Connect with us

News

Le perplessità della Meloni :” Tusk deve chiarirci molte cose “

Published

on

MELONI
”Ho manifestato al premier Tusk la forte preoccupazione dell’Italia per gli incidenti avvenuti a Varsavia”
. A dirlo è stato il presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, parlando a Varsavia in conferenza stampa a margine dell’incontro con il primo ministro polacco, Donald Tusk, a proposito degli arresti dei tifosi biancocelesti avvenuti giovedì scorso. ”Ho chiesto al premier polacco di fare tutto ciò che è nei suoi poteri” per risolvere la vicenda ”ho chiesto di accelerare il più possibile l’applicazione delle regole nel rispetto delle leggi e della separazione dei poteri con un’attenzione particolare per le tante circostanze legate a questa vicenda particolare”, ha spiegato il premier.

Nella giornata di oggi ha ricevuto la lettera da parte dei genitori dei ragazzi arrestati

“All’ambasciatore italiano in Polonia, al presidente del Consiglio Onorevole Enrico Letta e al Ministro degli Affari Esteri Emma Bonino. Come saprete alcuni cittadini italiani stanno vivendo una spiacevole esperienza iniziata in occasione dell’incontro di calcio Legia Varsavia-S. S. Lazio del 28-11-2013. In tale occasione, prima dell’incontro di calcio sono state fermate preventivamente circa 150 persone e trattenute nei vari commissariati di Varsavia senza comunicazioni con l’esterno e sottoposte nelle successive 48 ore ad un giudizio sommario, in assenza di assistenza legale adeguata e di prove sufficienti, almeno per i casi dei procedimenti a cui alcuni familiari hanno assistito direttamente.

Il tribunale ha disposto la carcerazione di 22 ragazzi, prevalentemente intorno ai 20 anni, di cui
– 10 giudicati per direttissima e condannati a pene tra i due e sei mesi, con capi di imputazione non sufficientemente chiari perché ancora i legali non hanno avuto accesso ai relativi fascicoli.
– 12 rinviati a giudizio, ma sempre in stato di carcerazione preventiva in attesa di ulteriori prove.

Alla luce di tutto ciò i familiari e i parenti presenti a Varsavia per fare visita ai propri cari ingiustamente detenuti chiedono urgentemente:

1) Che il GOVERNO ITALIANO ai suoi massimi ed adeguati livelli intervenga presso le autorità della repubblica polacca affinché attivi immediati meccanismi per evitare che questi giovani cittadini italiani continuino a permanere in carcere per reati tutti da provare, reati che peraltro non hanno corrispondenza di pene in Italia e nel resto di Europa, e si pervenga al più presto alla SCARCERAZIONE.
2) Poiché per i ragazzi in carcere in attesa di giudizio la procura sta prospettando una ipotesi di patteggiamento per risolvere la situazione, si accerti quali conseguenze possa avere in Italia una condanna patteggiata in Polonia sul futuro di questi giovani.

In considerazione della presenza odierna a Varsavia del presidente del Consiglio, Onorevole Enrico letta, richiediamo un incontro per rappresentare la situazione ed esplicitare le proprie legittime richieste.

Le famiglie dei giovani ingiustamente trattenuti in carcere”.

Intanto, stando a quanto riferisce SkyTg24, il presidente del Consiglio Letta ha incontrato le famiglie dei ragazzi ancora trattenuti in terra polacca.   Da parte sua, il premier polacco Tusk ha assicurato: “Farò di tutto per accelerare le procedure” nel rispetto delle regole e “farò un appello al procuratore generale e al ministro della Giustizia affinchè seguano personalmente la vicenda al fine di evitare lungaggini”

Ringrazia il presidente del Consiglio Letta per aver sottoposto al premier polacco Tusk le vicende relative ai tifosi laziali trattenuti a Varsavia e per aver incontrato i loro familiari. Lo fa attraverso una nota pubblicata sul proprio sito, ma Giorgia Meloni “bacchetta” l’atteggiamento del primo ministro polacco, reo – a suo dire – di non aver “chiarito i motivi della retata preventiva messa in atto prima della gara tra Legia e Lazio, che ha portato al fermo di 149 italiani, tra i quali donne, bambini e disabili”. “Ci aspettiamo  a questo punto – prosegue Meloni – che il ministro Bonino segua anche lei, insieme al suo omologo polacco, la vicenda in prima persona e che questo grave episodio si chiuda tempestivamente, nel rispetto dei diritti dei nostri connazionali e con il loro rientro in Italia”.   

