Connect with us

News

5 luglio 1987, una data consegnata alla storia….

Published

on

POLI

Date consegnate alla storia, da un evento, piccolo o grande che sia, che ha cambiato il corso degli eventi. Date che per questo vengono incise sui libri o che restano per sempre impresse nella memoria della gente. Se il 4 luglio per gli americani è il giorno dell’Indipendenza, per i laziali il 5 luglio, da più di un quarto di secolo a questa parte, è una data da festeggiare come il 12 o il 14 maggio. I giorni del primo e del secondo scudetto. O come il 26 maggio di recente memoria. Il 5 luglio è come un tatuaggio, indelebile, almeno per tutti quelli che lo hanno vissuto. Sì, perché il 5 luglio del 1987 è finito un incubo durato un anno, quello di veder sparire la Lazio.

Sono passati 26 anni da quel giorno, ma rivedendo questa foto in bianco e nero un po’ sbiadita dell’esultanza di Fabio Poli dopo quel gol segnato al Campobasso, il tuffo nel passato e nelle emozioni di quella giornata è immediato. Tutto di quel giorno è indimenticabile. Il viaggio silenzioso verso Napoli, avvolti in mille pensieri, alcuni scacciati via chiudendo e riaprendo gli occhi; la cappa opprimente di caldo che avvolgeva la città; la tensione accumulata in un anno che faceva scorrere in modo lento le lancette dell’orologio; quella curva stracolma, traboccante di entusiasmo misto a tensione e rabbia, opposta a quell’altra semivuota al punto da mettere tristezza solo a guardarla. Poi, il grande brivido nel vedere Boito solo davanti a Terraneo, con l’incubo della fine di tutto che ti gela il sangue anche con una temperatura più vicina ai 40 che ai 30 gradi. E svanita la paura, il brivido per il rischio corso che scuote la Lazio e il Dio del calcio che, implacabile, entra in scena: gol sbagliato, gol subito, recita una regola del calcio vecchia quanto questo sport. E la Lazio una volta tanto beneficia di quella legge non scritta. Dopo un’azione avvolgente, da sinistra Piscedda con l’esterno del piede sinistro mette uno strano cross dentro l’area: sul pallone alto e teso si tuffa Fabio Poli che non è un gigante, ma per un gioco di magia e di destino supera in elevazione tutti i difensori e di testa manda il pallone ad accarezzare la rete. E’ il gol della liberazione, quello che scaccia i fantasmi che già si agitavano sul San Paolo e quel gelo che ognuno di noi aveva dentro. E’ la rete che fa entrare nella storia Fabio Poli e che trasforma in leggenda quell’annata e la“Banda del meno nove”.

Mentalmente l’ho rivisto migliaia di volte quel gol, come ho rivissuto migliaia di volte quella giornata e quella partita, sempre con il terrore palpabile di vederla finire in modo diverso. Un po’ come quando si sogna di dover rifare l’esame di maturità, con l’incubo di non farcela oppure di non riprendere più quel voto conquistato con fatica immane. Lazio-Vicenza del 21 giugno 1987 resta per tutti noi che l’abbiamo vissuta dal vivo, ma anche per i laziali che l’anno vissuta nei ricordi di genitori, parenti e amici, la “Partita”, quella con la P rigorosamente maiuscola. Ma Lazio-Campobasso nella storia della Lazio è una sorta di pietra miliare, perché quel giorno questa società disgraziata ha gettato le basi per un futuro completamente diverso, di trionfi in quel momento addirittura inimmaginabili. Senza quel gol di Poli non avremmo mai vissuto la gioia della promozione in serie A dell’anno successivo; senza il finale a lieto fine di quel 5 luglio forse non avremmo mai vissuto l’era-Cragnotti e le gioie di quegli anni fantastici. Per questo parlare dell’incredibile avventura della “Banda del meno nove” non significa essere per forza di cose malati di nostalgia. Significa onorare la storia, avere la consapevolezza che gli avvenimenti di una vita sono come tanti anelli di un’unica catena: basta toglierne uno, apparentemente anche insignificante, per spezzare tutto, per cambiare il corso della storia e di una vita, cancellando tutto quello che c’è dopo.

