Simone Inzaghi: la conferenza Stampa

Simone Inzaghi: la conferenza stampa

La conferenza stampa di Simone Inzaghi al termine dell’ultimo giorno di ritiro ad Auronzo di Cadore.

Ritiro

“Se mi volto verso il mio recente passato vedo un finale esaltante di stagione, composto da una vittoria emozionante in Coppa Italia. dopo tre anni di lavoro dovevo pensare, riflettere e capire tante cose. Ho pensato tanto ed ora sono qui con un grandissimo spirito. Le mie sensazioni sono ottime, penso che da allenatore della prima squadra, quello che si sta per concludere sia il miglior ritiro svolto dalla mia squadra. Da tecnico percepisco quando si lavora bene qui in ritiro: c’è una grande atmosfera e questa mattina ho fatto i complimenti alla squadra, hanno lavorato molto bene dal primo all’ultimo membro della rosa. Ora chiudiamo questa prima parte di ritiro con l’amichevole con il Mantova. Al termine di tre giorni di riposo ripartiremo ad allenarci il 31 luglio per poi partire in Germania. I sedici giorni trascorsi qui ad Auronzo però sono stati molto importanti. 

Milinkovic

“Sergej Milinkovic? Mi piacerebbe se rimanesse qui alla Lazio, ma è giusto che la società possa prendere in considerazione un’eventuale proposta importante. Se dovesse partire Milinkovic, sappiamo che dovremo ricoprire sul mercato una casella importante. Il serbo ha svolto un ritiro strepitoso e sono felice di averlo con me. Speriamo che possa restare nella Capitale, ma il mercato è aperto e siamo aperti a qualsiasi situazione. Questo lo considero l’anno zero, un anno nel quale dobbiamo lasciarci alle spalle gli ultimi tre disputati: nella prima stagione dal Club mi era stato chiesto di tornare in Europa e l’abbiamo sempre centrata nelle ultime tre stagioni. Abbiamo vinto anche una Supercoppa, una Coppa Italia ed un quarto posto sfumato solo nell’ultimo quarto d’ora di gioco. Senza dimenticare una finale di Coppa Italia persa, una semifinale della stessa competizione ed un quarto di finale di Europa League. Sono stati tre anni fantastici, ma dovevo capire. Abbiamo messo un punto alle prime tre annate, non si dimentica quanto fatto perché è stato bello, ma dobbiamo ripartire con tanto entusiasmo. Ho avuto tanti attestati di stima dalla società e dai miei calciatori, per questo ho scelto di continuare, oltre che per le motivazioni che ho capito di avere ancora tanto. Il mio ciclo non è ancora finito, so di poter ancora tanto a questa maglia ed ai miei tifosi. 

Sono felice di avere Milinkovic, se dovesse lasciare la Lazio dovremo cercare una mezz’ala fisica che ci possa garantire anche tecnica. Sono sicuro che il gruppo si debba formare sempre, è stato un ottimo ritiro. Lo scorso anno avevamo calciatori importanti come Badelj e Milinkovic che avevano saltato il ritiro, mentre Luis Alberto si era allenato a corrente alterna. Leiva sta guarendo dal suo piccolo infortunio e lo avremo presto con noi. I nuovi arrivi sono stati mirati e scelti insieme alla società, stanno dando tanto in questa prima parte di ritiro. 

Leggi anche:   Lucas Leiva chiuderà a carriera al Gremio? Ora però è tempo di Lazio

Società

Ci siamo confrontati con il Presidente, con il Direttore Sportivo Igli Tare, con il Direttore della Comunicazione Stefano De Martino, con il Segretario Generale Armando Calveri e con il Club Manager Angelo Peruzzi ed al termine di questa cena ho ricevuto dalla Società le garanzie che mi hanno rassicurato. Un altro attaccante? Adekanye e Anderson sono due calciatori molto interessanti che non hanno giocato ancora nella massima serie. Ci dispiace che Bobby si sia fermato negli ultimi giorni, li valuteremo, ma sono soddisfatto di questi due ragazzi. Non hanno ancora esordito in Serie A ma stanno provando a rubare i segreti ai compagni oltre che a chiedere consigli allo staff tecnico. 

Milinkovic ha 24 anni e gli do consigli sul campo, lui mi segue bene. È sempre disponibile e non ha mai saltato un allenamento. In cuor mio spero possa rimanere con noi, ma la Società è giusto che prenda in considerazione un’eventuale offerta importante per il calciatore. Lo scorso anno incominciammo il campionato con Napoli e Juventus, non poteva esserci un calendario peggiore. Anche in Coppa Italia, nonostante fossimo i detentori del trofeo, siamo stati sorteggiati come l’ottava testa di serie. Tutte le squadre si sono rinforzate e sono tornati nel nostro campionato anche allenatori di grandissimo livello, dovremo dare il 120% perché con lo spirito profuso in questo ritiro ce la giocheremo fino alla fine. Vogliamo partire con il piede giusto, dovremo farci trovare in forma già dal prossimo 25 agosto. 

Leggi anche:   FANTACALCIO – CONSIGLI PER LA SEDICESIMA GIORNATA

Champions

Ci piacerebbe arrivare in Champions e ce la metteremo tutta perché abbiamo le nostre carte da giocarci. Il mercato è aperto ed è in continua evoluzione, ci potrebbero essere dei cambiamenti. In difesa siamo in sei, mentre per i quinti abbiamo Lazzari, Marusic, Jony e Lulic. Il sesto lo potrebbe fare Patric nel migliore dei modi. Quando rientrerà Bastos saremo in tanti e potremmo fare qualcosa in uscita. Fino a quando saranno qui, però, tutti i calciatori saranno allenati al meglio. Marusic ha tolto ieri un tutore, ricomincerà piano piano ad allenarsi. Per Lukaku ci vorrà ancora un po’ per rivederlo in campo, mentre Berisha si allenerà presto con la squadra”.