Klose a Zurigo: ci sarà anche la sua firma sul muro dei campioni

Aveva saltato le sfide esterne contro Juventus e Sampdoria per dei problemi alla schiena, ma ieri sera è tornato titolare e ha segnato, dopo soli 8′, il gol vittoria nel match dell’Olimpico contro l’Inter, dimostrando ancora una volta il suo talento alla veneranda età di 37 (quasi 38) anni. Uno-due con Lulic, un paio di finte per mettere a terra Handanovic (insieme a Buffon il miglior portiere del campionato), pallonetto e mano che fa ok in segno di esultanza. Ancora due partite e dovremo salutarlo, Miro Klose andrà via da Roma una volta terminata la stagione, probabilmente per affrontare l’avventura in Major League Soccer. Il 15 maggio, probabilmente in un Olimpico semivuoto, darà il suo addio definitivo a compagni e tifosi dopo 5 anni.

Ma intanto oggi è volato insieme al presidente Lotito e al responsabile della comunicazione Stefano De Martino a Zurigo, dove, sempre nella giornata odierna, porrà la sua firma sul Muro dei Campioni, sito presso il Fifa World Football Museum.

Il museo, aperto solo da un paio di mesi, contiene già una vasta raccolta di oggetti originali che ripercorrono la storia dei mondiali, dalla prima edizione del 1930 all’ultima disputata in Brasile nel 2014. Tra questi non poteva certamente mancare la firma di Klose, il più grande realizzatore della storia dei mondiali con 16 realizzazioni totali.