Celtic-Lazio a portieri volanti? 3 punti stampati sul palo di Correa.

Celtic-Lazio una partita inedita per la Lazio in quanto non ha mai giocato in Scozia e neanche contro il Celtic. Il primo incontro vede favorita la squadra di casa in uno stadio spettacolare a livello di pubblico ma i biancocelesti non ne sentono il peso, almeno nel primo tempo fino a metà del secondo tempo.

Una Lazio che mostra il bel gioco e riesce ad arginare la velocità dei padroni di casa, un Lazzari che sulla fascia mette in difficoltà i difensori bincoverdi fino a trovare una splendida rete tutta di velocità.

Al rientro dagli spogliatoi qualcosa si rompe, la concentrazione cala e Strakosha non scende in campo prendendo una 2 reti dove la reattività è pari a zero. Disattenzioni anche difensive quelle che hanno portato alla rimonta degli scozzesi portando la Lazio a perdere il controllo della gara. Colpevole anche Correa che , un po’ per sfortuna ed un po’ per mancanza di precisione colpisce il palo sfiorando lo 0-2 che poteva chiudere il match.

Leggi anche:   Cagliari - Lazio affidata a Maresca: i precedenti

Una difesa che ha funzionato a metà con Bastos graziato da un rosso quasi certo. Nel finale miracolo del portiere che intuisce la bordata di Cataldi la quale era diretta sotto al sette ma sopratutto poteva arginare il danno autoinflitto dalla Lazio.

Il problema comunque fondamentale di questa squadra rimane il reparto difensivo, portiere compreso. L’albanese ha evidenti lacune che spesso e volentieri danneggiano gravemente l’operato della squadra durante un match. Distrazioni e mancanza di lucidità, mancate uscite facili e nessuna certezza. La soluzione non può neanche essere Proto che, non me ne voglia, non può difendere i pali biancocelesti. Rimane Guido Guerrieri, giovane biancoceleste sin dalla Primavera dove non ha trovato un minuto di gioco eccetto quella prova dell’anno scorso andata male.

Leggi anche:   Lotito carica la Lazio contro il Rennes. La qualificazione può arrivare grazie al Celtic ma...

Il mercato invernale, in caso di miracolo in Europa League nel girone di ritorno, deve essere riparato dalla retrovia per andare su. Ma tutto questo rimane scritto qui, rimane nei pensieri dei laziali perchè si sa, i rinforzi dei mercati o vengono fatti a parametro zero o a estrazioni in stile tombolata di Natale. Nessuna scusa, i giocatori, specialmente il numero uno, devono riguardarsi le partite giocate e valutarsi da soli perchè se loro si potessero mettere nei panni dei tifosi, si fischierebbero da soli!

Leggi anche:   Kiyine alla Lazio