Lazio-Napoli. Inzaghi in conferenza stampa: ” Avversario ferito ma molto scomodo”

Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa in vista di Lazio-Napoli. Match in programma per Sabato alle ore 18.00 all’Olimpico Di Roma.

“L’avversario di domani è molto scomodo, è sempre arrivato secondo giocandosi fino alla fine lo Scudetto. Domani affronteremo una squadra ferita che ha voglia di raccogliere punti, sappiamo quanto è importante. Dovremo affrontare la gara con il massimo della concentrazione. Se pensassi al futuro, sbaglierei: dobbiamo pensare solo al Napoli che è una squadra che cerca punti. 

Correa sarà da valutare, ha un problema che gli ha portato fastidi anche ieri. Marusic sarà probabilmente indisponibile, mentre Jony, Cataldi e Lulic stringeranno i denti. Correa è un calciatore generoso e lo monitoreremo nelle prossime ore. Il Napoli ha inserito calciatori importanti nella loro rosa, ha nelle sue corde i primi posti della classifica. I partenopei verranno a Roma molto affamati di punti. 

Leggi anche:   FANTACALCIO – CONSIGLI PER LA VENTESIMA GIORNATA

Il confronto con il Direttore Sportivo Igli Tare è sempre molto aperto, se ci saranno opportunità per migliorare lo faremo altrimenti resteremo con i calciatori che ci hanno permesso di svolgere un grande cammino. Dopo aver vinto una Supercoppa e dopo aver raccolto grandi vittorie, domani ci aspettiamo un grande colpo d’occhio da parte di tutto lo stadio. I ragazzi meritano grande sostegno in un match molto importante e molto difficile. Abbiamo tutte le carte in regola per potercela giocare, i ragazzi sanno che tipo di avversario affronteremo. Sono orgoglioso di aver fatto parte dei 120 anni del Club. 

Leggi anche:   Cinquina alla Sampdoria, la Lazio stende la rosa di Ranieri con Immobile!

Sul piano dei risultati stiamo vivendo il momento più positivo, ma non è il più esaltante perché ho vissuto quattro anni ricchi di soddisfazioni. Non dimentico la Coppa Italia vinta con l’Atalanta, il percorso nell’Europa League 2017/18 o la prima Supercoppa vinta contro la Juventus. Spero di vivere ancora notti così emozionanti. Sono soddisfatto e nostalgico pensando al centenario, sono fiero di far parte di questa Società da allenatore e da calciatore. A Natale non mi ero visto con mio fratello Filippo, ho voluto conoscere il Benevento perché stanno facendo qualcosa di straordinario battendo il record della Juventus in Serie B. Ho visto come lavorano e mi sono complimentato con mio fratello e con la sua squadra. 

Leggi anche:   43 anni fa ci lasciava Re Cecconi: il ricordo della società

Speriamo di poter portare domani in panchina Correa, domenica scorsa ha riportato un piccolo indolenzimento. Contro l’Inter, il Napoli ha svolto un’ottima prestazione: i partenopei vantano una squadra importante, ricca di calciatori che possono far male in qualsiasi momento. Ci servirà una partita molto attenta, possono decidere l’incontro da un momento all’altro”.