Connect with us

Calciomercato Lazio

Rocchi finito nel dimenticatoio :” Sono disoccupato e non capisco perché “

Published

on

ROCCHI
Tommaso Rocchi
, da bomber della Lazio e ultracentenario mattatore in serie A a disoccupato di lusso. Questa la parabola dell’attaccante veneziano ora in cerca di una nuova squadra da cui ripartire, dopo gli ultimi sei mesi all’Inter e la scadenza del contratto. L’ex Capitano biancoceleste ha rilasciato una lunga intervista al ‘Gazzettino’:

«Sinceramente mi stupisco del disinteresse che sto registrando nei miei confronti in quest’estate da parte delle squadre italiane – afferma la punta che ormai risiede a Roma -. Dall’estero ho ricevuto una serie di proposte anche interessanti, ma veramente mi ha spiazzato il fatto che nessuno in serie A pensi a me».

Forse l’ultima stagione non è stata esaltante? «Non mi sembra, ho giocato 13 partire con la maglia dell’Inter segnando tre reti in uno dei campionati più difficili dei nerazzurri. In ogni caso ho disputato oltre 300 partire in serie A, segnando più di 100 gol, e sono in forma: non capisco…».

Parlava di proposte dall’estero… «​Sì, l’ultima è stata quella dell’Ajaccio, ma ne ho ricevute di particolarmente interessanti anche da Dubai, dalla Malesia e dall’Australia. Un’esperienza all’estero potrebbe essere affascinante ma sinceramente mi sento di poter giocare ancora un paio d’anni in Italia».

L’idea di scendere in B l’ha presa in considerazione? «Ho avuto anche delle proposte – dice ancora Rocchi – persino dal Padova, ma ribadisco di sentirmi ancora da serie A!».

Forse è il mercato ad essere poco movimentato? «Credo di sì. Aspetto con serenità e fiducia una chiamata. Sono convinto che dopo ferragosto la situazione si sbloccherà».

Intanto? «Continuo la mia preparazione individuale nel parco della mia villa è sempre Rocchi che parla inframezzando il lavoro con qualche pausa in famiglia. Poi nel weekend fuga al mare: Sabaudia è diventata la mia meta preferita. Non ha la spiaggia bella come Fregene ma ha un’acqua davvero splendida».

Partito da Venezia giovanissimo si è affermato lontano da casa. Ripercorriamo brevemente la sua carriera? «Con la mia famiglia abitavo a Cannaregio e inevitabilmente ho iniziato a giocare con l’Alvisiana – racconta – quindi i miei si sono trasferiti a Mestre quando avevo nove anni e dalla stagione 87-88 ho iniziato a vestire la maglia del VeneziaMestre: per cinque anni da pulcini a esordienti a giovanissimi. Poi a 14 anni è arrivata la scelta più difficile…».

Cioè? «Avevo l’opportunità di andare alla Juventus ma logicamente ciò comportava allontanarmi da casa e il sacrificio pareva davvero grande. Al momento di partire per Torino ho potuto però contare sull’appoggio di tutta la mia famiglia che si è dimostrata fortissima: ogni fine settimana veniva a Torino a sostenermi a partecipare a quell’avvenura che avevo intrapreso in funzione futura, per crearmi un domani a livello calcistico».

Passata l’età giovanile è iniziato il girovagare in prestito. «Sì sono pssato per la Pro Patria, la Fermana, il Saronno. Quindi sono stati due anni a Como prima di approdare in serie B al Treviso. Da qui quindi il balzo all’Empoli dove assieme a Tavano, Di Natale e Maccarone ho vinto il campionato e sono restato per due anni in serie A, segnando una ripletta proprio alla Juventus».

Quindi partenza per Roma. «Già la maglia della Lazio me la sono praticamente cucita addosso: nove anni, anche da capitano, con 100 reti segnate in biancoceleste tanto da essere tra i primi cinque bomber del club. Quindi gli ultimi sei mesi all’Inter…».

Tommaso ha alle spalle una carriera esaltante: qual è il momento che però ricorda con maggior piacere? «Di ricordi belli ne ho più di uno. Innanzitutto la tripletta alla Juventus. Poi il primo gol nel derby contro la Roma: è stata un’emozione unica. Era il 6 gennaio 2005 e la Lazio non vinceva da quattro anni: abbiamo segnato io e Di Canio e il successo è arrivato per 2-1. Poi il momento in cui ho alzato la Supercoppa a Pechino, battuta l’Inter».

