Connect with us

Intervista

Lazio-Napoli: le dichiarazioni post gara

Published

on

Al termine della partita  Lazio-Napoli, la parola passa ai giocatori attraverso i microfoni di Lazio Style Channel. Il primo a parlare è Correa:

Alla fine del primo tempo abbiamo sofferto molto e infatti abbiamo preso il gol. Poi alla fine del match abbiamo avuto anche l’occasione giusta per pareggiare. Dobbiamo migliorare ancora qualcosa per riuscire a fare meglio. Voglio ringraziare i tifosi che ci sono stati vicini fino all’ultimo minuto, sono davvero contento dell’accoglienza che mi hanno riservato. Adesso serve massima concentrazione, dobbiamo lavorare ancora di più in vista della prossima partita contro la Juventus. Per quanto mi riguarda, voglio imparare a fare più gol e più assist”.

Il secondo a parlare invece è Strakosha:

“Per i primi 35 minuti c’eravamo solo noi, poi la stanchezza ci ha fatto prendere il gol. Nel secondo tempo hanno trovato il gol del raddoppio troppo presto e questo ci ha un po’ tagliato le gambe. Abbiamo perso contro una grande squadra, ma dobbiamo pensare di non essere inferiori a nessuno. Ora torniamo ad allenarci per essere pronti per la prossima partita. Dobbiamo stare con i piedi per terra e restare concentrati, sempre. Acerbi? È un giocatore di grandissima qualità e lo ha dimostrato anche oggi, ha aiutato sia in difesa che nella costruzione. Quello che è successo oggi ormai è passato, dobbiamo migliorare nei momenti di difficoltà, basta ripartire dalle abilità che abbiamo”.

Infine anche Acerbi ha detto la sua :

“Quel palo ancora trema, è andata male. Avremmo meritato il pareggio per la gara che abbiamo fatto. Dopo il gol del 2-1 non siamo più riusciti a riprenderla. Dobbiamo ripartire da quanto di positivo abbiamo fatto oggi e lavorare in vista di sabato. Il calendario avverso? Prima o poi bisogna giocare con tutti. Napoli e Juventus sono grandi squadre, ma sono fatte di uomini. Non ho mai visto volare nessuno per fare gol. Nessuno è perfetto, bisogna solo cercare di fare il possibile per seguire le indicazioni del mister. Oggi abbiamo perso, c’è rammarico, ma dobbiamo pensare subito a sabato. Il mio esordio con la Lazio? I compagni sono stati fantastici, mi hanno messo subito a mio agio. Dovrò fare sempre del mio meglio, questo è il mio obiettivo. Perché urlo in campo? (ride, ndr) Certe cose non riesco a dirle a voce bassa, alcune volte un incitamento ma anche solo una parola può tenerti sveglio, magari salvare un gol. Fa parte del mio carattere, del mio dna“.

Leggi anche:   Pellegrini, le prime parole in Biancoceleste: " Sono tornato a Casa nella mia squadra..."

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement