Ripert avverte la Serie A: ” I ragazzi hanno fame e voglia di dare il massimo”

La sosta forzata per il coronavirus ha permesso ai giocatori infortunati e affaticati, di recuperare le energie e la forma fisica. A parlare di tutto ciò ci pensa il preparatore atletico biancoceleste Ripert:

“In questa settimana abbiamo apportato un lavoro individualizzato per coloro che avevano bisogno di recuperare, mentre abbiamo allungato il riposo per chi ne necessitava. Abbiamo sfruttato questa sosta per stabilire dei piani individualizzati. Le ultime due gare di campionato sono state più dispendiose sul piano fisico e mentale: ci avviciniamo alla fine del campionato e c’è voglia di far bene ed i ragazzi ce la mettono sempre tutta. I ragazzi hanno fame di risultati e continueremo a dare il massimo fino alla fine.

È importante saper cosa fare in questo periodo di emergenza: c’è paura perché quest’allerta potrebbe portare dei problemi allo svolgimento del campionato. Sarebbe un peccato condizionare questa competizione. Continueremo a lavorare sul piano individuale nel corso di questa sosta e nel corso anche della prossima.

A centrocampo c’è più movimento ed in quelle zone si spende di più sul piano fisico. Tutti i membri della squadra hanno voglia di aiutare il compagno, anche nel raddoppio delle marcature. Ogni singolo calciatore è predisposto al sacrificio, soprattutto sotto il punto di vista fisico.

Ci attende una gara che è sempre molto bella nella quale le due squadre si sono sempre misurate ad alta intensità. Speriamo di andare avanti in questo modo, la squadra è molto coesa così come l’intero gruppo di lavoro: si è creata una vera famiglia”.

Leggi anche:   Kumbulla alla Lazio: la verità di Setti, presidente del Verona ai microfoni di Radio Kiss Kiss