Il derby a Roma è vissuto in maniera davvero viscerale? «È stata una sorpresa per me che arrivavo da fuori – spiega Tommaso – Qui si vive l’intera stagione solamente in funzione di quelle due partite. L’ho scoperto proprio all’indomani del mio primo derby, quello vinto anche con un mio gol. Lunedì mattina passa un fattorino a fare una consegna e si complimenta, mi ringrazia per aver interrotto la lunga astinenza biancoceleste e pi aggiunge: “mi raccomando prepararsi bene per vincere il prossimo derby”. Appena disputato era già in archivio con tutta l’attenzione già sul prossimo. E dall’uno all’altro c’è lo sfottò continuo, l’attesa veramente febbrile. Solo qui si vive così la stracittadina».

C’è stato anche un brutto momento nella sua carriera? «Purtroppo sì. Alle Olimpiadi di Pechino nel 2012 rifersice con un tono amareggiato Rocchi – Con la Nazionale ho giocato la prima partita e nell’allenamento successivo mi sono infortunato. Pensavo non fosse niente quindi sono sceso in campo anche nella seconda, segnando e vincendo. Poi l’amara sorpresa: mi ero rotto il perone e a 31 anni sono stato costretto a una lunga sosta. Quando sono tornato disponibile alla Lazio aveva fatto fuoco e fiamme Zarate e ho avuto notevoli difficoltà per riconquistare il mio posto».

LALAZIOSIAMONOI

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

Calciomercato Lazio

Lotito a Il Messaggero: ” Nessun patto per il mercato di gennaio, Formello? Primo nel mondo…”

Published

on

lotito calciomercato

Claudio Lotito rilascia un’intervista a Il Messaggero riguardante il mercato di gennaio e il ritiro del 12-22 dicembre 2022.

RITIRO – «Formello ormai è diventato uno dei primi 4-5 centri sportivi nel mondo, parola del presidente Fifa Infantino, dopo averlo visitato. È chiaro che Sarri non voglia più muoversi da qui, nemmeno per il ritiro. Mica ha torto. Vedremo di conciliare il tutto nella fase finale di dicembre con le amichevoli all’estero».

MERCATO – «Non c’è alcun patto per comprare a gennaio un giovane terzino sinistro, anche perché, lo ripeto ancora, deve uscire prima eventualmente qualcuno da un organico ampio. Kamenovic e Fares? Loro già non giocano...».

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Mattia Zaccagni: ecco le cifre per blindarlo alla Lazio

Published

on

rinnovo zaccagni lazio

Lotito sta preparando un rinnovo di contratto per Mattia Zaccagni. Secondo la rassegna stampa di Radiosei, il presidente della Lazio vuole blindare il suo arciere. Arrivato nell’agosto del 2021 ha firmato un contratto con la Lazio fino al 2025 per 1,5 milioni di euro.

Diventato quasi subito una pedina fondamentale nello scacchiere di Sarri, l’esterno biancoceleste potrebbe firmare a breve un contratto che lo legherà alla Lazio fino al 2027 passando da 1,5 milioni di euro più bonus a stagione a 2,5 milioni di euro a stagione.

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Difficile l’addio di Muriqi al Mallorca a gennaio

Published

on

muriqi mallorca

Dopo una brutta esperienza in maglia biancoceleste, con quasi 50 presenze ed un solo goal in una stagione e mezzo, Vedat Muriqi è rinato in Spagna con il Mallorca dove sta dando prova di grandi prestazioni.

Nelle ultime ore si è parlato del possibile addio del kosovaro a gennaio verso squadre come l’Aston Villa ed il Siviglia. Il suo contratto scade nel 2027 e contiene una clausola rescissoria di circa 40 milioni di euro. La Lazio ha il diritto al 45% su una futura rivendita, per questo la società starebbe monitorando la situazione.

Nonostante i rumors, l’attaccante non sembrerebbe essere totalmente interessato a lasciare la sua squadra dopo le ottime prestazioni. Sono 8 i goal dopo solo 12 presenze in Liga quest’anno, dietro solamente ad un certo Lewandoski. Il Mallorca si trova attualmente all’undicesimo posto, lontano dalla zona retrocessione.

Vedremo durante il mercato invernale come si evolverà la situazione.

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza