Connect with us

News

E’ il momento di guardare in casa nostra e non fuori

Published

on

Forse è il momento giusto anche se tardivo di aprire gli occhi, anche se i nostri sono spalancati da molti anni. Non siamo il Barcellona, non siamo il Real Madrid ma non siamo neanche il Carpi e ne il Latina con tutto rispetto per le ultime squadre citate. La  Lazio vive in un ambiente goliardico ed orgoglioso ma allo stesso tempo ogni tifoso vuol vincere come giusto che sia. La storia laziale insegna che sul campo non bisogna aver paura di nulla affrontando l’avversario onorando la Maglia centenaria che viene indossata dai nostri padri e nonni. Una tradizione che non vede limiti una tradizione che viene tramandata di Padre in Figlio.  Si è parlato moplto della partita della Roma contro il Sassuolo e contro il Frosinone accusando i cugini del risultato bugiardo che gli ha portato punti nelle loro tasche. Ma protestando solo su di loro e guardando sempre in casa loro cosa cambia alla Lazio? Nulla! Bisognerebbe puntare gli occhi a Formello. La Lazio di Pioli ieri ha rimediato l’ennesima umiliazione in trasferta, ma la cosa preoccupante è i gol subiti fuori da Roma sono saliti in doppia cifra in pochissime giornate giocate. Ma non guardiamo solo il campionato della Serie A cerchiamo di aprire gli occhi ed aggiungere la preparazione estiva e le partite in ambito europeo. La Lazio, anche se è presto non riesce più ad onorare l’aquila romana. Non puntiamo il dito su Hoedt, su Radu o su Pioli ma la colpa di tutto ciò non deve ricadere sul singolo ma sul gruppo che si è sfaldato in meno di 3 mesi. Sarà la partenza di Ledesma? Sarà la situazione di Mauri? O sarà il mancato mercato col contentino di una società che prima non soddisfa le richieste di un allentatore che nell’annata passata ha fatto miracoli unendo un gruppo di giocatori portandoli al terzo posto? Sia chiaro che quest’anno quel miracolo ancora non si vede e non c’è la certezza di rivederlo o almeno si spera. La situazione sta andando su una salita sempre più ripida con ostacoli sempre più alti. Le assenze di ieri contano poco anche se gli elementi mancanti erano di tutto rispetto ma il vero ingrediente fondamentale che ti fa vincere una partita è il vero assente in questa Lazio di quest’anno, ovvero la testa, il cuore e la voglia di vincere ma come riportato prima non deve esser svolto dal singolo ma dal gruppo. C’è bisogno di riscatto, c’è bisogno che la società deve tirar fuori gli attributi e sicuramente non c’è bisogno di guardare altrove per trovare delle soddisfazioni personali specie se la Roma perde o Pareggia. Lotito ha ordinato a Pioli di andare in ritiro fino alla gara contro il Genoa, cosa giusta ma non troppo visto che il pesce puzza dalla testa e non sotto al collo. Nessuno escluso NOI RIVOGLIAMO LA LAZIO E LA DIGNITA’!

Leggi anche:   Serie B Femminile | Chievo Verona-Lazio 2-2, Chatzinikolaou sbaglia il raddoppio ma recupera il risultato

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

Infermeria

Infermeria Lazio: Sarri ha un solo assente oltre a Milinkovic e Vecino

Published

on

infermeria lazio

La Lazio prosegue la sua preparazione invernale in questo stop per il mondiale del Qatar 2022. Nella sessione di oggi a Formello, solamente Marcos Antonio non si è presentato per un attacco influenzale. Dall’altra parte si attendono Milinkovic SavicMattias Vecino che sono stati eliminati entrambi dalla campionato mondiale ma che godranno ancora di qualche giorno di ferie.

Tutto il gruppo ha l’allenamento con Maurizio Sarri che vede l’infermeria vuota. Luis Alberto anche è tornato in gruppo dopo aver fatto una giornata di palestra nella giornata di ieri. Felipe Anderson provato ancora da Falso Nueve, in attesa di capire se quest’inverno arriverà un vice Immobile oppure no.

 

Leggi anche:   2 anni senza Arturo Diaconale: il ricordo della Lazio
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

News

Terremoto Juventus: nelle intercettazioni coinvolta anche la Roma

Published

on

spinazzola juventus intercettazioni roma

Arrivano nuove intercettazioni nel caso Juventusplusvalenze. Dopo le intercettazioni che hanno menzionato qualche club della Serie A come l’Atalanta, Genoa, Milan, Udinese e Bologna, spunta anche una telefonata tra Cherubini e Stefano Bertola. Come riporta la Gazzetta dello Sport, nell’intercettazione si parla anche di uno scambio con la Roma:

Se Fabio si svegliava la mattina e aveva mal di testa o beveva un bicchiere poteva firmare 20 milioni senza dirlo a nessuno. Era pericoloso (…)“. Dice Cherubini che si sente rispondere così da Bertola: “Sì perché va in loop“. E replica Cherubini: “Lui a un certo punto non aveva più questo filtro (…) Non agiva per la Paratici srl, ma per la Juve eh (…) Ha fatto un fuori giri! E ti ha portato a fare delle operazioni che in un contesto di normalità non puoi fare…Spinazzola-Pellegrini non puoi farlo“.

Leggi anche:   2 anni senza Arturo Diaconale: il ricordo della Lazio
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Lazio Women

Serie B Femminile | Chievo Verona-Lazio 2-2, Chatzinikolaou sbaglia il raddoppio ma recupera il risultato

Published

on

lazio women chievo

Nella giornata odierna di Serie B Femminile, Chievo Verona – Lazio termina con un pareggio. Ennesimo risultato positivo e consecutivo per le ragazze di Catini che recuperano il match nel secondo tempo. Apre le danze Proietti per il vantaggio biancoceleste dopo soli 7 minuti di gioco. Al 14esimo minuto di gioco la Chatzinikolaou calcia sopra la traversa il rigore che poteva portare le biancocelesti sul 2-0 e dopo solo 3 minuti, le padrone di casa ne approfittano pareggiando con la Ferrato. Il raddoppio gialloblù arriva a 3 minuti dalla fine del primo tempo con la Mascalzoni.

Nel secondo tempo Chatzinikolaou pareggia al nono minuto di gioco regalando un punto prezioso per la classifica. Con il pareggio odierno, le aquilotte mantengono il primo posto in classifica. Il Napoli vince 4-0 contro il Genoa e accorcia la distanza in classifica portandosi a 23 punti ( -3 dalla capolista biancoceleste ).

Tabellino Chievo Verona Women F.M. – Lazio Women 2 – 2

MARCATORI: 7′ pt E. Proietti (L), 23′ pt C. Ferrato (C), 42′ pt D. Mascanzoni (C), 9′ st D. Chatzinikolaou (L)

CHIEVO VERONA WOMEN F.M. (4-3-3): G. Bettineschi, C. Mele, H. Corrado, S. Zanoletti, D. Mascanzoni, V. Puglisi (↓ 17′ st), S. Kiem, S. Tardini (↓ 42′ st), A. Massa (↓ 27′ st), C. Ferrato, F. Alborghetti (↓)
A disposizione: A. Sargenti, P. Boglioni, I. Tunoaia, M. Scuratti (↑ 17′ st), K. Willis (↑ 27′ st), F. Salaorni (↑ 17′ st), Z. Caneo (↑ 42′ st), S. Ventura
All: Venturi Giacomo

LAZIO WOMEN (4-3-1-2): E. Guidi, F. Pittaccio, C. Groff, E. Kakampouki, A. Pezzotti, A. Castiello, L. Eriksen (↓ 36′ st), S. Colombo, E. Proietti (↓ 24′ st), N. Visentin (↓ 29′ st), D. Chatzinikolaou (↓ 36′ st)
A disposizione: S. Natalucci, F. Savini, A. Khellas, S. Vivirito (↑ 36′ st), C. Palombi, S. Fuhlendorff (↑ 24′ st), M. Toniolo (↑ 29′ st), S. Jansen (↑ 36′ st), L. Falloni
All: Catini Massimiliano

Leggi anche:   Terremoto Juventus: nelle intercettazioni coinvolta anche la Roma
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza