Se ti piace il nostro Format, aiutaci a rimanere online con una semplice donazione di 0,80 €

Alessandro Nesta e l’arte della difesa

Elogio del calciatore romano più vincente di sempre

Ha conquistato grandissima parte del plebiscito calcistico mondiale, con la sua spettacolarità e l’impronta forte che i suoi interpreti hanno lasciato: il calcio totale ha, partendo dagli albori di cruyffiana memoria, passando per Sacchi e finendo al recentissimo ex tecnico partenopeo Maurizio Sarri, riscosso consensi a suon di giocate degne di spettacoli teatrali, tirate fuori persino dal cilindro di brillanti centrali difensivi. Molti hanno, però, smarrito il senso squisitamente atletico-tattico del ruolo, interpretato magistralmente da uno dei più iconici campioni che hanno vestito la maglia biancoceleste. Parliamo di Alessandro Nesta, classe ’76, figlio di una generazione di talenti italiani sbocciati in un calcio estremamente fecondo. Laziale fin dalla nascita, così come il papà che rifiutò l’offerta romanista dello scout Rocca, Nesta ha vestito la casacca della più antica società calcistica capitolina dal 1993 al 2002, divenendo capitano e vincendo un Campionato Primavera, due edizioni di Coppa Italia, due Supercoppe italiane, una Supercoppa europea e una Coppa delle Coppe, per arrivare poi al tanto agognato tricolore dell’era Cragnotti. Ma è nella compagine rossonera di Milano che maturerà definitivamente, macinando vittorie su vittorie e collezionando in bacheca due prestigiose Champions League e il Mondiale FIFA con la nostra Nazionale, pur non giocando titolare a causa di un infortunio. Scudo inossidabile della retroguardia, annoverava tra le sue doti quel che un difensore dovrebbe possedere come requisito ante litteram: senso della posizione, equilibrio, tempismo, forza fisica, stacco imperioso e tanta, tantissima intelligenza. Abbinato all’eleganza e alla capacità di far partire l’azione, il suo profilo difensivo fa da esempio a tanti giovani aspiranti difensori. Ad oggi, ricopre il ruolo di allenatore e siede sulla panchina del Perugia. Con la speranza di vederlo presto su grandi palcoscenici, facciamo i migliori auguri ad Alessandro Nesta, icona Laziale.