Connect with us

ExtraLazio

Non spegnete le luci a San Siro

Published

on

San Siro : la Scala del calcio è sinonimo di storia e tradizione tutta italiana

Potrebbe non esserci più, verrà abbattuto, forse tra tre anni, forse prima. San Siro, però, ci ha visti crescere. Il calcio, ma in genere il mondo, va verso una sola direzione: progresso, modernità, business. Parole che nel capoluogo meneghino si ripetono centinaia di volte al giorno, perché Milano è una città imprenditoriale a forte vocazione avveniristica, è forse l’unica italiana e tra le poche europee ad aver assorbito meglio di tutte la crisi mondiale dell’economia, ha infrastrutture solide e due squadre di calcio che, prima o poi, in un modo o nell’altro, torneranno ad essere ai livelli dell’attuale Juventus.

Già, lo hanno capito presto le dirigenze di Inter e Milan, tanto da presentare il progetto di un nuovo stadio che rimpiazzerà la Scala del calcio, perché la legge del progresso così impone: tutte, tra le big d’Europa, hanno una nuova casa, tutte hanno fatto i conti col passato e hanno deciso di soppiantarlo.

Beh, ma per far posto a cosa, nel concreto? Al comfort, principalmente: osservare le gesta dei campioni a un paio di metri, giusto lo spazio per steward e fotografi, dal terreno di gioco, sedere su poltroncine piuttosto che su seggiolini obsoleti, parcheggiare appena fuori la cancellata, prendere l’ascensore (a onor del vero, salire al terzo anello del Meazza è roba assai ardua per anziani o per chi è fuori forma), fare un giro al centro commerciale con la famigliola, sorseggiare qualcosa al bar, visitare il museo che contiene cimeli e trofei, eccetera.

Ecco, proprio quest’ultima attrattiva sa di presa in giro.

Dovremmo forse interpretarla come un richiamo alla tradizione, oltre che, ovviamente, alle imprese vincenti? Che senso avrebbe, se poi si danno in pasto alla dinamite l’impianto più iconico del calcio milanese e italiano? Gli avversari ne avvertono il fascino, nessuno vorrebbe sfigurare nel tempio del pallone; gli uomini di casa, specialmente i giovani e i prodotti del vivaio, sanno che calcare quel prato vuol dire avercela fatta. È un’arma per chi è accompagnato dalle ottantamila anime, nelle grandi occasioni che vedono l’impianto riempirsi, è un fattore che suscita timore negli avversari facilmente impressionabili, è una gioia per ogni ragazzino entrarci e sognare di ricevere anche solo un saluto dai campioni che vestono la maglia della propria squadra del cuore. Saranno moderni e in grado di attrarre i capitali dei grandi investitori del calcio, ma, a parte qualche rara eccezione, sembrano prodotti in serie, quasi modello fordista, questi nuovi stadi.

Poi certo, de gustibus. Ma c’è davvero tutta questa differenza tra un Wanda Metropolitano, un nuovo White Hart Lane e un Allianz Arena di Monaco di Baviera? A scanso di equivoci: tanto di cappello ad architetti e ingegneri che, con il loro impegno e in poco tempo realizzano opere di tutto rispetto. Ma il calcio non può essere solo innovazione e business, c’è una carica mistica in questo sport che altrove non c’è e gli stadi contribuiscono ad alimentarla in chi vive l’ambiente. Mazzola dice di sentirsi male al solo pensiero di non poter vedere mai più San Siro. Il campo che ha visto brillare decine di stelle come Meazza, Maldini, Baresi, Van Basten e Facchetti sarà con tutta probabilità un lontano, dolce ricordo. Stanno spegnendo le luci a San Siro, stanno spegnendo la passione per il calcio. Ci diranno che dobbiamo preoccuparci di politica, lavoro, temi sociali e che il calcio è solo uno sport. Chiediamo a queste persone di avere il coraggio di dirlo ad un bambino confuso e incantato dalla bellezza di un prato verde, sul quale rotola una palla di cuoio; quando avranno indurito il loro cuore a tal punto, potranno avere la pretesa di parlarci in questo modo. Buon progresso a tutti.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

ExtraLazio

Zaniolo insultato da alcuni tifosi romanisti: ” A’nfame…”

Published

on

Nicolò Zaniolo è sempre più lontano da Trigoria. Le voci arrivate nella nostra redazione qualche settimana fa, si fanno sempre più forti con l’attaccante giallorosso ai titoli di coda con il club e la Juventus in pressing per il suo cartellino.

L’attaccante quest’oggi è arrivato al centro sportivo eludendo tutti i tifosi che volevano un autografo senza fermarsi. All’uscita però, qualche autografo l’ha fatto ma in un silenzio tombale. Un gruppo di tifosi prima hanno cercato di convincerlo di non firmare con il club di Agnelli, poi alla ripartenza dell’auto, in un totale silenzio e faccia arrabbiata, qualcuno l’ha insultato con “a’nfame”

https://twitter.com/i/status/1544281206312898560

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

ExtraLazio

Il Lato B della figlia di Totti su Gente in prima pagina. Noi stiamo dalla parte dei genitori!

Published

on

Il Lato B di una tredicenne in prima pagina con allusioni alla madre da parte di una rivista è squallido ed i colori non c’entrano nulla. Quest’oggi non vogliamo parlare di calcio e mettiamo da parte gli sfottò dal momento che dei minori vengono usati per scopi di lucro rischiando anche di alimentare l’interesse della pedofilia e del darkweb.

Non pochi giorni fa, la figlia di Totti è stata paparazzata con il padre al mare. Sappiamo che questi tizi poi vendono le foto a centinaia di euro per lucrarci sopra e a seconda dello scatto più scandaloso il prezzo sale. Ma dal momento che c’è di mezzo una creatura di 13 anni, lo squallore non ha mai fine ed a cadere in quest’ultimo è il settimanale Gente.

Una prima pagina con il titolo ” La Gemella di Ilary Blasi” con il volto oscurato ed il lato b in vista. E non vogliamo credere che ci sia stata la censura alla faccia per motivi classici per chi ha la minore età visto che hanno lasciato libero il resto.

Un’ allusione eclatante al limite della denuncia per un settimanale che vende milioni di copie in tutt’Italia.

La stessa Ilary Blasi ha espresso il suo disgusto sulle sue stories di Instagram postando lo scatto e mettendo una faccina che vomita per coprire il lato b della figlia.

Si sono smossi molti utenti nella rete e anche molte associazioni contro il direttore della testata giornalistica.

Il 2020 forse ha fatto perdere il senno a qualcuno che pur di guadagnarci con il Gossip, una categoria che sinceramente non ha senso almeno per chi sta scrivendo queste righe, alimenta gli occhi della pedofilia.

Un disgusto totale ancora una volta per quel giornalismo che vuole a tutti i costi vendere copie e guadagnarci sopra, ok le fake news di mercato, ok a cavalcare l’onda della notizia che fa parlare di se… ma questa volta si è superato ogni limite!

Noi siamo dalla parte dei genitori!

Il giornale Gente….. gente di merda…..

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

ExtraLazio

Manchester United nello scandalo: Arrestato Harry Maguire in Grecia

Published

on

maguire arrestato

Il Manchester United ha una vicenda da risolvere in Grecia e spegnere lo scandalo che sta creando Maguire arrestato dalle autorità mentre era in vacanza.

Secondo alcune fonti si parla di una rissa con dei tifosi inglesi ed il classe ’93 è stato arrestato insieme al gruppo che ha creato disordini.

Il The Sun pubblica il comunicato ufficiale dei Reds:

 “Il club è al corrente del presunto incidente che ha coinvolto Harry Maguire a Mykonos. Sono stati avviati contatti con Harry che sta collaborando totalmente con le autorità greche. In questo momento non faremo ulteriori commenti”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor

Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design | Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.