Connect with us

News

De Martino e le sue bacchettate ai tifosi

Published

on

LOTITO DE MARTINO
Stefano De Martino in mutande per Belen…”; “Stefano De Martino alla nona edizione di Amici….”; “sexy servizio fotografico per Stefano De Martino….”; Stefano De Martino mostra fiero il suo nuovo tatuaggio…”.

Se si digita su Google il nome “Stefano De Martino”,le prime 70 pagine (forse anche le successive ma meglio fermarsi…) offrono solo notizie di questo tenore: gossip e indiscrezioni o immagini da “rotocalco rosa”. Infatti, Stefano De Martino è un ex ballerino della trasmissione televisiva Amici che ha avuto la fortuna di diventare pochi giorni fa il marito della (forse) Show girl, oppure ballerina, oppure più semplicemente ospite di professione di bella presenza Belen Rodriguez.

Per trovare Stefano De Martino responsabile della comunicazione della S.S. Lazio bisogna digitare il suo nome insieme alla parola Lazio ed ecco apparire prima una serie di immagini di  bionde e folte chiome  e subito dopo la biografia del personaggio in questione su LazioWiki (http://www.laziowiki.org/wiki/De_Martino_Stefano) che recita così:Giornalista. Nominato nel luglio 2008 Responsabile della Comunicazione della S.S.Lazio. Fa parte di una Società, esterna alla S.S. Lazio, che si occupa di consulenza in tema di comunicazione. Per molti anni ha lavorato per la RAI”.

Niente più. Anzi no, anche 7 “mi piace” di FaceBook. Ma continuiamo a spulciare sul web e piano, piano appaiono una serie di celebri dichiarazioni rilasciate dal biondo giornalista qua e la. Anzi, quasi tutte la, ovvero ai microfoni di Lazio Style Radio 100.7; è praticamente impossibile trovare sue dichiarazioni o esternazioni rilasciate ad altre radio, TV o carta stampata. Forse si spiega anche così la scarna e striminzita descrizione che compare su LazioWiki.

Partendo dal presupposto che comunque ci si aspetterebbe dal responsabile della comunicazione della prima squadra della capitale che comunicasse, ovvero che intervenisse anche in altre sedi nei momenti di necessità. In quei momenti in cui sarebbe meglio che parlasse qualche“responsabile” della società, quando servirebbe far notare con i giusti modi e la giusta indignazione dei torti sportivi subiti, quando occorrerebbero immediate risposte a chi troppo spesso si diverte indisturbato a spalare materiale organico marrone e  maleodorante sulla Lazio o quando le cose non vanno bene e forse ai microfoni di radio e soprattutto TV (a pagamento e non) sarebbe meglio non accompagnare soltanto l’allenatore per fare il mea culpa della squadra, ripetere che quando rientreranno gli infortunati sarà un’altra Lazio e che dobbiamo essere più cattivo o chiudere prima le partite.

Invece, il responsabile della comunicazione della S.S. Lazio al massimo lo vediamo spingere il giocatore designato per le interviste a fine partita o suggerire sottovoce ai pochi giocatori che accompagna in sala stampa a quali domande non rispondere. Inutile e malinconico sarebbe il paragone con chi negli anni lo ha preceduto nel suo ruolo.

Appena insediatosi nel Settembre 2008, dopo essere rimasto stregato dall’ambiente nel ritiro di Auronzo e dall’ampio progetto pieno di iniziative, aveva dichiarato:“Torneremo a partecipare attivamente anche nelle trasmissioni televisive e radiofoniche e speriamo di poter realizzare al più presto un museo della Lazio. La Lazio è storia in questa città, una storia fatta di successi, personaggi e coppe. Per me è un dovere e soprattutto un piacere parlare e rispondere alla gente”. (http://www.lalaziosiamonoi.it/news/stefano-de-martino-inizia-la-nuova-era-della-comunicazione-294).

Ma sinceramente senza sintonizzarsi sulla radio di stato è difficile sentirlo parlare e rispondere alla gente laziale, così come risulta difficile rintracciare partecipazioni a trasmissioni televisive e radiofoniche dei giocatori della Lazio. Magari si riferiva al suo principale che, suo malgrado, si prende sulle spalle tutto il peso di interloquire a suo modo con i media tutte le volte che la Lazio vince, ma se perdere si “Demartinizza” anche Lotito. Sul museo siamo ancora in attesa di una sede permanente, nella speranza che intorno ad esso non debba prima nascere un nuovo quartiere residenziale con supermercati e cinema.

