Connect with us

Primavera

Keita è soddisfatto :” Orgoglioso della mia stagione “

Published

on

KEITA

Un campioncino in erba, un diamante che non può più essere definito grezzo. Keita Balde Diao ci ha messo sei mesi per far innamorare tutti i tifosi biancocelesti e non solo. Sono molti, infatti, gli estimatori del talento ex Barca: su di lui avrebbero posato gli occhi le grandi d’Inghilterra, ma la Lazio non ha intenzione di privarsi di quello che sta diventando il vero idolo del tifo laziale.Il numero 14 biancoceleste si è concesso un’intervista in patria in cui ha parlato del suo rapporto con la tifoseria biancoceleste, del suo futuro e dei suoi idoli.

Buonasera Keita. Già iniziate le vacanze? “Abbiamo giocato l’ultima partita contro il Bologna, venerdi saremo a Sofia dove giocheremo un’amichevole contro la squadra locale e poi inizieremo le vacanze”

Come giudichi complessivamente questa stagione? “E’ stata una stagione molto importante soprattutto per il lavoro che ho fatto. Giocando poi sono riuscito a prendere sempre più confidenza con i compagni, con il gol e sono molto orgoglioso del campionato che sono riuscito a fare”

26 partite e 5 gol. Una buona stagione per un calciatore di 19 anni… “Sono molto contento, senza dubbio è un ottimo bottino per me che sono ancora giovanissimo. All’inizio entravo gli ultimi 15/20 minuti, massimo una mezz’ora e non avevo molta confidenza con il campo. Poi iniziando a giocare titolare ho aumentato l’intesa con compagni e anche con l’allenatore. Sono molto contento siano arrivati anche questi gol.”

Quali sono i tuoi programmi per il futuro? Rimarrai alla Lazio? “Si, anche se adesso voglio pensare solo alle vacanze. Ora ho un contratto con la Lazio fino al 2017 e credo che resterò, sono molto contento qui”.

Il razzismo è un problema reale. abbiamo visto cosa è successo, ad esempio, con Dani Alves. Ti è mai capitato di subire episodi simili? “Non mi è mai capitato e penso sia una cosa stupida, chi lo fa è perchè non ragiona. Nel 2014 non vanno permesse certe cose, ma in ogni caso, 3/4 persone su un migliaio che fanno cose simili ci saranno sempre”

Qual’è la cosa più bella che ti è capitata nella tua carriera da calciatore? “Ho avuto tanti momenti belli nella mia giovane carriera. Uno in particolare è stato quando ancora giocavo nel Barcellona e vincemmo la Coppa all’Old Trafford. Poi ho avuto la fortuna di giocare con un campione come Miroslav Klose per esempio; ma anche contro calciatori come Pogba e Balotelli. Da loro cerco di imparare molto per aumentare la mia esperienza”

Qual’è un compagno che mai dimenticherai? “Hara Mateja e Hernanes, un grandissimo giocatore che è andato all’Inter, ma che mi ha aiutato tantissimo. Farà il Mondiale e spero faccia benissimo”

Un gol che ancora ricordi e che sempre ricorderai? “Quello contro il Napoli, a dicembre, allo Stadio Olimpico”.

Un rimpianto che ti porterai dentro? “Non aver centrato l’Europa League”.

Il tuo sogno? “Arrivare tra i migliori giocatori del mondo e vincere il Pallone d’Oro”.

Chi è il tuo idolo? “Cristiano Ronaldo”.

Il tuo campione preferito di gioventù? “All’inizio mi piaceva Parick Kluivert, poi Ronaldo e Ronaldinho: erano tutti grandissimi giocatori”.

Come procedono le pratiche per il passaporto spagnolo? “Ancora non sono in possesso del passaporto, ma ultimerò le pratiche appena sarà possibile”.

Tornerai un giorno al Barca? “No, non lo so. La vita è imprevedibile e non si sa mai cosa ci riserva il futuro”.

LALAZIOSIAMONOI

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Marco Bertini, dalla Primavera ad Auronzo con Maurizio Sarri

Published

on

bertini

Marco Bertini dopo una stagione deludente della Primavera può tornare a sorridere con una piccola soddisfazione. Il centrocampista, prodotto del vivaio biancoceleste, sta vivendo un sogno: quello di allenarsi con la Prima Squadra della Capitale agli ordini di Maurizio Sarri.

Il giocatore racconta ai microfoni di Lazio Style Channel le sue emozioni dopo il suo primo allenamento con la S.S Lazio.

Primavera Lazio

“Ho una maggiore consapevolezza nei mie mezzi rispetto a dodici mesi fa, poi devo dimostrarlo in campo. Purtroppo la scorsa stagione in Primavera non è stata positiva, non siamo riusciti a raggiungere la promozione. Dal punto di vista personale posso essere soddisfatto, ma non abbiamo ottenuto il traguardo collettivo.

Cancellieri e Marco Bertini

Cancellieri è cresciuto molto dalla semifinale di Coppa Italia in cui ci sfidammo. Sono felice che sia qui. Il mio obiettivo è allenarmi bene e dare tutto, poi tireremo le somme più avanti.”

Compagni in ritiro

Rispetto allo scorso anno ho un po’ più di esperienza e consapevolezza nei miei mezzi. Sono pronto quest’anno a dare tutto. Avere molti compagni della Primavera in ritiro forse mi permette di vivere più facilmente vivere il ritiro. Se dovessero avere bisogno di una mano sono pronto ad aiutarli.

Responsabilità

È un’emozione incredibile partecipare al ritiro della prima squadra da giovane del vivaio. C’è comunque anche un po’ di responsabilità, bisogna lavorare molto.

Il Ruolo di Marco Bertini

“Lo scorso anno ho ricoperto più posizioni in mediana, cerco di adattarmi al meglio ad ogni richiesta del mister”.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Tommaso Rocchi e Fabiani per il rilancio della Lazio Primavera

Published

on

La Lazio Primavera potrebbe cambiare faccia con Tommaso Rocchi e Fabiani. Sembra ormai scontato che Calori lascerà la Capitale dopo non aver centrato l’obiettivo.

Come riporta anche Lalaziosiamonoi, l’ex capitano biancoceleste sogna una carriera come quella di Simone Inzaghi. Tommasino dovrebbe incontrare Lotito la prossima settimana per fare il salto dall’Under18 alla Lazio Primavera. Ma con lui dovrebbe entrare nella società anche Fabiani, un ds che affiancherà Igli Tare sul settore giovanile.

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Lazio Primavera | Raul Moro non basta, si ripartirà dalla Primavera 2 un’altra volta…

Published

on

Brescia-Lazio ( primavera ) termina con la vittoria dei capitolini per 2 reti ad 1. Non basta però la rete di Raul Moro visto che nell’andata i bresciani si sono imposti per 3 reti ad 1.

Apre le danze Crespi dopo 21 minuti di gioco, 4 minuti dopo Raul Moro raddoppia per lo 0-2 ma i padroni di casa firmano il gol decisivo finale con Bianchetti, Lo spagnolo biancoceleste nel secondo tempo prova più volte a pareggiare il risultato dell’andata ma per ben due volte il pallone si ferma sui legni della porta.

Calori dovrà ricominciare da dove ha ripreso la Lazio Primavera: in Primavera 2 e addio sogno promozione.

Campionato Primavera 2 | Play-off, ritorno quarti di finale

Sabato 7 maggio 2022, ore 15:00

Centro Sportivo San Filippo (BS)

BRESCIA (4-3-3) – Prandini; Boafo, Maccherini, Castellini, Danesi (79′ Cappadonna); Bertoni (64′ Manu), Tomella, Fogliata; Bertazzoli (70′ Ferro), Del Barba (79′ Del Barba), Bianchetti. A disp.: Recaldini, Ferro, Vasta, Mainardi, Scalmana, Mor. All.: Gustavo Aragolaza

LAZIO (4-3-3) – Moretti; Floriani Mussolini (90′ Quaresima), Ruggeri, Santovito, Pollini (60′ Bedini); Troise (60′ Coulibaly), Ferro (90′ Tare), Bertini; Shehu (72′ Mancino), Crespi, Moro.  A disp.: Morsa, Furlanetto, Kane, Cantiani, Ferrante, Schuan, Adjaoudi. All.: Alessandro Calori 

Arbitro: Andrea Calzavara (sez. Varese)

Assistenti: Simone Biffi – Nicolò Moroni

Ammoniti: Ruggeri, Pollini, Troise, Crespi (L) Danesi, Tomella (B)

Espulsi: ///

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design