Connect with us

Calciomercato Lazio

Petkovic sorprende tutti :” L’attacco che ho va bene, lottiamo per la Champions “

Published

on

LOTITO PETKOVIC
“E’ sempre bello confrontarsi con colleghi di alto livello. Certi discorsi su temi tattici e non solo aprono gli occhi e permettono di aumentare il proprio bagaglio”
.
Un calcio ai brutti pensieri che lo tormentano dalle 23 del 2 settembre. Spartiacque infausto, simbolo di una delusione cocente. Gli ultimi giorni di mercato anziché rimpolpare e puntellare una rosa già abbastanza competitiva, che attendeva solo la cosiddetta ciliegina per il salto di qualità, hanno minato le certezze del tecnico di Sarajevo. Kozak è partito in cerca di fortuna Oltremanica, Rozzi ha salutato ed ora sarà di casa al ‘Prado’. Vlado sfoglia la margherita e si accorge di poter contare sui soli Klose e Floccari. Sarebbe scellerato, oltreché inopportuno bruciare un gioiello grezzo come Keita, o gettare subito in pasto ai leoni della Serie A il buon Perea, da poco ‘scongelato’ dopo mesi di attesa in Colombia. Petkovic, da condottiero vero, non lo lascia intravedere ma è chiaro che un colpo di livello là davanti gli avrebbe fatto fare i salti di gioia. La giornata di ieri per il mister della seconda Coppa Italia della gestione lotitiana è stata un riconoscimento per chi, nel giro di una stagione, è riuscito a calarsi perfettamente nel panorama del calcio che conta. Come racconta il Corriere dello Sport nell’edizione odierna, al suo esordio all’Elite Club Coach Forum, meeting che l’Uefa organizza ogni anno nel suo quartier generale di Nyon, Petkovic ha avuto modo di confrontarsi con guide tecniche dello spessore di Ancelotti, Pellegrini, Villas Boas. A margine del convegno, una chiacchierata di aggiornamento e di confronto con Antonio Conte, da un paio di stagioni vero e proprio asso pigliatutto in Italia. Di seguito, l’intervista integrale che Vladimir Petkovic ha rilasciato all’inviato del Corriere dello Sport.

Petkovic, cosa le ha detto Conte? “Mi ha chiesto com’era andato il dopo partita”.

E lei? “Gli ho risposto che era tutto sotto controllo (sorriso, ndi).

Il tecnico della Juve si sarà preoccupato dopo averle inflitto due tali scoppole in meno 15 giorni. “La vera debacle è stata la sconfitta all’Olimpico in Supercoppa Italiana. Per come abbiamo perso quella partita all’Olimpico un po’ mi sono vergognato, ma a Torino abbiamo dimostrato di essere uomini, di avere un grande carattere. In entrambi gli incontri abbiamo pagato a caro prezzo tutto quello che potevamo pagare, ma abbiamo giocato contro una signora squadra e sabato scorso abbiamo tirato 17 volte, 8-9 nello specchio della porta. Dopo il 2-0 la mia formazione mi è piaciuta di più anche se non abbiamo certo giocato come successo per un’ora contro l’Udinese. In quell’occasione ho visto la vera Lazio”.

In questo inizio di stagione la Lazio ha mostrato due volti. Qual è quello giusto? “Di certo non siamo quelli della Supercoppa… L’Udinese lo scorso anno è arrivata davanti a noi e l’abbiamo battuta facendo bene. Sentir dire che siamo una squadra da settimo-ottavo posto deve essere uno stimolo per dimostrare quanto valiamo da qui fino alla fine del campionato. Ho grande fiducia in questo gruppo”.

Pensa che la Lazio possa lottare per la Champions League o il terzo posto è fuori dalla vostra portata? “La Lazio deve lottare per il terzo posto. Lo scorso anno c’è mancato poco perché lo conquistassimo e i 61 punti che abbiamo totalizzato non sono un brutto risultato se si considera che quando abbiamo saputo l’avversaria della finale di Coppa Italia abbiamo iniziato a pensare troppo a quell’incontro lasciando per strada molti punti. Se non avessimo sprecato qualche occasione di troppo, avremmo chiuso con una classifica ancora migliore”.

Dopo la partenza di Kozak non crede che le avrebbe fatto comodo un altro attaccante? “Numericamente non penso che ci manchi qualcosa. Se Floccari gioca come nella seconda parte della scorsa stagione e se i giovani (Perea e Keita, ndi)dimostrano il loro valore adattandosi al nostro campionato, non avremo problemi”.

Non crede insomma che alla Lazio possano mancare dei gol per puntare in alto? “Là davanti ci vuole imprevedibilità e non dobbiamo aspettare che a segnare sia solo il nostro centravanti. Tutti devono dare il loro contributo, tutti devono arrivare al tiro e far gol. Mi aspetto che le nostre mezze punte esplodano, magari anche svariando su tutto il fronte offensivo, senza avere una posizione fissa. C’è bisogno che tutti diano il loro contributo”.

Pensa di riproporre Candreva da trequartista come nelle ultime due uscite o nelle prossime partite lo riporterà nel ruolo dello scorso anno di esterno destro? “Contro l’Udinese ha giocato vicino a Klose, mentre contro la Juventus agiva più indietro, nella zona di Pirlo per cercare di ostacolarlo in fase di impostazione. La posizione in campo sua e degli altri dipenderà dalla partita e dagli avversari. Vedremo di sfruttare sempre al massimo le nostre potenzialità e soprattutto si essere imprevedibili”.

