Bobby Adekanye racconta l’emozione con i tifosi della Lazio, il gol, il coro ed il sogno di alzare trofei

Bobby Adekanye è intervenuto a ELF Voetbal, raccontando la sua esperienza con la Lazio ed il coro goliardico della Curva Nord dedicatogli al posto di Giroud ” Che ce frega de Giroud non abbiamo Bobby-gol”

“Poche ore prima del mio primo gol con la Lazio si era chiuso il mercato dei trasferimenti invernali. Il club aveva tentato di acquistare Giroud, ma aveva fallito. In quel fine settimana ho avuto la possibilità di giocare contro la SpalPrima della partita, Ciro è venuto da me e mi ha detto ‘Bobby, oggi segnerai’. Ho segnato. I tifosi hanno iniziato a cantare ‘che ci frega di Giroud, noi abbiamo Bobby-gol’.

Le emozioni dopo il gol:

Leggi anche:   La gufata di Marione alla Lazio e la speranza chiamata Friedkin

Non ci potevo credere. Leiva dopo la partita è venuto da me nello spogliatoio e ha detto ‘hai già la tua canzone’. È stato il giorno più bello della mia carriera. In campo i pensieri sono tornati a tutte le lotte che abbiamo fatto io e la mia famiglia.

La spinta dei tifosi:

Leggi anche:   Massimo Cellino ed il biolarismo che gli fa cambiare idea: " Ricominciare è folle"

“I tifosi mi danno la possibilità di rimanere positivo. Mi permettono di essere più paziente e di aspettare le mie chance. E quando sono sul campo mi danno forza. Non devo essere nervoso perché mi supportano incondizionatamente. Sono qui da poco e hanno già fatto una canzone per me”

Sogni:

“Sogno di vincere trofei con la Lazio. Il coro dei tifosi è solo l’inizio”.