Atalanta-Lazio: le pagelle

Atalanta-Lazio le pagelle

La Lazio riesce a rimontare a Bergamo dopo uno “svarione” che ha costretto Milinkovic a recuperare due gol nel primo tempo. Nel secondo tempo Luis Alberto risponde al rigore segnato dai neroblù concesso per un fallo netto di Bastos terminando i 90 minuti sul risultato del 3 a 3. Possiamo parlare tranquillamente di un punto guadagnato e non tre persi visto per come si erano messe le cose ad inizio gara e tenendo conto che l’Atalanta è sempre una squadra da non sottovalutare, anzi tutt’altro.

Strakosha 6,5: Il portiere è incolpevole sui tre gol subiti ma salva il risultato con una megaparata su Cristante e argina molto bene i tiri del Papu Gomez;

Bastos 4,0:  Il rigore dato nel derby non ha dato una lezione utile al giocatore. Scivolata all’interno dell’area di rigore, aggancio con la gamba di riporto al giocatore atalantino e frittata fatta. Anche le marcature durante la gara hanno lasciato molto a desiderare tanto che Inzaghi sceglie di toglierlo all’8′ minuto di gioco del secondo tempo facendo entrare Wallace;

Wallace (8’st) 4.5: Bocciato anche lui, non entra mai in partita, sbaglia un passaggio in orizzontale che porta i padroni di casa davanti la porta miracolosamente sbagliando la conclusione e rimedia un’ammonizione inutile;

De Vrij 5,5:  Partita sottotono, forse le voci di mercato lo hanno segnato psicologicamente in questi 90 minuti, mezzo colpevole sulla conclusione di Ilicic;

Radu 6: La distrazione dei compagni di reparto penalizzano anche la sua psiche di gioco ma almeno il romeno riesce a mettere una pezza su Petagna evitando il 3-0 che avrebbe chiuso i conti;

Marusic 5: Poco produttivo sulla fascia destra: un cross pericoloso e poco altro nel suo tabellino. Grave, poi, il mancato intervento che consente a Caldara di segnare;

Parolo 6+: il nazionale cresce pian piano nella gara dopo alcuni momenti di assenza, l’intelligenza di passare la palla a Milinkovic per il 2-2 rimediando l’assist nel tabellino di gioco;

Leiva 7:  oramai è la colonna portante del centrocampo e non solo, riesce a recuperare palla e fermare gli avversari in qualunque parte del campo.Sostituito al 75′ da Felipe Anderson;

Felipe Anderson 6,5: Ancora non è al 100% e si vede ma se queste sono le premesse per il corso del campionato, siamo sulla strada giusta. Si rende partecipe nell’azione che porta al gol di Luis Alberto;

Milinkovic 8,0: Nettamente il migliore in campo, firma la rimonta biancoceleste con una splendida doppietta. Giocatore fondamentale per questa S.S Lazio che anche nelle azione eccede con il lezionismo, trascina la la rosa verso la vittoria;

Lulic 5,5: ancora tanta corsa e nulla di concreto ma la voglia di fare è tanta e per questo aggiungiamo il mezzo voto ma se vuole rimanere nella storia della Lazio solo per il 26 Maggio la strada per la sufficienza è ancora lunga; esce ad un quarto d’ora dalla fine per Jordan Lukaku;

Lukaku (75′ st) 5,5: entra in campo ma non riesce a trovare la spinta che ci ha mostrato negli scorsi match. L’Atalanta riesce ad arginarlo in ogni azione anticipando le sue galoppate;

Luis Alberto 7,5;  Eccezionale, corre tutti e i 90 minuti, lotta, si imbuca e trova anche il gol. Regala in campo tutte le sue forze tanto che verso la fine del primo tempo si ferma per 2 minuti per la stanchezza ma sicuramente è lui la vera rivelazione della rosa;

Caceido 5,5:  In campionato assomiglia a Djordjevic in versione più scaltra. Per essere una punta non trova la giusta media gol. In compenso trova l’assist per il gol di Luis Alberto. Sotto la sufficienza per noi a livello di attaccante ma se era in un ruolo più arretrato o per giocare di sponda dato il suo fisico poteva arrivare a 6,5;

Inzaghi 7.5: Grinta e fede laziale, azzecca i cambi che per chi non lo conosce potevano sembrare azzardati togliendo Lucas Leiva ma riesce a far respirare la Lazio. Viene Espulso e rimane a bordo campo contro il volere dell’arbitro che lo voleva in tribuna.