Claudio Lotito ed l’idea playoff: ” Sfida secca con la Juventus”

Gli allenamenti della Lazio riprenderanno il 18 Maggio dopo l’annuncio di Giuseppe Conte nella conferenza stampa di ieri sera. Un ritorno in campo dopo che il Covid19 ha stoppato tutto il paese e la cavalcata biancoceleste verso la vetta della classifica.

In vista della ripresa, Claudio Lotito ha messo sul tavolo un piano con tutte le tutele per riaprire: medici speciali a Formello, tamponi, test sierologici, mascherine, tute e tutto ciò che serve non solo ai calciatori ma a tutto lo staff presente sul luogo di lavoro.

Spogliatoi sanificati, campi da gioco , lavanderie tutto potrebbe ripartire nella legge ma sopratutto nella sicurezza e mantenendo le distanze.

Leggi anche:   Assedio Mediatico: " Infastidisce ma non ci spaventa e ci compatta"

Il presidente della Lazio ha poi risposto a chi lo accusa di voler ricominciare solamente perchè è in lotta per lo scudetto:

“Se sospendessero ora, io sarei in Champions e risparmierei quattro mesi di stipendi”.Nelle ultime ore è stato anche fatto un pensiero ai playoff, naturalmente cosa che non piace al numero uno della Lazio:

 “Oggi sono a un punto dalla Juventus, ma all’andata ho vinto 3-1 e anche in Supercoppa Italiana l’ho battuta 3-1. E dovevamo ancora giocare il ritorno. Per equità una squadra come l’Inter, che ha 8 punti in meno di noi, o l’Atalanta, che ne ha 14 in meno, mi dica lei se devono essere coinvolte. Spareggio secco? Lo accetterei, ma non mi sono mai posto il problema. Ripartire in parte ci penalizza”.

Un percorso per cominciare che lega sia Lazio e la Roma dove le squadre romane bocciano l’idea delle retrocessioni bloccate evitando una Serie A da 22 squadre nella prossima stagione. Il problema poi si è spostato sui tamponi che secondo Lotito, ne basterebbero solamente 2500 per tutte le squadre della Serie A. Un’altra proposta è stata quella di collaborare con il Campus Biomedico di Trigoria lavorando parallelamente con i pazienti che necessitano le cure e sia con i giocatori per non togliere dei diritti ai cittadini.

Leggi anche:   Le Iene "minacciano" Lotito: " Se non chiarisci il caso Zarate mandiamo in onda il servizio il 2 Giugno"

Un’altra dichiarazione è stata quella di aver stipulato un’assicurazione a ogni suo dipendente che lavora nei reparti Covid a 1600 euro al mese.

Per quanto riguardano i match a campo neutro evitando le zone rosse, Lotito ha dichiarato: “A Roma e nel centro sud non ci sono problemi, se altri stadi non sono idonei una situazione si trova, in fondo in estate si va in ritiro”. 

Leggi anche:   Petkovic, le parole alla vigilia del 26 Maggio 2020