Sta valutando un ritorno al 4-1-4-1 dello scorso anno? “Nel calcio non sono importanti i moduli, ma i principi tattici. E poi i moduli li fanno i giocatori per questo è giusto cambiare a seconda dei calciatori che si hanno a disposizione. A centrocampo, per esempio, abbiamo molta scelta e cambieremo a seconda della gara”.

Perché ha preferito Ciani a Dias nella lista Uefa? “Ultimamente Dias ha avuto le sue occasioni e ha giocato, ma nel corso della stagione toccherà anche agli altri. Tra un giovane e un elemento più esperto che rendono allo stesso livello ho sempre detto che preferirò sempre il giovane. E poi nella nostra lista Uefa avevamo già quattro centrali ( Cana, Novaretti, Biava e Ciani, ndi) più un giovane (Serpieri, ndi) prodotto del nostro settore giovanile. Ed essendo il numero dei giocatori bloccato…”.

Pensa già al derby del 22 settembre? “No, è troppo lontano. Prima ci sono altre partite e mi concentro su quelle perché vogliamo far bene e riscattare la sconfitta contro la Juventus”.

Al derby dello scorso maggio e alla Coppa Italia vinta invece pensa ancora? “No e spero che anche l’ambiente lo dimentichi presto”.

Crede che l’eccessiva euforia della tifoseria abbia influenzato il rendimento della squadra? “Di certo nella finale di Supercoppa abbiamo pagato un eccesso di euforia e non possiamo ripetere questo errore per tutta la stagione. È necessario tornare ad avere la mentalità della passata stagione e smettere di pensare alla Coppa Italia vinta contro la Roma”.

LALAZIOSIAMONOI

Leggi anche:   Maurizio Sarri e la Promessa di Lotito: il tecnico farà mercato al posto dei ds

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

Calciomercato Lazio

Maurizio Sarri e la Promessa di Lotito: il tecnico farà mercato al posto dei ds

Published

on

sarri calciomercato lazio

C’è un accordo tra Maurizio Sarri e Claudio Lotito sul calciomercato. Sembrerebbe che il tecnico biancoceleste potrebbe seguire le orme di Sir Alex Ferguson con un progetto allenatore-manager.

L’allenatore toscano ha delle doti innate e lo stesso presidente biancoceleste dichiarò che lui vive di calcio h24 e la prova è che ha portato la Lazio al quarto posto.

Quello che si vocifera sui prossimi calciomercato, è che Sarri avrà carta bianca e sarà lui a decidere a prescindere se ci sarà Tare, Fabiani o eventuali altri ds in caso di partenza dell’albanese.

L’intuito che ha il tecnico toscano è davanti gli occhi di tutti, un allenatore che non chiede nomi eclatanti ma che riesce a scovare delle occasioni gratis o lowcost valorizzando la rosa. Basti vedere anche come ha fin da subito bocciato Fares e Kamenovic con Muriqi e Vavro.

L’obiettivo attuale è ancora quello di lavorare su Matteo Cancellieri e Marcos Antonio fino a rivalutare Maximiano come portiere anche se non è attualmente idoneo allo stile di gioco della sua Lazio.

Leggi anche:   Milinkovic Savic pronto a ritornare a Formello, pausa e recupero fino a Lunedì
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Tra Tare e la Lazio spunta la Juventus? Tuttosport lancia la bomba

Published

on

tare juventus

Igli Tare ha un contratto con la Lazio in scadenza. Il ds biancoceleste, secondo tuttosport sarebbe entrato nel taccuino della Juventus con Federico Cherubini che dovrebbe dire addio alla vecchia signora a fine stagione.

Come riporta la testata giornalistica, non sarebbe un profilo idoneo per la società che vorrebbe un DS che sappia scovare dei giovani talenti e non giocatori da strapagare. I nomi citati per sostituirlo infatti sarebbero: Igli Tare, Giuntoli e Petrachi.

Ma per ora sono solamente delle voci in quanto l’operazione Prisma sta prendendo sempre più forma e la Juventus ha già avvisato ai suoi azionisti che non è esclusa una retrocessione dalla Serie A. Bisognerà vedere anche se il ds biancoceleste rinnoverà il suo rapporto con Claudio Lotito dopo alcuni attriti nell’ultimo calciomercato.

Leggi anche:   Milinkovic Savic pronto a ritornare a Formello, pausa e recupero fino a Lunedì
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Milinkovic Savic pronto a ritornare a Formello, pausa e recupero fino a Lunedì

Published

on

milinkovic savic

Milinkovic-Savic ha terminato la sua avventura con la maglia della Nazionale nel mondiale del Qatar. Il centrocampista serbo, attualmente si trova nella sua nazione e sta smaltendo l’infortunio rimediato durante la competizione.

Ma il Sergente tornerà a pieno regime e l’appuntamento con Maurizio Sarri è fissato per Lunedì. Il giocatore avrà poi anche degli incontri con la società e con il suo procuratore Kezman per delineare il suo futuro. Dall’altra parte Claudio Lotito è convinto che la pedina fondamentale del centrocampo resterà alla Lazio. Non dovrebbe partire nel mercato di gennaio ma il suo futuro con la casacca biancoceleste, sarà discusso nel mercato estivo.

Leggi anche:   Maurizio Sarri e la Promessa di Lotito: il tecnico farà mercato al posto dei ds
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza