Lotito a tutto tondo

Il patron biancoceleste Claudio Lotito, intervenuto ai microfoni di Rai2, ha parlato a tutto tondo della Lazio; dalle visite ai centri di riabilitazione insieme alla rosa laziale, fino alle sue intuizioni su alcuni pilastri della società capitolina. Queste le dichiarazioni del presidente: “Andare in visita ai centri di riabilitazione fa bene a tutte le persone che ci accolgono. Ho notato che il calcio sta al di sopra di tutto e anche solo sentire le voci dei loro beniamini, fa stare meglio i pazienti, gli da una spinta in più“.

Su Tare, Inzaghi e Milinkovic – “Come ho fatto a scovarli? Cerco di vedere oltre l’apparenza. Iniziando da Tare, essendo un ds è un riferimento per la società. Aveva caratteristiche fondamentali: determinazione, attaccamento al club, parlava più lingue. Savic è un’altra intuizione della società e può essere il fiore all’occhiello. E’ il miglior centrocampista della Serie A ed ha avuto una crescita esponenziale. Simone rappresenta la storia di questa squadra, ha potenziale: fu il primo giocatore che si mise a disposizione per negoziare il suo contratto; presi l’impegno di farlo poi allenare, ha sempre avuto visione di gioco anche quando era in campo e lo ha dimostrato anche con il settore giovanile“.

Su Rocchi – “Vorrei far fare a lui lo stesso percorso di Inzaghi. Ora ha vinto con l’Under 14 in finale contro la Roma, la voglia è quella di farlo salire di categoria“.