Connect with us

Intervista

Onazi si rivela a LSR: “La stagione va terminata col sorriso,i tifosi mi vogliono bene”

Published

on

Onazi ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di LSR spiegando la sua situazione e la situazione laziale. Poi parla dei tifosi biancocelesti:

“Sono contento se andiamo bene, e la squadra vince. Finiamo il campionato con il sorriso.Non è facile rientrare in partita se non entri in campo da un po’, e se non giochi devi comunque restare positivo e allenarti bene, così sei pronto per giocare quando ti chiamano.Io voglio diventare un calciatore professionista ancora più serio, mi alleno sempre bene, con precisione e dedizione. Voglio crescere professionalmente ancora di più.Tra di noi scherziamo molto, Inzaghi è un allenatore molto intelligente. Lui fa le scelte in base a come ti sei allenato in campo durante la settimana devi e tu devi anche fargli vedere come giocheresti. Poi, dopo gli allenamenti lui sceglie. Come rapporto con i giocatori è stato fantastico, quando è arrivato, in campo, con me non aveva mai parlato. Prima della partita ci siamo parlati, mi ha detto quel che dovevamo fare e non dovevamo fare, quello che voleva vedere in campo e quello che non voleva.

Questo rapporto c’è solo durante l’allenamento e in partita, è uno subito chiaro. Ed è molto meglio così, si parla poco e si lavora molto.
Contro la Sampdoria è stato tutto strano. In quella partita, che andava vinta, dovevamo mettere dentro quattro o cinque gol. Così però è il calcio, abbiamo dato tutto ma come il calcio a volte è bianco, a volte è nero. Dio ci aiuta se crediamo in lui, io ci credo al 100%.
Ho giocato in Primavera con Cataldi e Keita e mister Bollini.

Quando sono arrivato qui non è stato facile, la lingua è difficile. Prima di uscire da casa mia in Nigeria, i miei genitori mi hanno detto che diventare un grande giocatore non sarebbe stata una cosa facile, mi ha detto che sarei dovuto diventare un ragazzo serio e preciso, perché sarei stato da solo una volta fuori da casa.

Il ricordo della Coppa Italia è una cosa bellissima e non si può dimenticare, non solo per la Coppa, ma anche perché abbiamo vinto contro la Roma. Totti, con me a centrocampo, non ha toccato un pallone.

I miei mondiali con la Nigeria, non potrò mai dimenticarli. Ci tenevo molto a giocare il Mondiale, con la mia Nazionale, da titolare. Dopo i Mondiali sono stato votato come miglior giocatore della Nigeria, sono cresciuto nella Lazio fisicamente, tatticamente e caratterialmente e sono andato in Nazionale a fare tutto quello che avevo imparato qui.

E per questo devo ringraziare anche Dio, lui mi aiuta sempre.Quando stai per fare il tuo esordio in campo con la maglia della tua Nazionale pensi tante cose e se ti distrai, è meglio che resti in albergo. Negli spogliatoio ho sentito della musica per sciogliere tutti i pensieri, perché quando entri devi stare concentrato e pensare a come fare in campo, e quando sei dentro devi pensare da squadra, come vincere e come fare. Prima del riscaldamento però, prego sempre.

Si può essere persone buone nella vita, ma dure in campo. Se sei in campo, devi dimenticare chi sei. E’ un’altra cosa, spesso devi stare il più calmo possibile perché se fai una cosa stupida prendi un giallo o un rosso e ci rimettono i compagni.

Il rapporto con Keita è molto bello, lui è mio fratello, quando è arrivato qui, gli ho detto che se voleva rimanere doveva fare tutto il possibile per diventare un professionista e per arrivare in Prima Squadra, era un ragazzo molto giovane, però mi ha ascoltato.

Ora è felice e disponibile con la squadra, tante volte ci siamo parlati.Siamo in Prima Squadra insieme, giochiamo insieme e siamo felici. Io ho avuto il suo stesso percorso, però un po’ prima di lui.

Non ho mai visto un professionista come Miro in tutta la mia vita. Se avessimo tre o quattro Klose in squadra le vinceremmo tutte segnando cinque gol a partita.

Lui non pensa a fare gol da solo, lui pensa da squadra prima ancora di essere entrato in campo. Se vede che uno sta bene, o è posizionato bene, lui passa la palla e ti manda in rete. In allenamento fa tutto, è preciso con l’orario, parla su come bisogna fare le cose, mi ha sempre aiutato molto, decidiamo come passarci la palla, se è meglio in un modo o nell’altro. Va via per ultimo. Non ho mai giocato con un professionista così.

Lui ha quasi 38 anni, io ne ho 23: se lui corre 50 metri, io devo farne almeno 100, perché uno così mi stimola e mi dà una forza incredibile.

Il gol contro il Napoli della scorsa stagione è stata una cosa che non dimenticherò mai, soprattutto perché quando siamo tornai a Formello, in piena notte, i tifosi mi hanno fatto piangere. Sono stati qui da mezzanotte, mentre aspettavano il nostro rientro da Napoli. Ho segnato quel gol, ma Dio lo ha segnato con me.Avevo giocato poco, mancava un quarto d’ora, e Dio mi ha aiutato, perché io prego sempre per avere un’opportunità per dimostrare il mio lavoro. Io sono figlio di Dio, quando sei preciso e lavori lui ti aiuta e non mi poteva lasciare in quel momento.

Ho visto questa foto che gira contro il razzismo con la mia figura sopra, me l’hanno mandata dalla Nigeria.Mi ha dato una grande gioia, un’emozione e l’ho retwittata subito, l’ho messa anche su Instagram. I tifosi della Lazio mi vogliono bene, io lo so, in questo mondo, però, non puoi piacere a tutti. Io ho grande rispetto per tutti i tifosi della Lazio, sono stato accolto come uno di loro, e sono contento perché hanno fatto una grande cosa per me.Ho conosciuto Sandra cinque anni fa. E’ importante perché lei è stata il mio dono, è bravissima, ho detto a Dio che non l’avrei mai lasciata, è una bella ragazza, educata ed ha tutto. Cucina benissimo, qualsiasi cosa. Ora è andata a scuola di italiano per imparare a cucinare le cose italiane”.

Leggi anche:   Effetto Domino Lazio: promozione della Lazio per 3 Match
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

Intervista

Valeri e l’amore per la Lazio ma…” Penso solo alla Cremonese, ho chi segue il calciomercato…”

Published

on

emanuele valeri lazio

Emanuele Valeri nella sessione invernale di Calciomercato è stato accostato più volte alla Lazio. Il giocatore non nasconde la sua Lazialità e l’amore per la maglia biancoceleste e lo ribadisce in una lunga intervista a La Provincia di Cremona

Sono un tifoso Laziale

 «Sono tifoso laziale. È alla Lazio che ho cominciato la mia carriera. Qualche settimana fa contro la Roma sono tornato all’Olimpico. Non è la prima volta, perché ho fatto il raccattapalle da piccolo. Vedevo giocatori forti, come Klose, Hernanes e non solo. Sognavo di giocare in Serie A ed eccomi qua con la Cremonese e ci voglio restare».

Maglie in Cremona-Lazio

 «Domenica scorsa ho scambiato la maglia con tre giocatori: Milinkovic Savic, Immobile e Radu della Lazio. Ci tenevo da tifoso laziale».

Il Futuro

 «Voglio rimanere in A con la Cremonese. Ho un contratto fino al 2024, sto bene e voglio togliermi tante soddisfazioni. Il massimo campionato lo abbiamo conquistato e ora dobbiamo fare un’altra impresa. Ora penso solo alla Cremonese, qua sto molto bene e le chiacchIere da bar non mi interessano. Ho chi segue queste cose per me e non voglio sapere nulla di mercato durante il campionato».

Marcelo come Idolo

 «Sono una persona umile. La Serie A non mi ha cambiato per niente. Ho gli stessi amici E sono felicemente fidanzato con Ludovica da diverso tempo. Il mio è un ruolo in cui c’è tanta carenza ed è molto delicato. Devo sia attaccare che difendere. Di terzini forti però ce ne sono tanti. Ho fatto tanta gavetta, ho imparato tanto, ma devo ancora lavorare molto. Il mio idolo è Marcelo, l’esterno più forte al mondo. Non mi mancano solo i suoi capelli, ma anche i suoi piedi».

Cremona non è Roma

«Mi piace rilassarmi, visitare qualche città nuova e guardare qualche serie tv. Poi tanto calcio. La mia famiglia, che sta a Roma, mi manca molto e anche la possibilità di mangiare tardi. Qua a Cremona alle 22 le cucine dei ristoranti chiudono, da me si mangia fino a mezzanotte e oltre. In cucina? Mi piace fare bene le cose. Non chiedetemi di fare una carbonara con il parmigiano invece del pecorino romano».

La Cremonese

«Abbiamo avuto un inizio difficile, con il calendario non ci ha aiutato. Ora arriva la sfida contro il Lecce, una neopromossa. L’affronteremo a viso aperto come facciamo sempre. Certo i valori sono diversi rispetto a Fiorentina, Lazio, Atalanta e Roma. Ci servono punti. Vogliamo prenderci una rivincita contro i leccesi. Lo scorso anno è capitato lo sfortunato autogol di Okoli. Siamo carichi, andremo a giocare il nostro calcio. Il mio primo gol? Una grandissima emozione. Dopo che la palla è entrata, non ci ho capito più nulla».

Leggi anche:   Effetto Domino Lazio: promozione della Lazio per 3 Match

Nazionale

«La Nazionale  è il sogno di tutti, ma serve lavorare tanto. Dopo sette partite di Serie A credo sia troppo esagerato parlarne».

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Intervista

Beppe Signori sprona la Lazio: ” Perde solo chi si arrende”

Published

on

signori lazio

Torna a parlare ai microfoni della Lazio Beppe Signori. L’ex capitano biancoceleste ha voluto lanciare un messaggio dopo la sconfitta di Europa League:

“Perde solo chi si arrende. Questo è il messaggio che ho voluto lanciare sui social nei confronti della squadra perché ci vuole forza e coraggio. Nella vita c’è sempre la speranza, basta avere pazienza e fare le cose con passione, poi i risultati arriveranno.

L’amore con la Lazio è sbocciato subito, nel 1992. Sono trent’anni di amore reciproco: con i gol ho provato a ripagare i tifosi biancoceleste per l’enorme affetto che mi hanno dimostrato sin dal primo giorno”.

Leggi anche:   Effetto Domino Lazio: promozione della Lazio per 3 Match
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Intervista

Lazio-Hellas Verona | Ciro Immobile: ” Risposta che ci aspettavamo”

Published

on

immobile lazio hellas verona

Al termine di Lazio-Hellas Verona, Ciro Immobile è intervenuto ai microfoni dei giornalisti

Tifosi

I tifosi ci hanno sostenuto dall’inizio alla fine, stanno facendo questa cavalcata con noi e speriamo continuino così. Sono stupendi, in queste partite sofferte abbiamo bisogno del loro supporto. Non mi abituo mai ad esultare con loro. L’urlo della Nord è stato come una liberazione, anche per l’andamento della partita: non riuscivamo a sbloccarla e c’era sofferenza”.

Risposta di Crescita

 “Questa era la risposta di crescita che ci aspettavamo da noi stessi. Sappiamo che in Europa sia difficile, porta via energie mentali e fisiche e serviva uno step in più. La società ci ha dato una mano con l’inserimento di nuovi elementi che ci stanno dando una mano. Abbiamo cambiato tanto da giovedì e questo ci ha portato a essere brillanti oggi”.

Sacrificio e gioco corale

 Il nostro è sempre stato un gioco corale, poi i miei compagni mi mettono sempre in condizione di segnare. Dal campo, anche giovedì in Europa League, non ho avuto la sensazione di essere meno coinvolto. Oggi forse ho avuto meno occasioni, ma l’importante è averne una fatta bene e buttarla dentro”. 

Zaccagni

 “L’abbraccio con Zaccagni? Mi aveva chiamato il pallone, ma glielo avrei lasciato lo stesso perché non ce la facevo più (ride, ndr).

Milinkovic e Luis Alberto

 Sergej è un giocatore incredibile, come Luis Alberto. I miei gol vanno divisi con loro. Mi mettono in condizione di esprimermi al meglio e mi conoscono come mia moglie. Faremo una cena a tre (ride, ndr)“. 

Leggi anche:   Abbonamento ss Lazio 2022-2023, dati alla mano
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.