Connect with us

ExtraLazio

Ballardini-Sorrentino, si riaccende lo scontro?

Published

on

Davide Ballardini potrebbe tornare nuovamente in tribunale a causa di una lite con il portiere del Palermo Sorrentino e che gli è costato l’esonero dalla panchina rosanero circa 20 giorni fa.

Già nel 2012 si era dovuto difendere in un’aula di tribunale dopo il licenziamento voluto da Cellino, all’epoca presidente del Cagliari, stavolta però il litigio non è avvenuto con il presidente di un club ma con il suo portiere e capitano, nel caso specifico Stefano Sorrentino; l’attuale numero 70 dei rosanero sembra non aver preso bene una decisione del suo ex allenatore, il quale spiega ai microfoni di “Repubblica” i motivi che lo hanno spinto a denunciare l’estremo difensore: “Insolito denunciare Sorrentino? No, è insolito che un allenatore venga esonerato da un giocatore. Con me non era stato impeccabile fra i pali e così prima del Verona, il sabato, in ritiro a Coccaglio, a inizio seduta chiamo lui e il vice Colombi e rivelo che ho un dubbio. Lui mi offende dicendo ‘Brutto testa di c***o, te lo tolgo io il dubbio, fai giocare lui’. Poi, tramite il ds Gerolin, Zamparini mi fa sapere che vuole che giochi Sorrentino. Dico: ‘Va bene, ma poi bisogna chiarire’. La domenica, nella riunione tecnica, annuncio modulo e undici. Con Sorrentino”

L’intervista prosegue parlando del passato del tecnico di Ravenna, che spesso ha incontrato presidenti piuttosto presuntuosi e arroganti, tra cui appunto Cellino:  “Con Cellino è stata più dura. Mi chiamava anche alle tre di notte per la formazione. A volte con buone intuizioni, tipo Cossu regista. Io a un certo punto spegnevo il telefono e lui chiamava il mio vice. Zamparini in settimana ti fa arrivare sempre il suo ragionamento su modulo e uomini, ma a Palermo se perdi è tutto amplificato. Lotito invece non si intromette mai, ha profondo rispetto. Ma alla Lazio mi ha messo fuori squadra Pandev e Ledesma. Io vittima? Certi presidenti ti sgretolano il cervello. Il nostro calcio non si basa più su competenza e separazione dei ruoli ma sul profitto e sul mercanteggiare. E il mestiere di allenatore è sminuito”

I tifosi laziali non hanno certamente un buon ricordo dell’allenatore, che in poco più di 6 mesi alla guida dei biancocelesti riusci a vincere la Supercoppa Italiana ai danni di quella che sarebbe diventata l‘Inter del “triplete”, ma lasciò la squadra a Febbraio 2010, quando le aquile si trovavano al limite della zona retrocessione e lo stesso Ballardini non aveva mai alzato la voce per reintegrare in rosa due giocatori cardine come Ledesma e Pandev. Gli fu quindi accusata una mancanza di attributi, in quanto si reputava che dovesse alzare da subito la voce con la società. A questo proposito Ballardini risponde così, chiudendo l’intervista: ‘Non mi ribello mai? Ascolto tutti, forse nel tempo è stata una mia debolezza. Dopo un po’ ti abitui. E’ come un farmaco preso a piccole dosi quotidiane. Lo sa che farmaco in greco vuol dire veleno?'”

Leggi anche:   Fiorentina-Lazio: l'arbitro della gara

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

ExtraLazio

Zaniolo insultato da alcuni tifosi romanisti: ” A’nfame…”

Published

on

Nicolò Zaniolo è sempre più lontano da Trigoria. Le voci arrivate nella nostra redazione qualche settimana fa, si fanno sempre più forti con l’attaccante giallorosso ai titoli di coda con il club e la Juventus in pressing per il suo cartellino.

L’attaccante quest’oggi è arrivato al centro sportivo eludendo tutti i tifosi che volevano un autografo senza fermarsi. All’uscita però, qualche autografo l’ha fatto ma in un silenzio tombale. Un gruppo di tifosi prima hanno cercato di convincerlo di non firmare con il club di Agnelli, poi alla ripartenza dell’auto, in un totale silenzio e faccia arrabbiata, qualcuno l’ha insultato con “a’nfame”

https://twitter.com/i/status/1544281206312898560

Leggi anche:   Sturm Graz - Lazio, le pagelle
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

ExtraLazio

Il Lato B della figlia di Totti su Gente in prima pagina. Noi stiamo dalla parte dei genitori!

Published

on

Il Lato B di una tredicenne in prima pagina con allusioni alla madre da parte di una rivista è squallido ed i colori non c’entrano nulla. Quest’oggi non vogliamo parlare di calcio e mettiamo da parte gli sfottò dal momento che dei minori vengono usati per scopi di lucro rischiando anche di alimentare l’interesse della pedofilia e del darkweb.

Non pochi giorni fa, la figlia di Totti è stata paparazzata con il padre al mare. Sappiamo che questi tizi poi vendono le foto a centinaia di euro per lucrarci sopra e a seconda dello scatto più scandaloso il prezzo sale. Ma dal momento che c’è di mezzo una creatura di 13 anni, lo squallore non ha mai fine ed a cadere in quest’ultimo è il settimanale Gente.

Una prima pagina con il titolo ” La Gemella di Ilary Blasi” con il volto oscurato ed il lato b in vista. E non vogliamo credere che ci sia stata la censura alla faccia per motivi classici per chi ha la minore età visto che hanno lasciato libero il resto.

Un’ allusione eclatante al limite della denuncia per un settimanale che vende milioni di copie in tutt’Italia.

La stessa Ilary Blasi ha espresso il suo disgusto sulle sue stories di Instagram postando lo scatto e mettendo una faccina che vomita per coprire il lato b della figlia.

Si sono smossi molti utenti nella rete e anche molte associazioni contro il direttore della testata giornalistica.

Il 2020 forse ha fatto perdere il senno a qualcuno che pur di guadagnarci con il Gossip, una categoria che sinceramente non ha senso almeno per chi sta scrivendo queste righe, alimenta gli occhi della pedofilia.

Un disgusto totale ancora una volta per quel giornalismo che vuole a tutti i costi vendere copie e guadagnarci sopra, ok le fake news di mercato, ok a cavalcare l’onda della notizia che fa parlare di se… ma questa volta si è superato ogni limite!

Noi siamo dalla parte dei genitori!

Il giornale Gente….. gente di merda…..

Leggi anche:   Sturm Graz-Lazio, Sarri in conferenza stampa: " Partita di coppa europea stasera, alta intensità e aggressività "
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

ExtraLazio

Manchester United nello scandalo: Arrestato Harry Maguire in Grecia

Published

on

maguire arrestato

Il Manchester United ha una vicenda da risolvere in Grecia e spegnere lo scandalo che sta creando Maguire arrestato dalle autorità mentre era in vacanza.

Secondo alcune fonti si parla di una rissa con dei tifosi inglesi ed il classe ’93 è stato arrestato insieme al gruppo che ha creato disordini.

Il The Sun pubblica il comunicato ufficiale dei Reds:

 “Il club è al corrente del presunto incidente che ha coinvolto Harry Maguire a Mykonos. Sono stati avviati contatti con Harry che sta collaborando totalmente con le autorità greche. In questo momento non faremo ulteriori commenti”.

Leggi anche:   Sturm Graz-Lazio, Sarri in conferenza stampa: " Partita di coppa europea stasera, alta intensità e aggressività "
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.