Giuseppe Conte annuncia 350 miliardi per gli Italiani: ” Non combatteremo l’alluvione con Stracci e Secchi”

Il presidente Giuseppe Conte ha annunciato il nuovo decreto per gli italiani: famiglie, lavoratori e aziende. L’emergenza Coronavirus ha messo in ginocchio psicologico molte persone italiane ma il governo tricolore non ha abbandonato i suoi cittadini in questi ultimi giorni.

“Abbiamo approvato il decreto legge contenente le misure economiche. Il governo è vicino a imprese, commercianti, liberi professionisti, famiglie, nonni, papà, giovani. Tutti i cittadini stanno facendo enormi sacrifici per il bene comune, un bene più alto: la salute pubblica. Nessuno deve sentirsi abbandonato, lo Stato è qui. Le misure di sostegno e di spinta che sono state inserite nel decreto ne sono concreta testimonianza. Stiamo offrendo una risposta concreta anche sul piano economico per la quale possiamo parlare di “Modello italiano”, così come per quanto riguarda il contrasto al virus. Siamo stati i primi a mettere a disposizione del sistema economico italiano – imprese, lavoratori e famiglie – 25 miliardi di euro, e attiviamo flussi per complessivi 350 miliardi. È una manovra economica poderosa. Non si contrasta un’alluvione con i secchi e con gli stracci, stiamo costruendo una diga per famiglie, imprese e lavoratori. Ora vogliamo che l’Europa ci segua, è una partita europea che va giocata con spirito di collaborazione. Con questo decreto, forte e deciso nei numeri e nelle misure, noi non esauriamo il nostro compito. Siamo consapevoli che non basterà. Però voglio dire che oggi il governo risponde presente, e lo farà anche domani. Dovremo anche ricostruire quel tessuto economico-sociale fortemente intaccato dall’emergenza. Con un piano di ingenti investimenti che dovremo promuovere con una velocità mai vista prima. Semplificazione, innovazione, alleggerimento delle tasse. Sono davvero orgoglioso, ho l’onore di guidare questa grandiosa comunità in un momento così difficile. Insieme ce la faremo”.

Leggi anche:   Serie A: le fasce orarie proposte dalla Lega... una di potrebbe non essere idonea