Spadafora: “Se la Serie A si fosse fermata prima, non avremmo dei contagiati…”

Il ministro Spadafora è tornato a parlare dell’emergenza Coronavirus ai microfoni della Rai:

“C’è stato un momento in cui la Lega Serie A avrebbe dovuto prendersi una responsabilità che non ha voluto prendersi, scaricando il provvedimento (per lo stop del campionato, ndr) alle mani del governo. Poi noi lo abbiamo fatto, e in questo modo la Lega vede tutelati i suoi interessi economici. In questi giorni nessuno fa più polemica, e menomale. Anche perché alcune squadre importanti sono in quarantena. E da lì annunciano gesti di solidarietà: ne siamo felici, ma se si fossero fermati prima forse avrebbero potuto dare questo stesso contributo in piena salute. Meglio tardi che mai, in ogni caso. Ora basta polemiche: chiedo che il mondo del calcio dia davvero l’esempio fino in fondo”. Quando si tornerà alla normalità? Spadafora non ha una risposta precisa: “I medici ci dicono che tra fine mese e i primi di aprile potremo vedere i primi risultati di queste azioni così drastiche. Se saranno positivi, come ci auguriamo, giorno dopo giorno miglioreremo la situazione e in qualche settimana riusciremo a tornare alla normalità”.

Leggi anche:   Ronaldo vs Immobile vs Lewandowski. Ciro insidiato dal portoghese nella Lotta alla Scarpa D'Oro