Connect with us

Calciomercato Lazio

Cragnotti risponde a Lotito :” Gioca con i numeri, guardate i vecchi bilanci “

Published

on

CRAGNOTTI

“Lotito con i numeri ci gioca, mischiando miliardi di lire e milioni di euro, a lui piace fare così”,  parla col sorriso e senza rabbia o vena polemica il presidente della Lazio Sergio Cragnotti , parlando del bilancio della Lazio,“ma i numeri veri sono scritti nero su bianco nei bilanci. E su quei numeri c’è poco da giocare”.

Gli viene fatto notare che poche settimane fa, parlando di bilanci e dei rapporti con le parti correlate e dei milioni che passano ogni anno dalle casse della Lazio a quelle delle sue aziende, Lotito ha detto: “Sono tutte mistificazioni… Parla gente che non conosce il meccanismo di una società complessa come la Lazio… Si tratta di cifre ridicole, irrisorie, irrilevanti nel bilancio di una società… Sorrido perché io non ho creato soluzioni finalizzate al guadagno, perché guadagnare significa trarre degli utili di carattere personale. Io ho fatto solo una cosa che mi sembrava giusta fare tra l’altro in piena trasparenza, perché sta sui bilanci tra le parti correlate… C’erano dei servizi, che erano stati affidati dalle precedenti gestioni a terzi che avevano prodotto dei risultati di qualità non idonei e che avevano un costo superiore a quello normalmente praticato sul mercato. Io non ho fatto altro che sostituire quei servizi, che non sono stati istituiti da me, con quelli di aziende che hanno dei costi di gran lunga inferiori e con un servizio migliore. La vigilanza c’era, la manutenzione c’era, la mensa pure… ”

“Vabbé, ma lui fa sempre così”, ti risponde sorridendo, “la realtà però è che io non avevo nessuna azienda che prendeva soldi dalla Lazio, semmai avevo aziende come la Cirio che versavano soldi alla Lazio. La vigilanza a Formello la faceva il personale della Lazio e per la manutenzione del centro sportivo, la mensa e i servizi non spendevamo le cifre che ho letto negli ultimi bilanci”.

Già, ma vallo a spiegare alla gente, soprattutto a quelli che prendono per oro colato quello che dice Lotito e che non mettono mai in discussione quello che dice replicando a quelle “balle” che non trovano riscontro nei bilanci. Eppure basterebbe prenderli e aprirli quei bilanci per smascherare le bugie palesi. Lo abbiamo fatto in poche ore il 27 maggio prendendo i bilanci, lo poteva fare chiunque…

http://www.sslaziofans.it/contenuto.php?idContenuto=29025

E a proposito di numeri, proprio verso la fine della serata arriva la conferma di un qualcosa che avevi sempre sospettato. “I 500 milioni di euro, mille miliardi di lire di debito? Non sono mai esistiti, basta vedere il bilancio al 30 giugno del 2004. Anche perché si parla sempre dei debiti, ma non si parla mai dei crediti che vantava la Lazio e che qualcuno si è ritrovato in cassa”.

Già… Come per la valutazione della mega villa di Cortina d’Ampezzo, che passa da un’intercettazione all’altra passa da un valore di 60 miliardi a 60 milioni di euro, oppure come per i soldi spesi per acquistare il 67% della Lazio (30 milioni di euro contro i 120-150 di cui ha parlato lui in interviste recenti), Lotito ama giocare con i numeri. E allora, sono andato a cercarlo quel bilancio al 30.6.2004 e non c’è traccia dei 500 milioni di euro di debiti, di quel fardello di oltre un miliardo di lire di cui parla sempre Lotito. Ma c’è traccia di 114,051 milioni di euro di crediti. Sì, avete letto bene, più di 114 MILIONI DI EURO DI CREDITI! Di cui oltre 56 milioni di euro relativi alle cifre ancora da incassare (pag. 58-59 del bilancio) per la vendita dei vari Veron, Nedved, Nesta, Crespo, Stam e Stankovic, più 37 milioni di crediti verso il Gruppo Cirio, parte dei quali hanno portato all’acquisto a prezzo da saldo avvenuto un paio di anni fa del palazzo di Via Valenziani.

E veniamo ai debiti, pag-66-70 del bilancio… 20,716 milioni con le banche; 48,695 milioni con“altri finanziatori”; circa 5 milioni per “acconti ricevuti”; 13,303 milioni con i fornitori; 151,375 milioni con l’Erario; 60,146 milioni di euro con tesserati (piano Baraldi), procuratori e altro; 27,184 di euro con club stranieri. Insomma, non rose e fiori, ma siamo a 321 milioni di euro, che scorporati i crediti portano a 206 milioni di euro di buco, molto lontani dai 500 di cui ha sempre parlato Lotito. E, soprattutto, quasi la metà sono relativi a quel debito con l’Erario (oltre 151 milioni di euro) di cui restano da pagare ancora 14 anni di rate a circa 6 milioni di euro all’anno, quindi oltre 80 milioni di euro. Ergo, di buco vero dal 2004 sono stati ripianati circa 120 milioni di euro. Una cifra enorme, sia chiaro, ma lontana anni luce da quei 500 milioni di euro di cui si è favoleggiato per quasi dieci anni. E in questi dieci anni, la Lazio ha incassato oltre 450 milioni di euro solo dai diritti tv. Questo è il bilancio al 30.6.2004, approvato il 30 novembre del 2004 da Lotito. Basta controllare…

http://syndication.teleborsa.it/Nis/NisViewer.ashx?file=8385.pdf&year=2004&filetype=documenti  

Aveva ragione Cragnotti, quei 500 milioni non sono mai esisti. Perché Cragnotti avrà tanti difetti, avrà omesso più di una verità, ma non si è mai vantato di cose non fatte e soprattutto non ha mai sbandierato progetti inesistenti o comunque senza basi. Lo stadio lo voleva realizzare e non si è fermato ad un disegno, ma ha ancora oggi conservato il progetto (regolarmente pagato) realizzato da una società tedesca, con tanti di costi di realizzazione e studio di fattibilità economica dell’opera. Cose mai viste per il famoso stadio delle Aquile. E parlando di questo, il discorso scivola sull’Academy, sulle opere di costruzione annunciate im pompa magna da Lotito.

“Non mi risulta che ci siano i permessi per costruire”, dice Cragnotti. “Già più di dieci anni fa avevamo chiesto di aumentare la cubatura di Formello, il comune ci aveva fatto delle promesse, ma sono rimaste sempre sulla carta. Di scritto non c’è mai stato e non c’è ancora nulla. Poi, se ci riescono ora, bene per la Lazio. Ma noi, le cose prima le facevamo e poi le annunciavamo”

Già. Vieri prima lo si comprava e poi lo si annunciava, con trattative che duravano poche ore, chiuse sempre con una stretta di mano che valeva più di un contratto scritto. Oppure con blitz improvvisi come quelli a Praga per Nedved o a Belgrado per strappare Stankovic alla Roma, con quell’aereo sempre pronto a partire per trasformare in realtà i sogni dei tifosi. E forse è proprio per questo che a distanza di tempo Sergio Cragnotti è ancora così amato. Perché ha fatto sognare la gente e li ha realizzati quasi tutti quei sogni. Senza raccontare alla gente di non essere “uno che vende sogni, ma solo solide realtà”, come fa invece qualcun altro che con i sogni della gente ci gioca. Come con i numeri, con i miliardi di lire e i milioni di euro che si mischiano facendo perdere il conto a chi ascolta. Ma i numeri sono numeri. E stanno scritti nero su bianco. Basta volerli leggere…

STEFANO GRECO – LAZIOMILLENOVECENTO

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Calciomercato Lazio

Lotito chiude il mercato: ” Resta sia Milinkovic che Luis Alberto… ho mantenuto le promesse…”

Published

on

lotito calciomercato

Claudio Lotito chiude le voci di calciomercato riguardanti soprattutto Milinkovic Savic e Luis Alberto. I due giocatori sono pezzi da 90 che non partiranno sotto ad una cifra prestabilita dal presidente biancoceleste. Ed è proprio quest’ultimo ai microfoni de Il Messaggero a rilasciare delle dichiarazioni sul mercato e sulla campagna abbonamenti.

Voglio fare un applauso ai nostri sostenitori. Gli abbonamenti sono una bella risposta ai nostri sforzi anche se possiamo fare ancora meglio. Milinkovic a 50 milioni? A quella cifra non lo vendo, vale molto di più. Il nostro mercato così è completo e finito. Anche perché rimarrà pure Luis Alberto. Ho mantenuto in tempi rapidi tutte le promesse che avevo fatto. Sono stati presi tutti i rinforzi voluti da Sarri nel foglio”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Calciomercato Lazio: Tare firma con il Rapid Vienna salutando e ringraziando

Published

on

tare lascia la lazio

Termina dopo 13 anni la sua avventura con la Lazio Etienne Tare. Il figlio di Igli Tare ha salutato compagni e società tramite un post sul suo profilo ufficiale di Instagram. Il giocatore ha firmato con il Rapid Vienna e ripartirà con la squadra B per continuare ad imparare e maturare come calciatore. Con la Lazio Primavera il giocatore ha collezionato una sessantina di partite 3 assist e 7 gol siglati.

 “Dopo 13 anni con i colori della mia squadra del cuore, volevo ringraziare la società tutti i miei compagni e lo staff per tutto quello che hanno fatto per me. Grazie di cuore, e sempre forza Lazio!”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

La Lazio pensa a Lo Celso, la situazione

Published

on

La Lazio, in queste ultime ore, starebbe pensando di portare nella capitale Giovani Lo Celso centrocampista del Tottenham. Il giocatore potrebbe arrivare per rimpiazzare Luis Alberto, che sembrerebbe tutt’oggi ancora in uscita.

Il costo del cartellino è alto, ma i capitolini punterebbero al prestito con diritto riscatto a 17/20 milioni di euro. Il nazionale argentino però vorrebbe restare al Villarreal dove ha giocato l’ultima stagione in prestito.

Una trattativa difficile ma non impossibile. Sul centrocampista ci sarebbero anche altre squadre come la Fiorentina.

Resta da considerare il futuro di Luis Alberto e quello del giocatore del Hellas Verona Ilic, vicinissimo alla Lazio dato l’accordo raggiunto tra le due società.

Il futuro di Lo Celso sembrerebbe essere in Spagna, ma magari la capitale potrebbe potrebbe incantare il giovane argentino e convincerlo a venire a giocare nel campionato italiano con la maglia biancoceleste.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design