Leggi anche:   Lotito sul caso Juventus e rinnovo Milinkovic Savic

Quindi, questa è una giornata di festa, non di nostalgia, anche se pensando alle lacerazioni degli ultimi anni, mai come in questo momento il ricordo di quei tempi e di quella Lazio è veramente una ferita aperta che sanguina e che fa male solo a guardarla. Guardi i vecchi filmati della “Banda del meno nove” e sui volti dei protagonisti e della gente vedi una rabbia e una partecipazione che oggi purtroppo non c’è più. E non potrebbe essere altrimenti, visto che quella squadra e quella società erano lontane anni luce da questa Lazio senza identità e senza anima che abbiamo davanti agli occhi. Rivedi le foto delle manifestazioni con 30.000 laziali in piazza, le immagini della battaglia di Villa Borghese e a 26 anni di distanza pensi che quel furore di allora è solo un lontano ricordo, che pochi di quelli che resero incandescente quell’estate del 1986 sarebbero disposti ora a scendere in piazza per questa Lazio. Nonostante il piccolo fuoco riacceso da quella vittoria del 26 maggio. E’ bruttissimo dirlo, ma purtroppo questa è la triste realtà.

Voglio chiudere il ricordo di questa giornata, con un estratto dell’intervista che ho fatto a Fabio Poli e che ho raccontato nel mio ultimo libro, “La Banda del meno nove”. Quando gli ho chiesto se non gli bruciava un po’ il fatto che lui aveva segnato il gol decisivo, quello che aveva sancito la salvezza definitiva della Lazio ma da sempre per tutti l’immagine di quella stagione era legata al gol di Fiorini contro il Vicenza, Fabio ha sorriso e ha risposto con parole dolci in cui è racchiusa tutta la magia di quel gruppo e il perché quella “Banda” è entrata di diritto nella leggenda.

“Come faccio a essere invidioso di Giuliano, è impossibile. E poi, quello al Vicenza è stato molto più determinante, perché senza quella sua zampata a pochi minuti dalla fine, noi a Napoli non ci saremmo neanche arrivati e io non avrei avuto la possibilità di lasciare quel segno nella storia della Lazio. Poi, io ero meno personaggio rispetto a Fiorini, quindi ho pagato forse anche questo mio modo di essere un po’ timido e riservato, mentre i tifosi amano quelli estroversi come lui, in grado di esternare le loro sensazioni e di coinvolgere la gente. Quindi è giusto che il simbolo di quella stagione sia e resti il suo gol al Vicenza, soprattutto per quello che è successo dopo”.

“La sua morte è una di quelle ferite impossibili da rimarginare”– mi dice Fabio Poli dopo una lunga pausa e un sospiro che tradisce ancora dolore e tanta nostalgia – “perché io e Giuliano eravamo amici, inseparabili. Ci siamo conosciuti giocando qualche mese insieme nel Bologna e il rapporto è nato immediato, spontaneo. Le nostre strade si sono divise, poi come per magia ci siamo ritrovati a Roma, scelti entrambi da Giorgio Chinaglia. E nella Lazio siamo diventati quasi due fratelli. Spesso nei giorni di riposo tornavamo in macchina insieme a Bologna e parlavamo per ore della nostra vita a Roma e della Lazio, dei tanti problemi che avevamo dentro e fuori il rettangolo da gioco. E quelle difficoltà ci hanno unito ancora di più. Lo so che a prima vista può sembrare assurdo o difficile da credere, ma noi due eravamo simili. Io ero pazzo forse anche più di lui, ma ero un matto silenzioso, mentre lui non si teneva niente dentro, esternava tutto. E anche per questo suo modo di essere la gente lo amava alla follia e lo amerà per sempre”.

STEFANO GRECO – LAZIOMILLENOVECENTO

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Lotito sul caso Juventus e rinnovo Milinkovic Savic

Published

on

lotito milinkovic savic

Claudio Lotito è intervenuto dal palco del premio Colalucci parlando a 360 gradi. Le sue parole sono state riportate dalla testata giornalistica Il Messaggero:

CLIMA LEGA E REBECCA CORSI – «Si tratta di creare un clima di collaborazione, l’unione fa la forza, da soli non si va da nessuna parte. Abbiamo inserito una donna in Lega, stiamo facendo sul serio. È la prima che è stata eletta. Se l’ho spinta io? Ha l’esperienza, ha gestito il calcio femminile, l’Empoli. È una città che riesce a sfornare sempre talenti, è giusto che ricopra un ruolo all’interno della governance».

CASO JUVENTUS – «Non sono preoccupato. Se continuiamo a parlarne, facciamo preoccupare tutti. Siamo fuori dai Mondiali, alcune persone dovrebbero farsi delle domande e darsi delle risposte. Non penso dipenda dalla Lega di Serie A. Rischi che si allarghi il caso Juve? Non so, non conosco comportamenti delle altre squadre. Sicuramente non si allargherà coinvolgendo la Lazio, non abbiamo problemi di questa natura. Questo per me è un fatto di orgoglio e tranquillità. Soprattutto per il modo in cui sono partito, una situazione drammatica. Agnelli? L’ho visto al Senato e l’ho abbracciato. Dire che la Juve sia il male del calcio italiano non è giusto. Oggi tutti si scatenano per creare dissidi nei confronti della Juve. Un conto è la politica, un altro il valore umano. Andrea è uno che lavora. Ci incontravamo in ufficio da me alle 8, vuol dire che si svegliava alle 5, alle 6. Plusvalenze? Non so cosa siano, io sono per le valenze. Quando uno vale, lo mette sul campo. Valgono i fatti, nella vita contano i fatti e non parole».

MILINKOVIC – «I contratti si fanno quando scadono. Dal punto di vista tecnico, la Lazio ha interesse perché è un grande giocatore e un grande uomo. Mi auguro che altrettanta valutazione la faccia il giocatore. Appuntamento in agenda? Che stiamo facendo calciomercato?! Nella vita tutto ciò che ha inizio ha anche una fine, a partire dalla vita stessa. Milinkovic è un giocatore su cui la Lazio punta, è un valore aggiunto. Quello che manca sono i presidenti, non abbiamo problemi a trovare giocatori o allenatori. Gli italiani rimasti sono pochi, che lo fanno con dedizione. Il denaro non è tutto nella vita, conta il cervello e le idee».

NAZIONALE – «Non significa che in Italia non ci siano giocatori di qualità. Pongo degli interrogativi: come mai Immobile è diventato capocannoniere e Scarpa d’Oro e in Nazionale non segna così tanto».

Leggi anche:   Federico Marchetti torna al 26 Maggio: " Non mi reggevo più in piedi..."
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Ritiro Lazio: ecco le due amichevoli in Turchia

Published

on

ritiro lazio

Alla fine la Lazio farà il ritiro invernale in Turchia. Dopo alcuni dubbi ed un Maurizio Sarri che stava per optare ad un ritiro a Formello, la scelta sembra esser stata presa e sarà a Belek.

Come riporta il corriere dello sport, tra il 12 ed il 17 dicembre ci saranno due amichevoli contro il Galatasaray ed il Besiktas. Il 14 dicembre dovrebbe esserci la prima amichevole mentre il 17 dovrebbe disputarsi la seconda. Come riporta la testata giornalistica, il club biancoceleste dovrebbe soggiornare all’Hotel Regnum Carva, un albergo con una struttura sportiva completa e molto all’avanguardia.

Leggi anche:   Federico Marchetti torna al 26 Maggio: " Non mi reggevo più in piedi..."
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Lotito attacca Matteo Renzi rispondendo alle sue critiche

Published

on

lotito matteo renzi

Nei giorni scorsi, nella politica italiana, Matteo Renzi aveva attaccato Claudio Lotito per gli aiuti al calcio professionistico e alla Serie A. Nella giornata odierna, il presidente biancoceleste risponde all’ex PD attraverso i microfoni dell’Ansa

Uno dei più grandi esperti di conflitto di interessi della storia recente, non perde occasione per acquisire visibilità sfruttando il mio nome. Peccato vederlo ridotto a rincorrere la peggiore demagogia”. 

Leggi anche:   Infermeria Lazio: Sarri ha un solo assente oltre a Milinkovic e Vecino
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza