Olimpiadi rinviati al 2021? Prima volta in un anno dispari

Olimpiadi rinviati al 2021. Stando a Kyodo News, il premier giapponese, Shinzo Abe e il presidente del Comitato Olimpico Internazionale, Thomas Bach, hanno concordato di rimandare al prossimo anno (sempre in estate) l’Olimpiade di Tokyo, in programma dal 24 luglio al 9 agosto, a causa della pandemia coronavirus. Il primo ministro del Giappone ha riferito ai giornalisti della telefonata di oggi con il numero 1 del Cio, spiegando che «la decisione di posticipare i Giochi è totalmente condivisa”. Già sabato il presidente Usa, Donald Trump, aveva preannunciato: “Presto Abe dirà la verità e farà un annuncio”. Arrivato da pochi minuti. Nel 2021 sarà la prima volta in un anno dispari. La stagione del 2020 in un certo senso finisce così: tutto il rest è relativo.

Leggi anche:   Taglio degli stipendi. La Juventus apre le danze e Ronaldo rifiuta 10,3 milioni di euro.

La richiesta del premier giapponese al presidente del Cio di rinviare i Giochi arriva dopo che molti Comitati olimpici nazionali, federazioni internazionali ed atleti, da giorni stanno avanzando la richiesta di spostare i Giochi di Tokyo dall’estate 2020 al 2021. In campo c’era anche l’ipotesi di spostate i Giochi ad ottobre (dal 9 al 25) ma il problema è legato al fatto che non ci sono garanzie sulla fine della pandemia. Il Comitato olimpico canadese, intanto, ha già dichiarato che non invierà «atleti in Giappone nel 2020», il Comitato olimpico australiano ha comunicato ai propri atleti di «prepararsi per il 2021», mentre lo sport americano ha reso noto che non manderà le sue nazionali. Dello stesso avviso anche altri Comitato olimpici, tra essi, Svizzera, Norvegia, Brasile, Germania. Contrari ai Giochi nel 2020 anche alcune federazioni internazionali, in primis la World Athletics con il presidente Sebastian Coe ha già lanciato l’opzione per il 2021 con possibile cambiamento anche delle date del Mondiale di atletica già previsto ad Eugene nell’agosto 2021. Il membro anziano del Comitato Olimpico Internazionale, Richard Pound, aveva fatto sapere che «sulla base delle informazioni fornite dal Cio, il rinvio è già stato deciso e i Giochi non inizieranno il 24 luglio».

Leggi anche:   FIGC, Gravina propone Luglio per ricominciare

Mondiali di Nuoto slittati due 2 anni

I Mondiali di nuoto a Fukuoka 2021 (16 luglio-1 agosto) dunque verranno rinviati probabilmente al 2023 al posto di Doha o a Doha, nel 2022 sono previsti gli Europei di Roma e i Giochi del Commonwealth. La Fina in una nota ringrazia gli organizzatori di Fukuoka perché dovranno sacrificare il loro ventennale e promette presto una rimodulazione dell’evento iridato.

Leggi anche:   Hernanes: “ Ho l’Italia nel cuore”