L’8 Agosto scorso De Martino, intervenendo ai microfoni di Lazio Style Radio, dichiarava che ilmercato non era ancora finito, ma la squadra mi trasmette entusiasmo. Il mister ha tante soluzioni. Il giudizio è molto positivo fino ad ora. Poi non sono il direttoresportivo, lo deve dire Tare. Lo ascolteremo, avremo modo di sentirlo”(http://lnx.lazialita.com/2013/08/08/fiuggi-de-martino-il-mercato-non-e-finito-ma-questa-lazio-gia-mi-entusiasma/).

Tralasciando le eventuali successive dichiarazioni del DS con il vizio delle “scommesse”calcistiche (che comunque possono provocare dipendenza….), pare evidente che a De Martino nessuno ad agosto avesse “comunicato” che in realtà il mercato della Lazio era già chiuso da tempo e che l’entusiasmo che gli trasmetteva la squadra era forse il risultato dell’effervescenza dell’acqua di Fiuggi.

Leggi anche:   Ritiro Lazio: ecco le due amichevoli in Turchia

Il prode “biondino”, il 2 Ottobre, questa volta ai microfoni di Lazio Style Radio 100.7, ammette che l’inizio di stagione è stato difficile, soprattutto per gli infortuni. Come se fosse difficile immaginare anche l’8 Agosto che Konko sarebbe stato a disposizione il 30% della stagione, che Ederson avrebbe avuto piccoli ma continui fastidi qua e la, che Klose non ha più 20 anni, che Anderson arrivava già azzoppato o che lo Sporting Lisbona non fosse poi così autolesionista nel lasciare andar via a zero euro un calciatore come Pereirinha che nelle ultime stagioni aveva collezionato non più di 11 presenze. Anzi 13 e in prestito alla squadra greca del Kavala. Il prode “biondino”, continua affermando che comunque siamo ancora ad inizio stagione, e che la sosta servirà per riprendere fiato. La domanda è: se dobbiamo riprendere fiato il 5 Ottobre, per marzo-aprile dobbiamo prenotare già oggi delle maschere ad ossigeno?

Ma il meglio di se De Martino lo offre quando ci “bacchetta” come tifosi laziali, perché lasciamo lo stadio vuoto o non ci facciamo sentire. Premesso che non vogliamo appropriarci di patenti di lazialità né toglierle a qualcuno, siamo comunque un po’ stufi di sentirci dire da vari comunicatori(più o meno ufficiali) del mondo Lazio come dobbiamo essere tifosi, in quanti dobbiamo andare allo stadio, con quale bandiera o sciarpa o cappellino, in quale settore, quando urlare o stare zitti, quando fischiare o applaudire.

De Martino, che al suo arrivo ci ha esibito la tessera degli Eagles Supporters, dovrebbe sapere bene che in passato non è mai stato necessario chiamare a raccolta i laziali o istruirli su come tifare; la gente laziale ha sempre capito quando c’era bisogno di farsi sentire e di trasmettere calore e coraggio a squadra e allenatore, di essere presente corpo e anima per spingere la Lazio oltre qualunque ostacolo. In questo modo la Lazio è diventata una seconda pelle anche per tanti calciatori originariamente non romani né tantomeno laziali.

Alle bacchettate di De Martino che ci incita a superare le “mere antipatie” per questo o quel personaggio della società, rispondo come fece un radioascoltatore intervenuto dopo la vittoria della Coppa Italia del 2009 ad una trasmissione radiofonica locale (non Lazio Style Radio 100.7…) che, per giustificare la sua assenza dallo stadio alla finale di pochi giorni prima, fece un paragone con l’attuale azionista di maggioranza sciorinando un elenco delle partite, spesso drammatiche, come Lazio-Catanzaro, Lazio-Varese, Lazio-Vicenza o spareggi per la serie C, in cui lui era presente a differenza dell’attuale presidente (“Io c’ero, lui no..”), citando infine l’ultima finale di Coppa Italia in ordine cronologico nella quale “lui c’era, io no…”.

Questa è la mera antipatia a cui fa riferimento De Martino, costringersi a non esserci per non confondersi con chi da quasi dieci anni oltraggia la società che dirige. Ecco perché oggi lo stadio è vuoto, ecco perché il tifo è tiepido e talvolta freddo. E chi asseconda l’azionista di maggioranza nei suoi atteggiamenti e nel suo operato non può che essere paragonato ai  filistei che faranno la stessa fine di Sansone”, quando verrà il momento. Perché nessun re e nessuna dinastia regnano in eterno, corte compresa. E questo vale anche per noi e per Lotito.

STEFANO GRECO

Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura
Advertisement

Biglietteria

Lazio Christmas Box: info e prezzi

Published

on

La Lazio ha annunciato oggi una nuova promozione natalizia. Un box di cinque partite ad un prezzo speciale. Ecco a voi tutte le info:

“A Natale non sbagliare regalo! Scegli lo speciale Lazio Christmas Box: un pacchetto di 5 partite di campionato in casa, in programma nei mesi di gennaio e febbraio, contro Empoli (domenica 8 gennaio alle ore 15:00), Milan (martedì 24 gennaio alle ore 20:45), Fiorentina (domenica 29 gennaio alle ore 18:00), Atalanta (sabato 11 febbraio alle ore 20:45) e Sampdoria (lunedì 27 febbraio alle ore 20:45).

Potrai acquistare il Lazio Christmas Box dalle ore 15:00 di oggi venerdì 9 dicembre alle 18:00 di sabato 24 dicembre in modalità online e presso i Lazio Style 1900 abilitati.”

Di seguito i prezzi:

SETTORIINTERODONNEUNDER 16 & INVALIDI 100%OVER 65
Curva Maestrelli€99€60€60
Distinti sud est€99€60€60
Tevere Parterre Centrale€150€90€90
Tevere Laterale€154€125€125€125
Tevere Top€225€150€150€150
Tevere Gold€270€165€165€165
Montemario€270€165€165€165

Leggi anche:   Lotito sul caso Juventus e rinnovo Milinkovic Savic
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Maurizio Sarri e la Promessa di Lotito: il tecnico farà mercato al posto dei ds

Published

on

sarri calciomercato lazio

C’è un accordo tra Maurizio Sarri e Claudio Lotito sul calciomercato. Sembrerebbe che il tecnico biancoceleste potrebbe seguire le orme di Sir Alex Ferguson con un progetto allenatore-manager.

L’allenatore toscano ha delle doti innate e lo stesso presidente biancoceleste dichiarò che lui vive di calcio h24 e la prova è che ha portato la Lazio al quarto posto.

Quello che si vocifera sui prossimi calciomercato, è che Sarri avrà carta bianca e sarà lui a decidere a prescindere se ci sarà Tare, Fabiani o eventuali altri ds in caso di partenza dell’albanese.

L’intuito che ha il tecnico toscano è davanti gli occhi di tutti, un allenatore che non chiede nomi eclatanti ma che riesce a scovare delle occasioni gratis o lowcost valorizzando la rosa. Basti vedere anche come ha fin da subito bocciato Fares e Kamenovic con Muriqi e Vavro.

L’obiettivo attuale è ancora quello di lavorare su Matteo Cancellieri e Marcos Antonio fino a rivalutare Maximiano come portiere anche se non è attualmente idoneo allo stile di gioco della sua Lazio.

Leggi anche:   Felipe Anderson ed il suo sogno, il brasiliano si racconta a Binance
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Calciomercato Lazio

Tra Tare e la Lazio spunta la Juventus? Tuttosport lancia la bomba

Published

on

tare juventus

Igli Tare ha un contratto con la Lazio in scadenza. Il ds biancoceleste, secondo tuttosport sarebbe entrato nel taccuino della Juventus con Federico Cherubini che dovrebbe dire addio alla vecchia signora a fine stagione.

Come riporta la testata giornalistica, non sarebbe un profilo idoneo per la società che vorrebbe un DS che sappia scovare dei giovani talenti e non giocatori da strapagare. I nomi citati per sostituirlo infatti sarebbero: Igli Tare, Giuntoli e Petrachi.

Ma per ora sono solamente delle voci in quanto l’operazione Prisma sta prendendo sempre più forma e la Juventus ha già avvisato ai suoi azionisti che non è esclusa una retrocessione dalla Serie A. Bisognerà vedere anche se il ds biancoceleste rinnoverà il suo rapporto con Claudio Lotito dopo alcuni attriti nell’ultimo calciomercato.

Leggi anche:   Ritiro Lazio: ecco le due amichevoli in Turchia
Incrementa le entrate del tuo sito con Ezoic del 50%
Continua la Lettura

Siti Web per Aziende e Privati

Sponsor


Prodotti Amazon S.S Lazio

Offrici un caffè Aiutaci a rimanere Online con una donazione libera





Post In Tendenza