Connect with us

News

Morte di Ciro, i Romanisti si dissociano dai “razzisti”

Published

on

ilromanista Ritorniamo di nuovo sulla morte del tifoso napoletano e sull’articolo scritto ieri. Il mondo del web si sta stringendo intorno alla famiglia del partenopeo in un unico abbraccio. Fortunatamente i fuochi che infamano la sua memoria sono pochi (anche se non ci dovrebbero essere per niente al mondo). Questa mattina “ilromanista” è uscito con una primapagina tutta nera in segno di lutto. Ritornando a quello che dicevo ieri, i tifosi hanno diverse fedi ma l’amore per il pallone è una cosa comune. A prescindere dalla razza,dal colore, dalla zona di provenienza, la gazzetta romanista ha lanciato un segno significativo che dovrebbe far capire qualcosa a coloro che stanno infangando la memoria di chi non c’è più.
Intanto De Santis è stato spostato dall’ospedale per paura di rappresaglie da parte di alcuni tifosi napoletani.
Daniele De Santis trasferito all’ospedale Betolle di Viterbo

OMICIDIO VOLONTARIO – Con la morte di Ciro Esposito si è inoltre aggravata la posizione dell’ex ultras della Roma con una militanza attiva nel mondo dell’estrema destra, già detenuto con l’accusa di aver sparato al gruppo di tifosi napoletani in viale di Tor di Quinto Non più tentato omicidio, ma omicidio volontario la nuova ipotesi di reato contestata dal Pm, Eugenio Albamonte, titolare dell’inchiesta. Uno dei legali della famiglia Esposito, Damiano De Rosa, ha reso noto che l’autopsia sul corpo di Ciro sarà effettuata al Policlinico Umberto I di Roma.

“E’ STATO LUI” – Intanto riecheggiano le parole con le quali – come raccontato dallo zio di Ciro Esposito, il tifoso napoletano avrebbe riconosciuto in foto Daniele De Santis: “Mi ha sparato lui, mi ha sparato un chiattone”. Disposta l’autopsia la salma del giovane partenopeo partirà alla volta di Scampia dove è prevista la camera ardente per il saluto di migliaia di napoletani. Venerdì alle 16.30, si celebreranno i funerali nella piazza dei Grandi Eventi.

IL CORDOGLIO DEL CAPITANO – Francesco Totti, simbolo della Roma e stella del calcio italiano, ha espresso tutta la sua vicinanza alla famiglia Esposito: “Il dolore per la perdita di un figlio – ha scritto il capitano giallorosso sul suo sito – è la cosa peggiore che possa accadere a un genitore. Da uomo e da padre do un abbraccio ai familiari di Ciro”. Anche altri azzurri di oggi e di ieri, come Lorenzo Insigne, Fabio Cannavaro, Pepe Reina e Dries Mertens, hanno dedicato attraverso i social network, un messaggio al povero Ciro.

Daniele De Santis trasferito all’ospedale Betolle di Viterbo

IL ROMANISTA IN LUTTO – Nella mattinata di oggi il quotidiano Il Romanista, in segno di lutto per la morte di Esposito è uscito con una prima pagina completamente nera. A piè di pagina poche righe con le dichiarazioni della mamma di Ciro, “Adesso in nome di mio figlio nessuna violenza. Giustizia non vendetta”, e dei parenti, “Chi ha gestito l’ordine pubblico deve pagare”. Il quotidiano poi scrive: “Mentre l’Italia pallonara si occupa di Prandelli e Balotelli noi siamo con le parole di Malagò: l’unico dramma è la morte di Ciro”. “È il momento del lutto, del silenzio, del rispetto. E che sia mantenuto sempre”.

Romatoday



Resta Aggiornato con il nostro Canale WhatsApp! Ricordiamo che il canale è protetto da Privacy ed il tuo numero non è visibile a nessuno!Iscriviti Subito cliccando qui sul canale di Since1900

Continua la Lettura
Advertisement

Since1900, Affiliato ufficiale di Binance

Advertisement

Ultime notizie

Classifica