Connect with us

News

DEPRIMENTI !

Published

on

KEITA
Questa vittoria non s’ha da fare, nemmeno l’Europa riconsegna il sorriso alla Lazio. Una squadra spenta, arrendevole, molle, senza un condottiero che abbia la forza di suonare la carica. Quello contro il Trabzonspor è uno 0 a 0 desolante, deprimente, che consente ai turchi di terminare la fase a gironi al comando del gruppo J e che complica maledettamente il percorso dei capitolini in Coppa. La Lazio non abbandona la via dell’anonimato, anzi, continua a percorrerla senza sosta.

FORMAZIONI – Questa volta Petkovic riduce al minimo le sorprese nello schieramento iniziale, ovvero Ledesma al posto di Lucas Biglia. Nel 4-2-3-1 schierato dal tecnico di Sarajevo c’è Berisha tra i pali, con Cavanda, Biava, Novaretti e Radu a formare il quartetto difensivo. La diga di centrocampo è composta da Ledesma e Onazi, mentre a supporto dell’unica punta Floccari scendono in campo Felipe Anderson, Ederson e Keita. Akcay speculare a Petkovic: davanti a Kivrak, linea composta da Bosingwa ed Aykut Demir sugli esterni bassi, Mustafa Yumlu e Bamba al centro. Sulla linea mediana si piazza la coppia Akgun-Colman, mentre dietro a Paulo Henrique, c’è il terzetto formato da Olcan Adin, Malouda e Alanzinho.

PRIMO TEMPO – Nel gelo e nella desolazione dello stadio Olimpico, è Keita il primo che prova a riscaldare il pubblico sugli spalti. Accelerazione impressionante del numero 14 capitolino, palla per Floccari che al limite dell’area di rigore serve Felipe Anderson largo a destra. Sul cross del brasiliano, si fa anticipare proprio l’attaccante calabrese che non sfrutta una ghiotta occasione da rete. Un giro di lancette e Berisha entra in partita: Malouda dalla distanza scarica un rasoterra che trova attento l’estremo difensore biancoceleste. Tutti le azioni della Lazio passano per i piedi di Keita, che non disdegna nemmeno la testa. Come al minuto quattordici quando un lancio lungo di Onazi trova la sponda aerea dell’ex Barcellona per Ederson, il cui tiro però è una carezza ai guantoni di Kuvrak. Sale il pressing offensivo della truppa di Petkovic, il Trabzonspor si chiude nella propria metà campo, ma non corre mai pericoli. Imprecisi, deboli, mai incisivi: i tiri della compagine romana verso la porta turca non fanno provare nemmeno il brivido del gol. Sussulti che arrivano invece a ripetizione sul finire del primo tempo,quando prima Floccari (di testa), poi Ederson (in acrobazia) e Felipe Anderson (di piatto destro) si divorano il gol dell’1 a 0. Niente da fare, il fortino costruito da Akcay resiste imperterrito, e i primi 45 minuti terminano a reti inviolate.

Leggi anche:   De Laurentiis contro Casini: " è uno schiavo di Lotito "

SECONDO TEMPO – Nel secondo tempo non cambiano i volti dei 22 in campo, ma Vlado corre presto ai ripari, perché la sua creature appare spenta, svogliata. Al 59esimo Petkovic si gioca la carta Antonio Candreva, che subentra al posto di Felipe Anderson. Mentre sei minuti dopo è Onazi ad abbandonare il terreno di gioco per favorire l’ingresso di Hernanes. La scossa non arriva, le emozioni latitano. Ci pensa Cavanda a svegliare lo stadio Olimpico con un retropassaggio fuori misura che solo grazie alla prontezza di Berisha non si trasforma in un assist per Paulo Henrique. I minuti scorrono inesorabili, Klose sveste la pettorina e accende la speranza nei cuori dei circa diecimila tifosi laziali laziali. La lavagna luminosa si prepara ad accoglierlo in campo, non prima che il suo collega di reparto si divori un’altra clamorosa palla gol, svirgolando malamente un pallone nel cuore dell’area di rigore. Eccolo Miro, al rientro dopo l’infortunio alla spalla rimediato al Tardini contro il Parma. Ad uscire a testa bassa e scuro in volto è Honorato Ederson. Gli “olè” ironici della Curva Nord, fanno da sfondo ad un finale di gara senza scintille, privo d’ardore. Non basta l’ingresso di Klose, Hernanes e Candreva, questa squadra è l’ombra di sé stessa. Triplice fischio, la Lazio fallisce il tentativo di sorpasso e accede come seconda ai sedicesimi di finale.

LALAZIOSIAMONOI

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Intercettazioni Juventus: ecco quella su Locatelli!

Published

on

intercettazioni juventus

Giorno dopo giorno spuntano sempre più intercettazioni sul terremoto che ha scosso tutta la dirigenza della Juventus. Repubblica riporta quest’oggi, un affare che ha visto i bianconeri ed il Sassuolo sul cartellino di Locatelli:

“Nel comunicato in cui annuncia l’acquisto del giocatore, il 18 agosto 2021, la Juventus precisa “di avere raggiunto un accordo per l’acquisizione gratuita, a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2023″. E aggiunge che l’acquisizione a titolo definitivo si sarebbe perfezionata con il versamento di 25 milioni, pagabili in tre esercizi, oltre a premi sportivi per 12,5 milioni complessivi”.

“La Juventus al Sassuolo avrebbe promesso bonus talmente facili da raggiungere (bastava fare un solo punto in campionato fra febbraio e marzo 2023) da non potere essere considerati premi di risultato. In particolare, l’accordo avrebbe previsto un “fidelity bonus” da 5 milioni non legato al verificarsi di alcuna condizione. Perché allora non registrarlo come quota fissa? La Juventus inoltre si sarebbe impegnata a versare al Sassuolo il 20 per cento sul valore della eventuale futura rivendita del cartellino del giocatore. Infine, secondo quanto ricostruito dai pm, la Juventus avrebbe concesso ai neroverdi l’intero incasso di un’amichevole al Mapei Stadium da giocarsi nei tre anni successivi alla firma del contratto”.

Leggi anche:   Primavera 2 | La Primavera vola in classifica con un poker alla Ternana
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

De Laurentiis contro Casini: ” è uno schiavo di Lotito “

Published

on

loito de laurentiis

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis attacca Claudio Lotito e Lorenzo Casini con una battuta poco signorile.

Il numero 1 partenopeo è intervenuto ai microfoni sportivi sulla vicenda che vede la Juventus sotto la mira della Giustizia Sportiva con il caso Prisma.

La vicenda Juventus? Non ne parlo. Ci penseranno i magistrati, che stanno verificando. Non è compito mio, mi dispiace che il calcio, ma non è solo un problema italiano, non sia poi portatore sempre di quei valori che dovrebbero essere d’esempio per le nuove e le giovani generazioni“.

Se può essere una nuova Calciopoli? Non sta a me stabilirlo

La stoccata al presidente biancoceleste ed il presidente della Lega Serie A arrivadurante la presentazione al Coni:

È schiavo di Lotito, è schiavo!“.

Leggi anche:   De Laurentiis contro Casini: " è uno schiavo di Lotito "
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Infermeria

Infermeria Lazio: Sarri ha un solo assente oltre a Milinkovic e Vecino

Published

on

infermeria lazio

La Lazio prosegue la sua preparazione invernale in questo stop per il mondiale del Qatar 2022. Nella sessione di oggi a Formello, solamente Marcos Antonio non si è presentato per un attacco influenzale. Dall’altra parte si attendono Milinkovic SavicMattias Vecino che sono stati eliminati entrambi dalla campionato mondiale ma che godranno ancora di qualche giorno di ferie.

Tutto il gruppo ha l’allenamento con Maurizio Sarri che vede l’infermeria vuota. Luis Alberto anche è tornato in gruppo dopo aver fatto una giornata di palestra nella giornata di ieri. Felipe Anderson provato ancora da Falso Nueve, in attesa di capire se quest’inverno arriverà un vice Immobile oppure no.

 

Leggi anche:   Ritiro Lazio: spunta nuovamente la Turchia
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza