi aveva attaccato Claudio Lotito per gli aiuti al calcio professionistico e alla Serie A. Nella giornata odierna, il presidente biancoceleste risponde all’ex PD attraverso i microfoni dell’Ansa

Uno dei più grandi esperti di conflitto di interessi della storia recente, non perde occasione per acquisire visibilità sfruttando il mio nome. Peccato vederlo ridotto a rincorrere la peggiore demagogia”. 

Leggi anche:   Primavera 2 | La Primavera vola in classifica con un poker alla Ternana
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza