Connect with us

News

Sampdoria-Lazio, Sarri a fine gara : ” Esco confortato non preoccupato”

Published

on

lazio juve sarri

La Lazio viene beffata nei minuti di recupero.Un pareggio tutto sommato giusto visto la leziosità degli ultimi minuti. A fine gara mister Sarri è intervenuto in conferenza stampa, queste le sue parole:

Cos’è successo negli ultimi minuti?

“Niente, abbiamo rinviato due cross, non è successo niente di che. Ci siamo aperti su una palla che non era totalmente in possesso nostro e l’abbiamo pagata. La squadra ha fatto una buona partita, è venuta qui applicata, ha concesso poco creato tanto. L’unico appunto è che ha avuto 6-7 situazioni per chiudere e in quelle situazioni ha dato la sensazione di leziosità e non di cattiveria. Per il resto ha fatto una partita seria”.

Casale?

“Sta bene, ha grandissime qualtà. Ci sono due motivi per avere bisogno di un po’ di tempo: sicuramente un aspetto caratteriale, è un ragazzo introverso. E poi giocava a tre, un po’ di tempo ci vuole. Sarà una pedina importante per il futuro della Lazio, e non parlo di futuro di lungo periodo”.

Particolarmente nervoso nel secondo tempo?

“No, no. L’unica cosa che mi dava fastidio era il caldo. Mi sembrava che la Lazio fosse in totale controllo della partita, forse troppo. E non vorrei che questo li avesse portati a risparmiare energia in vista del Napoli e non a chiudere la partita di questa sera. Esco confortato, non preoccupato”.

Continuità, ultimo step che manca?

“A livello di mentalità la squadra c’era, concentrata, determinata, motivata. Ci è mancata cattiveria, non la testa. Queste erano le classifiche partite in cui non si scendeva neanche in campo e perdevamo 3-0. S livello di mentalità, la risposta che volevo”.

Felipe e Romagnoli?

“Romagnoli ha avuto questa sensazione di crampo a un flessore. E con questo indurimento muscolare, diventava fastidioso giocare ogni minuto di più. Felipe ha un taglio secco, gli hanno messo cinque punti. Speriamo che la ferita non gonfi nulla e che si posa recuperare in tre giorni”.

Delusione dal risultato della squadra?

“Non meritavamo questo risultato e il pareggio l’ha preso al 93’, è giusto che la squadra ne esca con una bella incazzatura. Se devo rimanere lucido e giudicare i 95 minuti, devo parlare di cose diverse. Sto smaltendo ora, l’incazzatura era anche la mia”.

Mercato?

“Che ca..o fate? Di calcio sento parlare poco, di mercato tanto. L’85% di voi da domani sarà disoccupato. Regali? Non credevo neanche a Babbo Natale, mi aspetto poco da tutti. Sono contento dei ragazzi che ho, l’unica cosa che ci può mancare è un difensore esterno di piede sinistro. Il presidente lo sa bene. I ragazzi che ci sono, sono giovani, danno la sensazione che possono diventare per noi fondamentali”.

Più sereno o arrabbiato?

“Quando sei povero da giovane e poi diventi ricco, guardi sempre a chi è più ricco di te. Questa è la mia sensazione, sono contento con un minimo di giramento di coglioni. Con 34 partite da giocare contano più le sensazioni positive rispetto all’averci lasciato un punto. Magari vieni qui, fai una partita orribile e porti via un 1-0. Sei contento per i tre punti, ma la paghi. Se fosse la penultima gara sarebbe drammatico. In questo momento conta più la prestazione che i punti”.



Resta Aggiornato con il nostro Canale WhatsApp! Ricordiamo che il canale è protetto da Privacy ed il tuo numero non è visibile a nessuno!Iscriviti Subito cliccando qui sul canale di Since1900

Hosting Aruba - Scopri di più



Continua la Lettura
Advertisement
Advertisement

Ultime notizie

Advertisement

Classifica