Ecco il testo integrale del comunicato. “Ieri avevo telefonato personalmente al presidente Enrico Letta per chiedergli di sottoporre al premier polacco, nel vertice bilaterale di oggi, il caso dei 22 tifosi italiani ancora detenuti a Varsavia e di incontrare i loro familiari che si trovano presso l’Ambasciata italiana in Polonia. Il presidente del Consiglio ha raccolto le nostre richieste e lo ringrazio per questo a nome mio e di Fratelli d’Italia, che ieri era a Varsavia con una delegazione composta dagli eurodeputati, Marco Scurria e Carlo Fidanza, per seguire da vicino la vicenda. Siamo lieti che Donald Tusk abbia preso pubblicamente l’impegno di accelerare le procedure ed evitare lungaggini, tuttavia il leader polacco non ha chiarito i motivi della retata preventiva messa in atto prima della gara tra Legia e Lazio, che ha portato al fermo di 149 italiani, tra i quali donne, bambini e disabili. Ci aspettiamo a questo punto che il ministro Bonino segua anche lei, insieme al suo omologo polacco, la vicenda in prima persona e che questo grave episodio si chiuda tempestivamente, nel rispetto dei diritti dei nostri connazionali e con il loro rientro in Italia”

LAZIALITA’

Leggi anche:   Beppe Signori: " I tifosi della Lazio valgono più di ogni scudetto"

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

News

Ritiro Lazio: spunta nuovamente la Turchia

Published

on

ritiro lazio

Nella rassegna stampa di Radiosei, si parla come la Lazio potrebbe andare in Turchia per il ritiro invernale. Nelle passate ore, Claudio Lotito aveva parlato di un ritiro a Formello con qualche amichevole estera per mantenere alto l’allenamento dei giocatori in vista della ripresa di Gennaio. Manca l’ufficialità per quanto riguardano le date e le amichevoli della rosa di Maurizio Sarri.

Sembrerebbe che la zona, in caso di partenza, sia quella di Antalya. Sembrerebbe che il Team Manager biancoceleste, Derkum, sia volato nella terra turca per un sopralluogo dei campi. La Lazio dovrebbero fermarsi tra i 7 e i 10 giorni giocando 2 partite con una terza prevista da un’altra parte.  Una zona dove il clima non è freddo e gli uomini del tecnico toscano troveranno circa 20 gradi.

In caso si confermasse invece il ritiro in casa Formello, i 3 match amichevoli dovrebbero essere sempre giocati in giro per l’Europa. Si attende solamente l’ufficialità sulla scelta.

 

Leggi anche:   Maneskin vs Lazio: la società risponde a Damiano dopo lo sfottò della fan con la maglia della Lazio
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Maneskin vs Lazio: la società risponde a Damiano dopo lo sfottò della fan con la maglia della Lazio

Published

on

maneskin lazio

Nell’ultimo concerto dei Maneskin avvenuto a Philandelphia, c’è stata una rissa. Damiano per stemperare gli animi ha attaccato la Lazio ed una sua fan che indossava la maglia biancoceleste tra le prime file degli spettatori. Tramite il suo profilo Twitter ha sottolineato come la cosa peggiore della Rissa fosse stata la maglia della Lazio indossata proprio dalla sua fan, scatenando uno sfottò sull’ultimo derby della Capitale.

Non poteva mancare la risposta della Lazio tramite il profilo Twitter citando proprio una loro canzone Zitti e Buoni:  «Sai com’è… – Cit.».

 

Leggi anche:   Lazzari nel giorno del suo compleanno festeggia il rinnovo e la ripresa degli allenamenti
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Il regalo della Lazio a chi ha sottoscritto l’abbonamento Tribuna Tevere Top

Published

on

lazio tribuna tevere top

La S. S. Lazio ha organizzato due giornate dedicate ai tifosi biancocelesti che hanno sottoscritto per questa stagione l’abbonamento in Tribuna Tevere Top.

Domani venerdì 2 dicembre e sabato 3 dicembre, questi abbonati potranno farsi fotografare insieme al nostro simbolo vivente, l’aquila Olympia, con il suo falconiere Juan Bernabé.

Queste indimenticabili foto potranno essere effettuate:

– venerdì 2 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 21:00 presso il Centro Commerciale Roma Est all’interno dello spazio antistante il Lazio Style 1900 Official Store;

– sabato 3 dicembre dalle ore 10:00 alle ore 19:00 nella piazzetta di via della Mercede, accanto al Lazio Style 1900 Official Store di via di Propaganda 8A.

Sarà sufficiente esibire il proprio abbonamento di Tribuna Tevere Top per poter usufruire gratuitamente del servizio e scattare la foto con Olympia.

Vi aspettiamo!

Leggi anche:   Il regalo della Lazio a chi ha sottoscritto l'abbonamento Tribuna Tevere Top
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza