Spadafora avverte la Serie A: ” Se non si ferma, lo faremo noi! Basta parlare di interessi economici!”

La salute prima del denaro è un opzione che qualunque cristiano e non preferirebbe nella vita. L’emergenza del Coronavirus però non ha fermato la Serie A e lo stesso Spadafora, è intervenuto ai microfoni di 90ismo minuto annunciando che il governo prenderà le redini in mano verso la sospensione totale dello sport:

“Il mondo del calcio si sente immune dal contagio, si parla solo di soldi. Confido in Gravina e aspetterò martedì, ma se non si prendono le loro responsabilità lo faremo noi“. Poi ha proseguito: “E’ vero che il decreto governativo prevede le porte chiuse, il nostro era soltanto un invito a fermarsi. Però nessuno di loro si prende la responsabilità, perché ci sono degli interessi. Il mondo del calcio, e in particolare della Serie A, si sente immune dal contagio, come se dovesse andare avanti a ogni costo. So benissimo che la partita è una grande occasione per i tifosi, però la situazione qui evolve ora dopo ora. Sono stato oggetto di messaggi violenti e di insulti, ma a me quello che interessa è la salute pubblica. La Lega non si assume le proprie responsabilità, Dal Pino rimanda sempre le decisioni ad altri. Questa gestione, da molti considerata insoddisfacente e anche da me, mi sembra che non sia consapevole della gravità della situazione. Aspetta che anche in A ci siano i primi casi di contagio? Cosa deve succedere ancora nel Paese?”.

Leggi anche:   Ennesimo attacco della Gazzetta dello Sport. Un giornale infantile si attacca ai rigori