Lazio 2 Frosinone 0: le aquile volano al terzo posto

La Lazio in casa sa solo vincere. Anche il Frosinone si arrende all’ Olimpico e in virtù degli altri risultati, ora la banda di Pioli si ritrova dopo 7 giornate al terzo posto a 1 punto dall’ Inter e 3 dalla Fiorentina e a più uno dai giallorossi. L’ enfant prodige Keita si alza dalla panchina ed entra risolvendo una partita ormai indirizzata sullo 0-0. Djordjevic chiude i conti e glissa il risultato sul 2-0. L’ uniche note dolenti sono gli infortuni ma si spera siano recuperabili.

PRIMO TEMPO:
Pioli sceglie la strada del turn-over e propone il 4-3-3. In porta Marchetti. In difesa, vista la squalifica di Mauricio e l’infortunio di De

555Vrij, i centrali sono Hoedt e Gentiletti. Sulle fasce confermato a destra Basta ma a sinistra gioca Lulic al posto di Radu. A centrocampo spazio a Cataldi per far rifiatare Milinkovic. Per il resto nulla di nuovo se non Khisna preferito a Keita. Stellone invece conferma il 4-4-2. Bertoncini sostituisce l’infortunato Diakitè. I quattro di centrocampo sono Chibsah e Gucher in mediana con Paganini e Soddimo sulle fasce.
Al 10’ Leali viene già chiamato in causa da Anderson ma il portiere devia. Sul calcio d’ angolo scaturito dalla deviazione Gentiletti sfiora il goal.
Al 12’ punizione per il Frosinone, tiro di Pavlovic ma Marchetti risponde in angolo. Il Frosinone si chiude bene nonostante il gran ritmo laziale. Al 35’ Kishna fa tutto da solo e tira a botta sicura ma esce di pochissimo fuori. Al 37’ Marchetti non ce la fa ed entra Berisha. Poco prima dell’intervallo colpo di testa di Parolo ma palla fuori.

Leggi anche:   La fake news su Ciro Immobile che vuole lasciare la Lazio per gli insulti. Giornalista terrorista

SECONDO TEMPO:

Il Frosinone cambia marcia e tenta il colpaccio. Bella azione di Dionisi ma Berisha salva in angolo. Passata la paura ecco il secondo cambio. Pioli decide che deve entrare Keita e sostituisce Kishna. Basta ha problemi alla spalla e deve uscire, al suo posto Konko.++5


Il Frosinone ci crede e al 20’ sugli sviluppi di un corner clamorosa traversa colpita da Blanchard. Ma la Lazio riparte subito e solo un attento Rosi evita il goal laziale salvando a porta vuota il tiro ravvicinato di Parolo. Problemi anche per Lulic ma sono esaurite le tre sostituzioni e Pioli scala Parolo terzino e Lulic in mediana. Al 35’ Keita decide di rompere gli indugi e segna allo stesso modo del preliminare, tiro e pallone che accarezza il palo prima di entrare. Il Frosinone non ci sta e Stellone invita i suoi all’attacco ma sugli sviluppi di una punizione a partita ormai finita, Leali la butta in area laziale ma la Lazio riparte in un contropiede 3 contro 1 dove Anderson davanti al portiere tenta un pallonetto che il numero 1 del Frosinone respinge però sui piedi di Djordjevic che sigla il 2-0 finale. La Lazio quindi sale a 15 punti e si ritrova nei piani alti della classifica a un solo punto dall’Inter.

Leggi anche:   Atalanta e tifoso del Napoli: le scuse per il " terrone di merd*"

IL TABELLINO DELLA PARTITA:

LAZIO (4-3-3) Marchetti (dal 37’ p.t. Berisha); Basta (dal 17’ s.t. Konko), Hoedt, Gentiletti, Lulic; Cataldi, Biglia, Parolo; F.Anderson, Djordjevic, Kishna (dal 16’ s.t. Keita). (Braafheid, Patric, Radu, Onazi, Milinkovic, Candreva, Morrison, Mauri, Matri). All. Pioli.
FROSINONE (4-4-2) Leali; Rosi, Bertoncini, Blanchard, Pavlovic (dal 41’ s.t. Castillo); Paganini (dal 29’ s.t. Tonev), Chibsah, Gucher, Soddimo (dal 40’ s.t. Verde); D.Ciofani, Dionisi. (Zappino, Gomis, Russo, Crivello, M.Ciofani, Frara, Gori, Sammarco, Carlini). All. Stellone.
ARBITRO : Di Bello di Brindisi.
AMMONITI: Dionisi (F), Biglia (L), Gentiletti (L) e F.Anderson (L), Keita (L)

Leggi anche:   Spadafora su Gasperini ed il suo Club Manager: "Giusto che si attivi la Procura Federale".

Ecco il video dei goal:

https://www.youtube.com/watch?v=NOIEdPBI6a4