Connect with us

Calciomercato Lazio

Caso Yilmaz, il ministro degli Esteri turco replica a Lotito

Published

on

YILMAZ

Quando finirà la storia Yilmaz? La Hit dell’estate è diventata un tormentone che vale tutto l’anno. Il mancato arrivo dell’ariete turco alla corte di Claudio Lotito ha lasciato strascichi che durano ormai da mesi: c’è rammarico da parte dei tifosi, che lo vedevano come l’attaccante dei sogni per puntare sempre più in alto. Poi tante voci, italiane e turche. Come questa volta, in cui c’è in ballo il nome dell’ambasciatore turco a Roma, Hakkı Akil. 

Ma cosa c’entra l’ambasciatore? Lotito, ai tempi della trattiva parlò di lui come un intralcio all’operazione, il quale lo invitava a chiudere la trattiva con 15 milioni sul piatto senza tante storie. E allora, in questi giorni, il Ministro degli Esteri Davatoglu ha risposto:La legge n° 6004 sull’Organizzazione del Ministero degli Esteri, prevede che le ambasciate non siano solo un luogo preposto alla protezione dei cittadini turchi e delle persone giuridiche verso cui ci sono dei doveri in terra straniera. Esse ricoprono infatti anche il ruolo di protettori di atleti e società sportive, come di personalità famose, nell’ambito degli interessi legali che sono il presupposto a valori di promozione internazionale della Turchia”. 

Davutoglu evidenzia ancora: “Lotito preferì affidarsi ad un noto manager per un rapporto più personale in grado di dargli, secondo lui, terreno fertile per la trattativa”.

LALAZIOSIAMONOI

Continua la Lettura
Advertisement

Since1900, Affiliato ufficiale di Binance

Advertisement

Ultime notizie

Advertisement

Classifica

Advertisement

Copyright © 2023 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.