Connect with us

News

Ciro Immobile surclassa Messi e Ronaldo: è sua la Scarpa D’Oro!

Published

on

Ciro Immobile

Con Cristiano Ronaldo che non parteciperà all’ultima di campionato in Roma-Juventus, Ciro Immobile ha conquistato matematicamente la Scarpa D’Oro con un match in anticipo. Superato Lewandowski con il match contro il Brescia, il partenopeo conclude la cavalcata al premio in prima posizione a quota 35.

Contro il Napoli il numero 17 proverà a eguagliare il record assoluto italiano di Higuain di 36 gol stagionali in campionato e, in caso di doppietta, ci sarà un nuovo recordman nella Serie A.

La Lazio accoglie la notizia della mancata convocazione di CR7 in questo modo sul suo sito ufficiale:

Mancava solo l’ufficialità, è arrivata questo pomeriggio con il forfait di Cristiano Ronaldo: Ciro Immobile conquista la sua prima Scarpa d’oro! Un riconoscimento arrivato dopo una stagione irreale dell’attaccante della Lazio, con 35 reti segnate – 70 punti totali – e ancora 90′ da giocare.

Immobile ha messo in fila tutti i più grandi attaccanti mondiali, da Lewandowski (secondo a 34 gol) a Cristiano Ronaldo (terzo a -4), fino a Messi, Kane e Salah. Nessuno come King Ciro, che diventa quindi il primo attaccante nella storia biancoceleste a conquistare questo prestigioso premio e il terzo italiano in assoluto.

Negli ultimi 10 anni, il premio tanto ambito apparteneva a 3 giocatori che hanno segnato la storia del calcio moderno: Messi, Ronaldo e Suarez.

2009-10 Lionel Messi Barcellona3468
2010-11 Cristiano Ronaldo Real Madrid4080
2011-12 Lionel Messi Barcellona50100
2012-13 Lionel Messi Barcellona4692
2013-14 Cristiano Ronaldo Real Madrid3162
 Luis Suárez Liverpool
2014-15 Cristiano Ronaldo Real Madrid4896
2015-16 Luis Suárez Barcellona4080
2016-17 Lionel Messi Barcellona3774
2017-18 Lionel Messi Barcellona3468
2018-19 Lionel Messi Barcellona3672
2019-20 Ciro Immobile Lazio

Leggi anche:   La nuova Lazio 2022, in attesa degli altri rinforzi ecco come si presenterebbe
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura
Advertisement

News

Lotito arriva ad Auronzo e parla subito con i tifosi

Published

on

Il presidente della Lazio Claudio Lotito, è arrivato al ritiro della Lazio. Il patron laziale si è fermato a fare foto e autografi con i tifosi con un curioso siparietto su abbonamento e mercato:

” Ma gli abbonamenti quando li fate?”. Chiede e i tifosi rispondono cosi:

 ” C’è aria di cambiamento?” Lotito allora ribatte: ” Sì, ma contano solo i risultati. Stiamo ancora a 8500 abbonamenti contro i 36 mila della Roma“. Poi infine una battuta su Milinkovic: 

” Se vendo Milinkovic? Perché l’ho messo in vendita?”.

Leggi anche:   Calciomercato Lazio: Provedel, stretta per il vice Luis Maximiano
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

News

Romagnoli e l’ infortunio: cosa sappiamo

Published

on

Facciamo un po’ di chiarezza sullo stato di Romagnoli. Il calciatore è reduce da un infortunio recente con il Milan all’ adduttore. Appena arrivato alla Lazio il giocatore è risultato fuori forma e con una leggera pubalgia, ( come dichiarato da Patric) che non gli ha permesso di essere presente nell’ ultima amichevole. Ma Romagnoli nella seduta di ieri non ha presentato problemi seri anzi, ha completato la rifinitura senza difficoltà. Quindi il debutto è solo rimandato. Perciò nessun allarmismo, c’è solo bisogno di recuperare forma fisica e ritmo.

Leggi anche:   Romagnoli e l' infortunio: cosa sappiamo
Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Focus

Musiche Biancocelesti: l’inno della Lazio “Vola Lazio Vola”

Published

on

inno della lazio

Non poteva mancare una sezione al canto di amore per la ss Lazio con un Inno che risuona ad ogni partita con o senza musica. Un testo d’amore per la fede biancoceleste che tutti conoscono a memoria e ad ogni nota che risuona, l’emozione che si prova è unica.

Chi ha scritto l’inno della Lazio?

Il famoso inno Vola Lazio Vola, è stato scritto da Toni Malco nel 1983. Un testo pieno d’amore dove il cantante esprime tutta la sua lazialità. Il cantante non ha solamente riscosso successo fino a far diventare questa canzone l’inno ufficiale della società biancoceleste, ma un quotidiano spagnolo ” El Pais”, l’ha eletto come l’inno più bello d’Europa.

Il cantautore romano, ha svelato un retroscena sull’incisione del disco e Giorgio Chinaglia: Fu proprio Giorgio, che conoscevo dai tempi dello scudetto, a convocarmi nel suo studio nell’estate 1983. Mi disse che dovevo incidere un nuovo inno per la sua Lazio. Appena scrissi il brano insieme a Claudio Natili, l’idea fu quella di farlo cantare ad Aldo Donati che nel 1977 aveva già composto lo straordinario inno “So già dù ore”, ma visto che aldo era molto impegnato con la sua “Schola Cantorum”, declinò l’invito, esortandomi a cantarlo personalmente. Una volta registrato l’inno mi recai in sede e lo cantai per la prima volta alla presenza di Pulici, Lovati, la segretaria Grassi e naturalmente Giorgio Chinaglia.”

Testo Inno Lazio

Vola Lazio Vola

“Nel cielo biancoazzurro brilla una stella
Che in tutto il firmamento è sempre la più bella
Ed ogni volta che rintocca il campanone
Ho voglia di cantare questa canzone

Lazio sul prato verde vola
Lazio tu non sarai mai sola
Vola un’aquila nel cielo
Più in alto sempre volerà

Insieme a te aquilotto noi voliamo via
La domenica sempre ci fai compagnia
Con le bandiere al vento e un tuffo in fondo al cuore
Sono brividi forti e voglia di gridare

Perché il coro che famo tutti quanti insieme
Dice Lazio sei grande e te volemo bene

Lazio sul prato verde vola
Lazio tu non sarai mai sola
Vola un’aquila nel cielo
Più in alto sempre volerà

Ma questo grande amore non finisce davvero
Biancoazzuro nel cuore e nei colori del cielo

Vola sul prato verde vola
Lazio tu non sarai mai sola
Vola un’aquila nel cielo
Più in alto sempre volerà

Vola, sul prato verde vola
Lazio tu non sarai mai sola
Vola un’aquila nel cielo
Più in alto sempre volerà

Vola, sul prato verde vola
Lazio tu non sarai mai sola
Vola un’aquila nel cielo
Più in alto sempre volerà

Vola, sul prato verde vola
Lazio tu non sarai mai sola
Vola un’aquila nel cielo
Più in alto sempre volerà

Vola, sul prato verde vola
Lazio tu non sarai mai sola
Vola un’aquila nel cielo
Più in alto sempre volerà
Vola

Leggi anche:   La nuova Lazio 2022, in attesa degli altri rinforzi ecco come si presenterebbe

Seguici su Facebook!
Continua la Lettura

Post In Tendenza

Copyright © 2021 Since1900.it, powered by Alemanno Luca Design